Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli osservatori affermano che l’OPEC è “nel panico” mentre i colloqui sul clima della COP28 si concentrano sulla potenziale eliminazione dei combustibili fossili

Gli osservatori affermano che l’OPEC è “nel panico” mentre i colloqui sul clima della COP28 si concentrano sulla potenziale eliminazione dei combustibili fossili

DUBAI, Emirati Arabi Uniti (AP) – Gli sforzi per liberare il mondo dai combustibili fossili sporchi hanno guadagnato così tanto slancio da provocare un potente nemico: l’industria petrolifera, hanno detto sabato i negoziatori veterani dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite.

Venerdì scorso, diverse fonti di notizie hanno riferito che il leader dell’OPEC, il potente cartello petrolifero, ha scritto agli Stati membri all’inizio di questa settimana esortandoli a bloccare qualsiasi linguaggio che possa eliminare gradualmente i combustibili fossili. La notizia ha avuto un effetto fulmineo, puntando i riflettori sugli Emirati Arabi Uniti, paese ospitante e petro-statale, che ha chiaramente interessi petroliferi ma vuole anche mostrare al mondo che può portare la conferenza verso un risultato sostanziale.

Gli attivisti ambientali, ancora sofferenti dopo decenni di soft power accumulato dagli interessi petroliferi che hanno impedito a tali discussioni di vedere la luce, hanno sorriso ai segnali che il supercartello stava girando intorno ai carri.

“Penso che siano nel panico, forse i sauditi non possono fare da soli quello che hanno fatto per 30 anni e stanno bloccando il processo”, ha detto Alden Meyer, analista del think tank sul clima E3G.

L’ex presidente irlandese Mary Robinson ha detto: “Hanno paura. Penso che siano preoccupati”.

Robinson, co-presidente del gruppo di leader in pensione The Elders, è ora un importante attivista per il clima. Ha detto che la preoccupazione dell’OPEC “mi dà speranza”. Lo scorso mese Si è scontrata pubblicamente con il capo dei negoziati COP28Sultan Al Jaber, che è anche amministratore delegato della Compagnia petrolifera nazionale degli Emirati Arabi Uniti.

L’inviato cinese per il clima Xie Zhenhua ha descritto la conferenza sul clima di quest’anno come “la più difficile” della sua lunga carriera. Ha detto che la controversa questione dell’eliminazione graduale potrebbe essere risolta entro un giorno o due.

READ  L'inviato degli Stati Uniti vede un "cambiamento dipendente" nelle relazioni NATO-Asia tra le sfide della Cina

L’inviata tedesca per il clima Jennifer Morgan ha suggerito che qualsiasi richiesta di bloccare un accordo avrebbe un impatto maggiore sui piccoli paesi vulnerabili all’innalzamento del livello del mare causato dal riscaldamento globale.

“In questo momento, i paesi qui stanno lottando per la propria vita. Le piccole isole e la maggior parte dei paesi qui sono molto attivamente coinvolti in questa discussione in modo reale”, ha detto in un’intervista. non è una responsabilità avere una posizione che può significare – significherà – una vita.” “E la morte di diversi milioni di persone.”

Ma non tutti i paesi in via di sviluppo la pensano allo stesso modo.

“Lo sviluppo dei nostri Paesi dipende, infatti, dall’uso dei combustibili fossili”, ha affermato Issefi Bourema del Niger, segretario esecutivo della Commissione sul clima per il Sahel. “Non è facile per paesi come il nostro accettare un testo che prevede l’abolizione dei combustibili fossili oggi. Non è facile, quindi cosa facciamo dopo?”

“Penso che nella dinamica della diplomazia multilaterale dobbiamo evitare l’egoismo, l’egoismo del Nord nei confronti del Sud”.

Majed Al Suwaidi, direttore generale della COP28, ha minimizzato l’importanza del messaggio dell’OPEC, affermando che il team degli Emirati Arabi Uniti che gestisce la conferenza sul clima si sta incontrando con i negoziatori per raggiungere un accordo ambizioso. Il cartello petrolifero non ha alcun collegamento ufficiale con i negoziati sul clima.

“Sono fiducioso che otterremo un buon risultato che vi sorprenderà”, ha detto Al-Suwaidi all’Associated Press.

L’OPEC non ha risposto immediatamente ai messaggi in cerca di commenti. Sabato i manifestanti hanno bloccato brevemente l’offerta dell’OPEC ai colloqui sul clima, chiedendo l’immediata eliminazione dei combustibili fossili.

Mentre le discussioni ruotavano attorno al messaggio e alle modalità di transizione dai combustibili fossili, il mondo si avvicinava a decidere dove si terrà la conferenza sul clima l’anno prossimo, un terzo paese petrolifero. L’Azerbaigian ha annunciato che ospiterà la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP29) a Baku, dove ha avuto origine uno dei primi giacimenti petroliferi della storia. Ma i funzionari delle Nazioni Unite hanno affermato che l’accordo non era ancora stato completato perché non erano stati presentati i documenti adeguati.

READ  Sparatoria in Ontario: 2 morti, 3 feriti in due sparatorie

La presidenza della conferenza si è messa in mostra Affare dopo affareMolti di essi includono impegni per centinaia di milioni o addirittura miliardi di dollari, ma hanno trascurato la questione principale della riduzione delle emissioni. Quando si tratta di frenare i gas climalteranti, un importante gruppo di scienziati che analizza gli impegni, le azioni e i potenziali aumenti della temperatura ha affermato in un rapporto pubblicato sabato che non tutte le misure sono sufficientemente lungimiranti.

“La presidenza della COP28 ha ottenuto molto su un’ampia gamma di iniziative volontarie, pur adottando una posizione ambigua e debole sulla questione centrale dell’eliminazione graduale dei combustibili fossili”, ha affermato Bill Hare, CEO di Climate Analytics e coautore del rapporto. .

La tempesta delle polemiche è arrivata sabato con le proteste al Dubai Convention Center Accelerarecon una “Giornata mondiale di azione” che esorta i paesi ad agire con decisione per fermare Cambiamento climatico I funzionari di vari paesi hanno parlato con sempre maggiore urgenza alle riunioni ufficiali. La retorica dell’OPEC ha alimentato la loro rabbia.

“Con le politiche attuali, il pianeta è sulla buona strada per raggiungere in futuro una temperatura di 2,9°C (5,2°F sopra la temperatura preindustriale). Non possiamo adattarci così tanto al riscaldamento; le perdite e i danni saranno incalcolabili”, ha affermato John Silk. Marshall Il ministro delle Risorse naturali delle Isole: “Per noi sarà una condanna a morte”.

Ha aggiunto: “Non andremo in silenzio alle nostre tombe”.

La rapida eliminazione dei combustibili fossili è emersa come una questione centrale nei colloqui che si avvicinano ai giorni finali. Attivisti ed esperti hanno avvertito che il mondo deve ridurre rapidamente l’uso di petrolio, gas e carbone, che causano un pericoloso riscaldamento globale.

READ  Quasi tutta la popolazione mondiale è esposta al riscaldamento globale nel periodo da giugno a settembre, afferma lo studio

Mohamed Addo, direttore di Power Shift Africa, ha descritto la lettera del 6 dicembre del segretario generale dell’OPEC Haitham Al-Ghais come “vergognosa” e ha affermato che “le cose stanno ormai per quanto riguarda l’energia sporca”.

I negoziatori stanno lavorando allo sviluppo del linguaggio in un documento chiave chiamato “Inventario globale”. Mostrerà quanti progressi ha fatto il mondo dall’accordo di Parigi del 2015 – in cui i paesi hanno concordato di limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) rispetto all’epoca preindustriale – e cosa dovrebbe fare dopo.

La nuova proposta su come limitare il riscaldamento globale, pubblicata venerdì pomeriggio, ha rafforzato le opzioni di eliminazione graduale dei combustibili fossili tra cui i negoziatori potevano scegliere. Quattro delle cinque opzioni richiedono una versione di eliminazione rapida.

I negoziatori stanno valutando il luogo delle consultazioni di sabato sera.

“Questa è anche una buona opportunità per i paesi che speriamo cerchino di trovare le zone di atterraggio di cui abbiamo così disperatamente bisogno”, ha affermato il ministro dell’Ambiente danese Dan Jørgensen.

Quando gli è stato chiesto se fosse nervoso per l’esito della seduta, ha risposto: “Molto nervoso”.

___

Ha contribuito la giornalista dell’Associated Press Olivia Chang.

___

La copertura climatica e ambientale di AP riceve il sostegno di molte fondazioni private. Scopri di più sull’iniziativa sul clima di AP Qui. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.