Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati hanno finalmente visto la materia oscura miliardi di anni fa

Gli scienziati hanno finalmente visto la materia oscura miliardi di anni fa

Gli scienziati hanno finalmente scoperto la materia oscura miliardi di anni fa sulla Terra.

I ricercatori sono stati in grado di studiare la natura della materia oscura che circonda le galassie com’era 12 miliardi di anni fa. Questo è miliardi di anni prima di quanto siamo stati in grado di vedere prima.

Gli scienziati sperano che le scoperte paranormali riveleranno i segreti ancora misteriosi della materia oscura che è una parte importante ma in gran parte sconosciuta del nostro universo.

Ha già fornito indizi allettanti sulla storia del nostro universo. I ricercatori affermano che i risultati suggeriscono che le regole di base dell’universo erano diverse nei suoi primi tempi.

Come suggerisce il nome, gli scienziati non possono vedere direttamente la materia oscura, perché non emette luce. Invece, gli scienziati in genere osservano mentre la luce viaggia attraverso le galassie che vogliono esplorare e misurano come viaggia: più è distorta, più diventa materia oscura.

Tuttavia, le galassie più lontane – che vediamo come esistevano miliardi di anni fa – sono troppo deboli perché questa tecnica funzioni. Non è stato possibile rilevare correttamente la distorsione e la materia oscura è rimasta impossibile da analizzare.

Ciò ha impedito agli scienziati di cercare la materia oscura oltre 10 miliardi di anni fa. Il tempo prima e l’inizio dell’universo, 13,7 miliardi di anni fa, sono rimasti impossibili da capire.

Gli scienziati ora affermano di aver aggirato questo problema utilizzando una fonte diversa: le microonde emesse dal Big Bang. Il team ha misurato il modo in cui queste microonde si sono distorte piuttosto che la luce, quindi sono stati in grado di vedere la materia oscura dall’universo primordiale e guardare le galassie subito dopo la loro formazione.

READ  La missione DAVINCI della NASA verrà lanciata nel 2029 per raggiungere la superficie di Venere

“La maggior parte dei ricercatori utilizza le galassie sorgente per misurare la distribuzione della materia oscura dal presente a otto miliardi di anni fa”, ha aggiunto il professor Yuichi Harikan dell’Istituto di ricerca sui raggi cosmici dell’Università di Tokyo. Tuttavia, possiamo guardare più indietro perché abbiamo utilizzato il CMB più lontano per misurare la materia oscura. Per la prima volta, abbiamo misurato la materia oscura dai primissimi istanti dell’universo”.

I risultati hanno rivelato una serie di sorprese, tra cui mostrare il modo in cui la materia oscura si raccoglie nell’universo primordiale. La teoria suggerisce che la materia oscura dovrebbe restare unita e formare grumi nell’universo, ma c’era molto meno del previsto.

“Quello che abbiamo trovato è ancora incerto”, ha detto Hironao Miyatake dell’Università di Nagoya, che ha guidato il team. “Ma se è vero, suggerisce che l’intero modello è difettoso e che si torna indietro nel tempo. Questo è eccitante perché se il risultato persiste dopo che le incertezze sono state ridotte, potrebbe indicare un miglioramento del modello che potrebbe fornire informazioni sulla natura dell’oscurità materia stessa».

Un articolo che descrive i risultati è stato pubblicato in messaggi di revisione fisica.