Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I giocatori di Fortnite possono richiedere denaro in un accordo di Epic Games

I giocatori di Fortnite possono richiedere denaro in un accordo di Epic Games


New York
CNN

Milioni di utenti di Fortnite possono ora richiedere una piccola parte dei 245 milioni di dollari che la società madre del gioco ha accettato di pagare come parte di un accordo con la Federal Trade Commission degli Stati Uniti.

Giochi epici A dicembre ha risolto le accuse con la Federal Trade Commission secondo cui avrebbe utilizzato metodi ingannevoli che spingevano gli utenti a effettuare acquisti indesiderati nello sparatutto multiplayer diventato estremamente popolare tra le giovani generazioni alcuni anni fa. La Federal Trade Commission ha dichiarato martedì di averlo fatto Si è aperta la procedura di reclamo Più di 37 milioni di utenti sono potenzialmente interessati e possono beneficiare di un risarcimento.

Epic Games a dicembre ha accettato di pagare un totale di 520 milioni di dollari per risolvere le accuse del governo americano di aver indotto in errore milioni di giocatori, inclusi bambini e adolescenti, a fare acquisti non intenzionali e di aver violato la storica legge federale sulla privacy dei bambini.

In un accordo, Epic ha accettato di pagare 275 milioni di dollari al governo degli Stati Uniti per risolvere le accuse di violazione del Children’s Online Privacy Protection Act raccogliendo informazioni personali di bambini di età inferiore a 13 anni senza prima ottenere il consenso dei genitori. In un secondo accordo separato, Epic ha anche accettato di pagare 245 milioni di dollari in rimborsi ai consumatori che sarebbero stati danneggiati dalle scelte di progettazione dell’interfaccia utente che la FTC riteneva ingannevoli.

Martedì la FTC ha affermato in una dichiarazione che il produttore di Fortnite “ha utilizzato schemi oscuri e altre pratiche ingannevoli per indurre i giocatori a fare acquisti indesiderati” e ha anche “reso più facile per i bambini accumulare commissioni senza il consenso dei genitori”.

READ  Adobe Substance 3D utilizza l'intelligenza artificiale per trasformare il testo in sfondi e texture

(“Dark pattern” si riferisce a metodi di progettazione delicati e coercitivi utilizzati da innumerevoli siti e app che, secondo i critici, vengono utilizzati per manipolare i comportamenti digitali delle persone.)

La FTC sta ora avvisando gli utenti che potrebbero avere diritto a ricevere parte del fondo di liquidazione di 245 milioni di dollari. Gli utenti interessati potrebbero ricevere un’e-mail dalla FTC entro il mese successivo contenente il numero del reclamo oppure possono rivolgersi direttamente a Sito di insediamento e inviare un reclamo utilizzando l’ID account Epic.

Ecco chi può presentare domanda: utenti a cui sono stati addebitati nella valuta di gioco oggetti che non desideravano tra gennaio 2017 e settembre 2022, genitori i cui figli hanno effettuato addebiti sulle loro carte di credito in Fortnite tra gennaio 2017 e novembre 2018 o utenti i cui account sono stati bloccati Fortnite: tra gennaio 2017 e settembre 2022, dopo che si sono lamentati con la società della loro carta di credito per addebiti illegali. I richiedenti devono avere 18 anni di età; Per gli utenti più giovani, i genitori possono presentare un reclamo per loro conto.

Gli utenti hanno tempo fino al 17 gennaio 2024 per presentare un reclamo per essere inclusi nella classe di transazione. L’entità dei singoli pagamenti di liquidazione non è ancora chiara.

L’accordo di Epic con la FTC vieta inoltre alla società di utilizzare modalità oscure o di addebitare costi ai consumatori senza il loro consenso e impedisce a Epic di chiudere gli account dei giocatori in risposta alle richieste di riaddebito da parte di utenti con società di carte di credito che si oppongono ad addebiti indesiderati.

READ  Apple sta aggiornando la sua app Mac Chess per la prima volta dal 2012

“Nessuno sviluppatore crea un gioco con l’intenzione che finisca qui”, ha detto Epic in un post sul blog a dicembre quando ha raggiunto l’accordo. “Abbiamo accettato questo accordo perché vogliamo che Epic sia in prima linea nella tutela dei consumatori e fornisca la migliore esperienza ai nostri giocatori”, ha aggiunto.