Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I partiti di destra in Cile hanno ottenuto la maggioranza nel voto sulla bozza di una nuova costituzione

I partiti di destra in Cile hanno ottenuto la maggioranza nel voto sulla bozza di una nuova costituzione

SANTIAGO (Reuters) – Domenica i partiti di destra cileni hanno ottenuto la maggioranza dei voti per eleggere i consiglieri per redigere una nuova costituzione, in netta inversione di tendenza rispetto alla maggioranza progressista che ha redatto la prima fallita riscrittura costituzionale.

Con il 95,13% dei voti contati, il Partito Repubblicano del Cile, guidato dall’ex candidato presidenziale conservatore Jose Antonio Caste, ha ricevuto quasi il 35% dei voti.

Una coalizione separata di partiti tradizionali di destra ha ottenuto poco più del 20% dei voti, mentre la coalizione di sinistra del presidente Gabriel Borik ha ottenuto il 29%. I partiti centristi hanno ottenuto i voti rimanenti.

“Oggi è il primo giorno di un futuro migliore, un nuovo inizio per il Cile”, ha detto Kast, che ha perso contro Boric nel 2021, durante un discorso a Santiago. Il Cile ha sconfitto un governo fallito.

I risultati finali determineranno la forma esatta di un consiglio costituzionale di 50 seggi che sarà responsabile della stesura di una nuova costituzione. Gli articoli avranno bisogno della maggioranza dei tre quinti per l’approvazione.

È l’ultimo passo di uno sforzo durato anni per riformare il copione dell’era della dittatura del paese dopo che quasi l’80% dei cileni ha votato per redigere una nuova costituzione nel 2020 a seguito di violente proteste contro la disuguaglianza.

I consiglieri costituzionali eletti domenica inizieranno a redigere una nuova costituzione a giugno sulla base di una bozza preparata da 24 esperti costituzionali nominati dal Congresso a marzo. Gli elettori approveranno o rifiuteranno la nuova proposta a dicembre.

La prima riscrittura è stata redatta da elettori in gran parte di sinistra e indipendenti e si è concentrata su benefici sociali, diritti ambientali, uguaglianza di genere e diritti indigeni.

READ  Xi lascia la Cina continentale per la prima volta dal 2020

Era considerata una delle costituzioni più progressiste al mondo, ma molti elettori l’hanno trovata troppo polarizzante e il processo è stato oggetto di polemiche.

Borik, che si è insediato lo scorso marzo, è salito al potere su un’ondata di ottimismo riguardo alla riforma, ma da allora i suoi indici di approvazione sono diminuiti poiché un’economia vacillante e un aumento della criminalità sono diventati una delle maggiori preoccupazioni per gli elettori.

Borik ha subito anche una sconfitta politica dopo aver dato il suo peso alla prima riscrittura, respinta da quasi il 62% dei votanti. Da allora, il presidente ha preso le distanze dal processo ma si è impegnato a sostenerlo.

“Il governo non interferirà nel processo e rispetterà l’indipendenza dell’entità nelle sue deliberazioni”, ha detto Borik ai giornalisti domenica mattina dopo il voto, aggiungendo che il governo agirà da garante e sosterrà le richieste del nuovo consiglio.

Dopo il discorso di vittoria di Kast, Borik ha parlato dal palazzo presidenziale La Moneda a Santiago e ha chiesto l’unità e ha esortato l’opposizione a imparare dal precedente tentativo fallito.

“Voglio invitare il Partito Repubblicano, che ha ottenuto una maggioranza indiscutibile, a non commettere gli stessi errori che abbiamo commesso noi”, ha detto Borik. “Questo processo non può riguardare la vendetta, ma mettere Shelley al primo posto.”

(Segnalazione di Alexander Villegas e Natalia Ramos) Montaggio di Lisa Shumaker

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.