Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I datori di lavoro stanno diventando più aperti ad assumere lavoratori anziani

I datori di lavoro stanno diventando più aperti ad assumere lavoratori anziani

Quando Paul Adler compì 65 anni, non si ritirò. L’ex dirigente IBM e poi impiegato del governo ha trovato un altro lavoro come insegnante supplente vicino a casa sua a Bethesda, nel Maryland, ma la strada per arrivarci richiede perseveranza.

“Ci sono stati diversi passaggi”, ha detto, “e sorprendentemente per me, ho continuato a premere”. “Quello che mi ha colpito di più del colloquio è stato che l’intervistatore voleva assicurarsi che, alla mia età, mi fossi impegnato a portare a termine. Sembrava scettica sul fatto che sarei stato sostituito regolarmente”.

L’apprensione dei lavoratori più anziani potrebbe cambiare tra i datori di lavoro – finalmente.

Più di tre datori di lavoro su cinque hanno affermato di aver prestato “molto” o “molta considerazione” ai candidati di età pari o superiore a 50 anni quando assumono nel 2022, secondo il New Workplace del Transamerica Institute. ricognizione.

E più della metà (53%) dei datori di lavoro concorda con l’affermazione: “Molti dipendenti della mia azienda prevedono di lavorare dopo i 65 anni o non hanno intenzione di andare in pensione”, secondo il rapporto, che ha intervistato 1.876 datori di lavoro e 5.725 lavoratori a scopo di lucro aziende.

Fonte: Transamerica Institute

I risultati fanno sperare che l’età sul posto di lavoro possa diminuire poiché i cambiamenti demografici costringono i datori di lavoro a prendere in considerazione i lavoratori più anziani, che spesso si dimostrano i dipendenti più soddisfatti.

“I venti contrari affrontati dalle persone in cerca di lavoro senior si stanno finalmente attenuando”, ha dichiarato a Yahoo Finance Kathryn Collinson, CEO e presidente del Transamerica Institute e del Transamerica Retirement Center senza scopo di lucro.

“Molti datori di lavoro stanno ora prendendo in considerazione candidati di età superiore ai 50 anni, un segmento della forza lavoro che storicamente è stato ignorato a causa dell’età”, ha affermato. “In molti modi, la pandemia ha aperto le porte sia ai datori di lavoro che ai lavoratori a causa della grave carenza di manodopera e del rapido sviluppo di accordi di lavoro flessibili che vanno dagli orari al lavoro a distanza”.

READ  Byju fa causa a prestatori "predatori" per un prestito a termine di $ 1,2 miliardi, non effettuerà ulteriori pagamenti

Chi pensa ai vecchi lavoratori?

Secondo il sondaggio, il 71% delle medie imprese e il 69% delle grandi imprese hanno dichiarato di dare “molto” o “molta considerazione” ai candidati over 50, oltre il 58% delle piccole imprese che lo ha affermato.

E più della metà dei datori di lavoro (54%) afferma che la cultura dell’azienda si concentra sulla crescita e lo sviluppo professionale dei dipendenti di tutte le età, compresi quelli di età pari o superiore a 50 anni. Mentre pochi datori di lavoro sottolineano “troppo” (17%), più di un datore di lavoro su tre sottolinea “molto poco” (37%) o “alcuni” (34%).

I programmi frequentemente citati includono consulenza tradizionale e/o inversa (48%), formazione professionale (46%) e programmi di sviluppo professionale (32%). Più di un quarto (28%) offre una formazione specifica che affronta le differenze generazionali e aiuta a prevenire la discriminazione basata sull’età.

Un grande uomo d'affari collabora con un manager più piccolo

(Getty creativo)

Ageismo inverso?

Sebbene “premuroso” in realtà non significhi che il datore di lavoro ha dato a un lavoratore 50 anni o più, ci sono nuove prove che l’occupazione aumenta per i lavoratori in quella fascia di età. Il tasso di disoccupazione per i lavoratori di età pari o superiore a 55 anni è sceso dal 2,8% dell’aprile dello scorso anno al 2,3% del mese scorso, secondo l’ultimo Bureau of Labor Statistics. un report.

Il rapporto Transamerica suggerisce che i datori di lavoro potrebbero finalmente mettersi al passo con la cruda realtà demografica. Entro il 2030, 1 persona su 6 nel mondo avrà 60 anni o più, secondo dati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Tre anni fa c’erano più persone sopra i 60 anni che bambini sotto i 5 anni.

“Il crollo dei tassi di fertilità a livello globale e l’aumento dell’aspettativa di vita porteranno a un forte calo della popolazione in età lavorativa”, secondo Bradley Schurman, un demografo strategico E l’autore di “The Super Age”, ha detto a Yahoo Finance.

READ  La misura dell'inflazione core preferita dalla Fed sembra in fase di raffreddamento

“I dipendenti più anziani che lasciano la forza lavoro potrebbero interrompere le industrie che dipendono dalla conoscenza e dall’esperienza”, ha aggiunto. “Questo tipo di perdita di competenze eserciterà pressioni sulle aziende affinché trovino modi per assumere e trattenere i lavoratori più anziani: una soluzione facile. Le aziende che non forniscono alloggi non sopravviveranno”.

Tuttavia, la discriminazione basata sull’età rimane un ostacolo per alcuni lavoratori. Man mano che i baby boomer invecchiano, scoprono di dover continuare a lavorare per far fronte ai loro obblighi finanziari, “ma molti credono che gli sia stato negato il lavoro a causa della loro età”, ha affermato Ramona Schindelheim, caporedattore. nazione lavoratriceper Yahoo Finanza.

UN ricognizione Pubblicato da AARP, ha rivelato che quasi 4 lavoratori anziani su 5 affermano di aver visto o subito discriminazioni basate sull’età sul posto di lavoro, la percentuale più alta da quando l’organizzazione ha iniziato a sondare l’argomento nel 2003.

Questo è ciò che rende il rapporto di Transamerica così avvincente. Il cambiamento, ha osservato Collinson, potrebbe essere all’orizzonte. Secondo il rapporto, solo il 5% dei datori di lavoro non ha preso in considerazione candidati di età superiore ai 50 anni.

“Questo è molto incoraggiante per me”, ha detto Collinson.

Lavoratori più anziani “più soddisfatti”

Per i datori di lavoro che assumono e mantengono i lavoratori più anziani, la ricompensa sono lavoratori felici.

Quei lavoratori che sono più soddisfatti di molti aspetti del loro lavoro sono i più anziani, secondo Sondaggio del Pew Research Center Condotto a febbraio su 5.188 adulti americani che lavorano part-time o full-time.

“Sebbene rappresentino una piccola percentuale della forza lavoro (7%), i lavoratori più anziani sono tra i più soddisfatti del proprio lavoro in generale e di vari aspetti del proprio lavoro, come i rapporti con i colleghi e il proprio manager”, Kim Parker , direttore della ricerca, dice a SELF Social Trends in Pew Research Center, Yahoo Finance. “È anche più probabile che trovino il lavoro piacevole e appagante, e meno probabile che lo trovino stressante o stressante, rispetto ai lavoratori più giovani”.

READ  Gli azionisti di Tesla seguono ampiamente le raccomandazioni del consiglio di amministrazione durante la riunione annuale
Studio dei banchi

Studio dei banchi

Due terzi (67%) dei lavoratori di età pari o superiore a 65 anni afferma di essere molto o molto soddisfatto del proprio lavoro in generale, rispetto al 55% di quelli di età compresa tra 50 e 64 anni e al 51% di quelli di età compresa tra 30 e 49 anni, e 44% degli under 18. fino a 29.

È anche molto probabile che affermino che il loro datore di lavoro si preoccupa del loro benessere il più o il più ragionevolmente possibile. Il sondaggio ha rilevato che il 61% delle persone di età pari o superiore a 65 anni lo afferma, contro circa la metà in ciascuno dei tre gruppi più giovani.

Il conte Adler è tra coloro che sono molto soddisfatti del proprio lavoro.

“Volevo continuare a lavorare e trovare uno scopo a questo punto della vita, e c’è un’incommensurabile vitalità nell’essere in mezzo ai giovani”, ha aggiunto Adler.

I suoi colleghi hanno scoperto che anche lui è bravo.

“Gli insegnanti ora mi chiamano e mi inviano direttamente un’e-mail per vedere se posso sostituire classi specifiche in giorni specifici”, ha detto. “Seguo le istruzioni dell’insegnante, mantengo gli studenti in pista e puntuali, rispondo ad alcune domande accademiche e spiego gli argomenti con cui stanno lottando.”

Per quanto riguarda l’invecchiamento come problema: “Non ho subito alcuna discriminazione basata sull’età, anche se alcuni ragazzi mi hanno detto che ero più grande dei loro nonni”.

Kerry è un giornalista senior e editorialista per Yahoo Finance. Seguila su Twitter @twitta.

Fai clic qui per le ultime notizie sulla finanza personale per aiutarti a investire, estinguere i debiti, acquistare una casa, andare in pensione e altro ancora

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finance