Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli sviluppatori di Diablo affermano che Activision sta tornando ai suoi vecchi trucchi per rompere la federazione

Gli sviluppatori di Diablo affermano che Activision sta tornando ai suoi vecchi trucchi per rompere la federazione

La Lilith di Diablo IV si prepara a discutere il suo caso davanti all'NLRB.

immagine: Bufera di neve

Quasi due mesi dopo che il CEO di Activision Blizzard, Bobby Kotik, ha annunciato che la società avrebbe finalmente iniziato a negoziare il suo primo contratto sindacale con Game Workers Alliance presso Raven Softwarei dipendenti di Blizzard Albany stanno attualmente lavorando Diablo IV, dice che l’editore è tornato per cercare di far fallire il sindacato. Accusano Activision Blizzard di aver riassunto lo studio legale Reed Smith per minare invece i loro sforzi normativi. Riconoscimento volontario della seconda unione d’impresa.

“Invece di adottare l’approccio di Microsoft e attenersi a un accordo di neutralità del lavoro, Activision ha preso la decisione chiara e consapevole di privarci dei nostri diritti fondamentali del lavoro, spendendo di nuovo centinaia di migliaia di dollari per un’azienda che distrugge i sindacati”, ha affermato l’Albany Game L’alleanza dei lavoratori, che regola cose come salari e assistenza sanitaria migliori e l’equilibrio tra lavoro e vita privata, tra le altre cose, ha scritto in un comunicato stampa mercoledì. Il gruppo afferma che Activision Blizzard sta chiedendo nuovamente aiuto a Reed Smith, un’organizzazione che fornisce “evitare l’unione‘, in un ‘futile sforzo’ per ‘ritardare il riconoscimento.’ Dicono i lavoratori, Reed Smith intende sollecitare il National Labor Relations Board a negare il diritto del gruppo di garanzia della qualità individuale di formare sindacati.

Quando viene chiesto di commentare, Il Call of Duty editore Non ha detto perché lo studio legale Reed Smith è stato riassunto o quanto stava pagando, ma ha confermato che avrebbe spinto di nuovo per un voto in tutto lo studio sull’adesione ai sindacati. “Dato l’impatto significativo che questo cambiamento potrebbe avere su circa 150 persone ad Albany (ex Vicarious Visions), riteniamo che ogni dipendente Albany che lavora in Diablo dovrebbe avere voce in capitolo in questa decisione; il portavoce dell’azienda Rich George ha scritto in una dichiarazione via mail. Email: “Questo non dovrebbe essere fatto da meno del 15% dei dipendenti”.

Continua:

Il team con sede ad Albany è un gruppo integrato che condivide l’attenzione sul franchise del gioco stesso e lavora sulle caratteristiche e funzionalità del gioco correlate. Questi dipendenti condividono grandi punti in comune nel loro lavoro e mantenere la coesione durante il complesso processo di sviluppo e produzione del gioco è essenziale.

A screenshot of an old Reed Smith presentation previews tactics for discouraging unionization.

Screenshot: Reed Smith

This is the Stessa guida operativa dell’ultima volta Quando Raven Software ha cercato per la prima volta di unirsi. In primo luogo, ha integrato il personale del QA direttamente in altre discipline all’interno dello studio più ampio e in seguito ha affermato che per questo e altri motivi l’intero studio dovrebbe votare sul sindacato piuttosto che su quelli in QA che già lo hanno sostenuto in modo schiacciante. Alla fine, il Consiglio d’azione nazionale si è schierato con i lavoratori, ma ha comunque ritardato l’azione per mesi.

Nel frattempo, Activision Blizzard ha collaborato con Reed Smith International All’epoca si vantava sul suo sito web Per aiutare le aziende a evitare e combattere i sindacati. Ha anche tenuto una presentazione PowerPoint Sul suo sito web Che includeva diapositive su come stanno andando i sindacati Sfruttamento dei lavoratori pigri e strategie per convincere i lavoratori che i sindacati sono una cattiva idea. Da allora questa presentazione è stata eliminata.

La rinnovata battaglia di Activision Blizzard contro i sindacati arriva appena due mesi dopo che Microsoft è attualmente pronta ad acquisirla per 69 miliardi di dollari, ha annunciato che sarebbe rimasto “neutrale” Sugli sforzi del sindacato per andare avanti. Parte di una campagna per ottenere l’approvazione normativa per la più grande acquisizione tecnologica della storia, sembra che potrebbe indicare anche un nuovo playbook Activision. apparentemente no. La transazione dovrebbe concludersi entro giugno 2023.

READ  Nintendo non ti consentirà di acquistare giochi digitali per Wii U e 3DS dopo marzo 2023