Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli Stati Uniti donano al fornitore di chip 162 milioni di dollari per supportare le industrie critiche

Gli Stati Uniti donano al fornitore di chip 162 milioni di dollari per supportare le industrie critiche

Giovedì l’amministrazione Biden ha annunciato l’intenzione di fornire 162 milioni di dollari in sovvenzioni federali a Microchip Technology, una società di semiconduttori con sede in Arizona che fornisce l’industria automobilistica, della difesa e altre.

Questo accordo è il secondo premio annunciato nell'ambito di un nuovo programma volto a garantire che le aziende americane che dipendono dai semiconduttori abbiano forniture stabili. Il mese scorso, l’amministrazione Biden ha annunciato una sovvenzione di 35 milioni di dollari a BAE Systems, un appaltatore della difesa.

Questo investimento consentirà a Microchip di aumentare la propria produzione di semiconduttori utilizzati in automobili, aerei, elettrodomestici, dispositivi medici e prodotti militari. L'amministrazione ha affermato che si aspetta che il premio crei più di 700 opportunità di lavoro nei settori dell'edilizia e della produzione.

“L'annuncio di oggi riguardante Microchip è un passo significativo nei nostri sforzi per rafforzare la catena di approvvigionamento dei semiconduttori legacy che si trovano in ogni cosa, dalle automobili alle lavatrici ai razzi”, ha affermato in una nota il ministro del Commercio Gina M. Raimondo.

Microchip prevede di utilizzare 90 milioni di dollari per modernizzare ed espandere una struttura a Colorado Springs e 72 milioni di dollari per espandere una struttura a Gresham, Oregon. Il management ha affermato che il finanziamento aiuterà Microchip a triplicare la sua produzione nei due siti e a ridurre la dipendenza dell'azienda da strutture estere. Per contribuire a realizzare i loro prodotti.

I chip dell'azienda non sono all'avanguardia ma sono componenti essenziali di quasi tutti i programmi militari e spaziali. Microchip è uno dei maggiori fornitori di semiconduttori per la base industriale della difesa e fa parte del programma Military Trusted Foundry. Svolge anche un ruolo fondamentale in settori importanti per l’economia nazionale, hanno affermato i funzionari statunitensi.

READ  Le azioni di Tesla salgono dopo che Morgan Stanley prevede che il supercomputer Dojo potrebbe guidare un'auto

Questo ruolo è diventato più evidente durante la pandemia, quando la carenza globale di chip ha puntato i riflettori su fornitori nazionali come Microchip. Mentre le fabbriche straniere di chip chiudevano per contribuire a contenere il virus, le case automobilistiche e altre aziende si affrettavano a garantire le forniture. Di conseguenza, la domanda per i prodotti Microchip è aumentata.

La carenza ha anche contribuito a stimolare i legislatori a preparare un disegno di legge di finanziamento volto a sostenere la produzione americana e a ridurre la dipendenza dai chip stranieri. Il Chips and Science Act del 2022 ha concesso al Dipartimento del Commercio 53 miliardi di dollari da investire nell’industria dei semiconduttori, inclusi 39 miliardi di dollari per sovvenzioni federali per incoraggiare le società di chip a creare strutture negli Stati Uniti.

Si prevede che il Dipartimento del Commercio inizierà ad annunciare premi più consistenti nei prossimi mesi per i principali impianti di produzione di chip di proprietà di aziende come Intel e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co., nota come TSMC.

Microchip aveva precedentemente annunciato piani per aumentare la capacità sia in Oregon che in Colorado, ma i finanziamenti governativi verranno utilizzati per espandere tali incrementi e riportare più produzione negli Stati Uniti, hanno detto i funzionari. Secondo i suoi documenti, Microchip fa affidamento su strutture esterne per produrre un’ampia percentuale dei suoi prodotti – circa il 63% delle sue vendite nette nel 2023 – una pratica relativamente comune nel settore.

Mentre l’attenzione si è concentrata sulla garanzia che le strutture statunitensi possano produrre alcuni dei chip più avanzati al mondo, crescono le preoccupazioni sugli investimenti cinesi in semiconduttori meno avanzati, noti anche come chip legacy, che aiutano ad alimentare automobili, computer, razzi e lavastoviglie.

READ  Un dirigente della Exxon Mobil è stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale

I funzionari statunitensi si chiedono se tali investimenti potrebbero aumentare la dipendenza degli Stati Uniti dalla Cina o consentire alle aziende cinesi di minare i concorrenti. ministro del Commercio Egli ha detto Si prevede di avviare un sondaggio questo mese per determinare in che modo le aziende statunitensi ottengono i loro vecchi chip e riducono i rischi per la sicurezza associati alla Cina.

L’accordo annunciato giovedì è un accordo preliminare e non vincolante. Il Ministero del Commercio condurrà la due diligence sul progetto prima di raggiungere i termini definitivi dell'aggiudicazione.

Il dipartimento ha dichiarato di aver ricevuto più di 570 manifestazioni di interesse e più di 170 pre-domande, domande complete e piani concettuali da aziende e organizzazioni interessate ai finanziamenti.

Don Clark Ha contribuito riportando da San Francisco.