Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I Lakers frustrati credono che i falli non siano assegnati allo stesso modo

I Lakers frustrati credono che i falli non siano assegnati allo stesso modo

PHOENIX — Tutto ciò che LeBron James ha potuto fare è stato ridere domenica quando gli è stato chiesto della disparità nei tiri liberi nella sconfitta per 123-113 dei Los Angeles Lakers contro i Phoenix Suns.

Phoenix ha effettuato 19 tiri liberi rispetto agli soli otto di Los Angeles, che ha segnato un minimo stagionale per i Lakers e ha pareggiato per il minor numero di tentativi di questo tipo in qualsiasi partita per la squadra da quando James è entrato in franchising nel 2018, secondo la ricerca ESPN Stats & Information.

Mentre James era arrabbiato, il suo allenatore Darvin Hamm era arrabbiato.

“Non sono il tipo che usa gli arbitri come scusa”, ha detto Hamm. “Ma sta diventando sempre più difficile a causa dell'incoerenza. Vedo i nostri ragazzi comunicare nello stesso modo in cui dovremmo farlo. E il fischio non viene fischiato”.

Los Angeles è entrata in partita con una media di 24,7 tiri liberi a partita come squadra, la sesta in campionato.

“Questo è qualcosa su cui ci concentriamo, cercare di vincere la linea di tiro libero in ogni partita”, ha detto Hamm. “Ed è dura. Sto chiedendo ai miei ragazzi di scendere in basso; stiamo cercando di amare e vivere nella vernice. E non ricevi chiamate. Vedo ragazzi che mettono le mani nelle costole dei nostri ragazzi o si dondolano, sbattono sulla testa, cercando di bloccare il tiro ma senza prendere la palla, ma prendi un pezzo del corpo.

READ  La NFL sospende il proprietario dei Miami Dolphins, spoglia la squadra di scelte al draft nel tamper della sonda e nei carri armati

“Quindi, dobbiamo trovare il modo di non rendere questo un problema, ma è difficile. E ancora, è frustrante quando c'è così tanta incoerenza.”

Domenica i Lakers non hanno effettuato tiri liberi nel secondo tempo, segnando la prima volta che una delle squadre di James non ha tentato un solo tiro in nessun tempo da dicembre 2015.

“Molte persone, molti allenatori, molte squadre dicono: 'Tutto quello che fanno i Lakers è arrivare sulla linea del tiro libero'”, ha detto James. “È come se tutto ciò che facciamo è arrivare sulla linea di tiro libero. Voglio dire, abbiamo attaccanti. Questo è quello che facciamo. Abbiamo attaccanti. Sì, tiriamo la palla dal perimetro, ma non tiriamo 40-50 secondi una partita. Non siamo quella squadra. Non possiamo permetterci il lusso di essere quella squadra. Quindi, lavorare con la vernice è ciò in cui siamo davvero bravi.

“Effettuare otto tentativi di tiro libero non è sicuramente il nostro genere. Lo so, certo, stasera quando sono arrivato all'area di gioco sono stato colpito alcune volte che non era richiesto. Ma è così che stanno le cose”.

James, che ha una media di 5,4 tiri liberi a partita, ha tirato 1 su 4 dalla lunetta. Il lungo dei Lakers Anthony Davis, che ha una media di 6,9 tentativi di tiro libero a partita, non ha effettuato tiri liberi per la prima volta in tutta la stagione.

“Viviamo per raggiungere la linea di meta. Attacchiamo il canestro”, ha detto Davis. “Soprattutto quanto lottiamo con i tre, siamo un po' su e giù, quindi stiamo cercando di vivere nell'area e arrivare alla linea di meta. Non sono sicuro che siano stati solo gli arbitri a mancarla oppure sono stati loro.” “Ho subito fallo un paio di volte. Ma fa parte della nostra identità, del nostro DNA, è arrivare in linea e i ragazzi prendono ritmi del genere e poi giocano da lì.”

READ  È morto a 56 anni Gil de Ferran, vincitore della 500 Miglia di Indianapolis e icona brasiliana

È stata la prima volta nella carriera di Davis che ha giocato più di 40 minuti e non ha tentato un tiro libero, secondo i dati ESPN Stats & Info.

Per quanto i tiri liberi siano stati un fattore determinante, i Lakers non hanno fatto alcun favore a se stessi permettendo ai Suns di segnare 45 punti nel primo quarto verso un vantaggio che è cresciuto fino a 20 punti. Los Angeles ha ridotto il deficit a soli due punti alla fine del terzo quarto ma non è riuscita ad avvicinarsi ulteriormente.

Davis ha ammesso che i Lakers hanno permesso che le chiamate degli arbitri – o la loro mancanza – influenzassero la loro concentrazione.

“Che pensiamo di aver subito fallo o no, dobbiamo tornare [on defense] “Perché la squadra spingerà”, ha detto Davis. “Non vogliamo essere in svantaggio. È successo alcune volte stasera. Penso di averne avuto uno davanti alla panchina. Ma dobbiamo avere la mentalità la prossima partita e tornare sapendo che le squadre spingono e, nella maggior parte dei casi, ce la faranno pagare.”