Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Guerra di Gaza: Blinken dice che il destino del piano di cessate il fuoco è nelle mani di Hamas

Guerra di Gaza: Blinken dice che il destino del piano di cessate il fuoco è nelle mani di Hamas

Commenta la foto, Gli Stati Uniti spingono Israele e Hamas a raggiungere un accordo di cessate il fuoco

  • autore, Tom Batemann
  • Ruolo, Corrispondente del Dipartimento di Stato americano
  • Rapporto da In viaggio con Antony Blinken

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu “ha riaffermato il suo impegno” nei confronti del piano di cessate il fuoco a Gaza e che se non si faranno progressi, Hamas ne sarà responsabile.

Ha detto che la responsabilità ricade su “una persona” che si nasconde “dieci piani sottoterra a Gaza” per condurre il voto, riferendosi al leader di Hamas Yahya Sinwar.

Netanyahu non ha approvato pubblicamente ciò che Biden ha delineato e non ha detto se corrispondesse alla proposta israeliana di cessate il fuoco su cui si basava la dichiarazione di Biden.

La risoluzione indicava che Israele accettava ciò che Biden aveva presentato e invitava anche Hamas a fare lo stesso.

Martedì Hamas ha rilasciato una dichiarazione in cui accoglie con favore “ciò che è incluso” nella risoluzione.

Ma Blinken ha detto che la risposta di Hamas non è stata decisiva, aggiungendo che “ciò che è importante” è ciò che dice la leadership di Hamas a Gaza, “e questo è ciò che non abbiamo”.

Se la proposta non verrà portata avanti, “dipenderà da loro”, ha detto.

La proposta prevede un cessate il fuoco iniziale della durata di sei settimane, con il rilascio di alcuni ostaggi da parte di Hamas in cambio del rilascio da parte di Israele di un numero imprecisato di prigionieri palestinesi.

La seconda fase vedrà il rilascio dei restanti ostaggi da parte di Hamas e il ritiro completo delle forze israeliane da Gaza nell’ambito di un cessate il fuoco “permanente”, ma quest’ultimo resterà soggetto a negoziati.

Il viaggio di Blinken fa parte di un intenso sforzo diplomatico da parte degli Stati Uniti per cercare di convincere le due parti a fare progressi sulla proposta, ma il raggiungimento di un accordo deve affrontare ostacoli significativi.

Netanyahu ha ammesso che il gabinetto di guerra ha approvato il piano ma non ha espresso il suo sostegno inequivocabilmente. I membri dell’estrema destra del suo governo hanno minacciato di ritirarsi dalla coalizione e di provocarne il collasso se l’accordo fosse andato avanti, considerandolo una resa a Hamas.

Allo stesso tempo, è probabile che Hamas cerchi garanzie chiare che la proposta porti al ritiro completo delle forze israeliane e alla fine permanente della guerra.

Finora non c’è stata alcuna risposta ufficiale al piano.

L’effettiva proposta israeliana – che si dice sia più lunga della sintesi di Biden – non è stata resa pubblica e non è chiaro se differisca da ciò che il presidente ha espresso nella sua dichiarazione del 31 maggio. È stato presentato a Hamas giorni prima del discorso di Biden.

Commenta la foto, Blinken ha incontrato le famiglie degli ostaggi israeliani davanti all’hotel dove alloggiava

L’amministrazione Biden sta cercando di sfruttare la pressione pubblica come parte della sua campagna per spingere entrambe le parti ad andare avanti sulla proposta.

Martedì, mentre Blinken incontrava i funzionari israeliani a Tel Aviv, i manifestanti fuori dal suo hotel hanno alzato bandiere americane chiedendo un accordo. Molti portavano foto di ostaggi e cantavano: “SOS, USA” e “Confidiamo in te, Blinken, fai un accordo”.

Vicki Cohen, la madre del soldato israeliano Nimrod Cohen, 19 anni, rapito da Hamas il 7 ottobre, mostrava un cartello con la sua foto.

Ha detto alla BBC: “Siamo venuti qui per chiedere a Blinken e al governo degli Stati Uniti di aiutarci e salvarci dal nostro governo. Il nostro primo ministro non vuole riportare indietro i nostri cari, abbiamo bisogno del loro aiuto per fare pressione sul nostro governo. ” “

Il signor Blinken ha poi parlato con la signora Cohen e le famiglie degli altri ostaggi, compresi gli americani, durante una breve interazione con loro fuori dall’hotel.

Ha detto loro: “Sarete qui ogni giorno e noi saremo qui ogni giorno”.

Il Segretario di Stato ha continuato la sua vorticosa visita diplomatica, volando su un aereo militare statunitense alla capitale giordana, Amman, e da lì in elicottero fino al Mar Morto per partecipare a una conferenza di leader arabi che chiedono un maggiore accesso agli aiuti a Gaza devastata dalla guerra.

In un discorso alla conferenza, Blinken ha affermato che Israele ha compiuto “alcuni passi importanti” per garantire la consegna di aiuti a Gaza, ma ha insistito sul fatto che “può e deve fare di più”.

Ha anche annunciato 404 milioni di dollari in nuovi aiuti ai palestinesi, e ha esortato anche gli altri paesi a “intensificare” gli aiuti.

“Il terrorismo deve finire”, ha detto alla conferenza il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. “La velocità e la portata del massacro e delle uccisioni a Gaza superano qualsiasi cosa durante i miei anni come Segretario generale”, ha detto.

Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite Martin Griffiths ha descritto la guerra di Gaza come una “macchia per la nostra umanità” e ha chiesto 2,5 miliardi di dollari per soddisfare i bisogni umanitari dei palestinesi a Gaza da aprile a dicembre.

La guerra è iniziata dopo che Hamas ha attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo in ostaggio altre 251 a Gaza. Il Ministero della Sanità a Gaza, guidato da Hamas, afferma che da allora più di 37.000 persone sono state uccise nell’offensiva israeliana.