Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guerra tra Israele e Hamas: il cessate il fuoco inizierà venerdì mattina, secondo il Qatar

Guerra tra Israele e Hamas: il cessate il fuoco inizierà venerdì mattina, secondo il Qatar

Attacchi aerei e delle forze di terra israeliane hanno colpito il nord della Striscia di Gaza nel corso del conto alla rovescia per una tregua di quattro giorni, prevista per venerdì mattina.

Sono stati segnalati diversi scontri tra le forze israeliane e i gruppi armati palestinesi a Jabalia, un’area appena a nord della città di Gaza, che funzionari israeliani hanno descritto come una roccaforte di Hamas, il gruppo che governa la Striscia di Gaza.

L’esercito israeliano ha detto di aver circondato l’area giovedì pomeriggio, e in seguito ha aggiunto di aver scoperto sei aperture di tunnel durante un raid in un complesso alla periferia del quartiere, inclusa una all’interno di una moschea. Ha aggiunto di aver trovato anche equipaggiamento da combattimento, compresi lanciarazzi. Il portavoce dell’esercito, il tenente colonnello Richard Hecht, ha descritto Jabalia come un “punto caldo”.

Hamas, che il mese scorso ha lanciato un attacco contro Israele, ha costruito un labirinto di tunnel nascosti che secondo alcuni si estendono attraverso la maggior parte, se non tutta, la Striscia di Gaza, territorio da lui controllato. Lo smantellamento dei tunnel è una parte fondamentale dell’obiettivo di Israele di eliminare la leadership di Hamas in seguito all’attacco del 7 ottobre.

Amin Abed, residente a Jabalia, ha detto giovedì in un’intervista telefonica che più di 50 tra suoi parenti e vicini sono stati uccisi. Tra i morti c’era un vecchio amico che, secondo il signor Abed, aveva dovuto mettere insieme parti del corpo.

“Non contiamo più i martiri”, ha detto Abed, usando il termine che gli arabi usano per riferirsi alle persone uccise in guerra. “Il nord di Gaza è inabitabile e pericoloso”.

READ  La Cina pubblica i dati che mostrano il DNA dei cani procione in un mercato di Wuhan

Ha detto che lunedì ha cercato di fuggire dai combattimenti, ma ha sentito gli spari dei cecchini. Si stava rifugiando in un centro sanitario a Jabalia con migliaia di altre persone e ha detto di aver sentito forti colpi di arma da fuoco mentre le battaglie continuavano.

Il signor Abed ha detto di aver ricevuto giovedì una chiamata israeliana che lo avvertiva di non lasciare il “campo di battaglia” nel nord, ma è rimasto cauto nello spostarsi a sud, anticipando che Israele avrebbe espanso lì le sue operazioni di terra.

Il numero di persone che lasciano il nord di Gaza è diminuito, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, che ha attribuito il cambiamento alle aspettative che un cessate il fuoco fosse imminente. L’ufficio ha detto che circa 250 persone hanno camminato verso sud mercoledì, il numero più piccolo da quando Israele ha iniziato a ordinare agli abitanti di Gaza di fuggire attraverso un “corridoio” in via Salah al-Din.

Molte persone dovevano viaggiare a piedi e il signor Abed ha detto che alcuni dei suoi parenti e vicini, compresi bambini e anziani, non potevano percorrere tali distanze. Ha aggiunto che coloro che sono rimasti a Jabalia avevano un disperato bisogno di cibo, medicine e gas da cucina.

Ha detto: “La fame, la perdita dei propri cari e la stanchezza divorano la carne delle persone”. “Le persone stanno morendo lentamente.”

Israele ha concesso alcuni aiuti a Gaza ma si è opposto alle consegne di carburante, affermando che Hamas lo usa per attacchi missilistici e sta immagazzinando carburante destinato ai civili.

READ  Le forze dell'Etiopia e del Tigrino accettano i colloqui di pace guidati dall'Unione africana

Il Ministero della Sanità di Gaza ha stimato che il bilancio delle vittime questa settimana sia di oltre 13.000 persone, tra cui migliaia di donne e bambini.

Le Nazioni Unite hanno avvertito che il rischio di grave siccità e di malattie trasmesse dall’acqua sta aumentando alla luce della quasi totale assenza di acqua dolce nel nord. Ha aggiunto che l’oleodotto israeliano che trasporta l’acqua nella zona rimane chiuso e l’impianto di desalinizzazione locale non è ancora in grado di funzionare senza carburante.

I gruppi umanitari affermano di non essere riusciti a raggiungere il nord per distribuire acqua in bottiglia. I panifici hanno smesso di funzionare molto tempo fa e si dice che il grano scarseggi sui mercati. Il bestiame rischia la fame e i raccolti vengono sempre più abbandonati, hanno affermato le Nazioni Unite.

Giovedì ci sono stati anche segnali che molti abitanti di Gaza fuggiti verso sud cercheranno di tornare alle loro case durante il cessate il fuoco. L’esercito israeliano ha affermato che ai residenti non sarà consentito tornare nel nord durante il periodo di tregua e che si sta preparando alla possibilità di “disagli” da parte dei residenti che tentano di tornare.

L’esercito israeliano ha affermato che le forze israeliane rimarranno a Gaza durante la cessazione delle ostilità.