Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli analisti affermano che i nuovi missili balistici intercontinentali della Corea del Nord potrebbero facilitare il lancio di un attacco nucleare

Gli analisti affermano che i nuovi missili balistici intercontinentali della Corea del Nord potrebbero facilitare il lancio di un attacco nucleare

Seul, Corea del Sud (CNN) La Corea del Nord ha affermato che il nuovo missile balistico intercontinentale (ICBM) che ha testato giovedì era alimentato a combustibile solido, uno sviluppo che secondo gli analisti potrebbe consentirle di lanciare attacchi nucleari a lungo raggio più rapidamente e facilmente man mano che aumenta il suo programma missilistico.

Il nuovo missile, chiamato Hwasong-18, è stato lanciato poco dopo le 7 di giovedì, provocando un breve ordine di evacuazione. Isola di Hokkaido, nel nord del Giappone prima di cadere nelle acque a est della penisola coreana.

La Korean Central News Agency (KCNA) gestita dallo stato ha riferito venerdì che il lancio del missile, a cui hanno partecipato il leader Kim Jong Un e sua figlia, “sarà un potente attacco strategico e una maggiore efficienza militare”.

Kim è stato citato dalla KCNA dicendo che il missile Hwasong-18 “migliorerà radicalmente” la capacità della sua provincia di lanciare un contrattacco nucleare per sopprimere le invasioni e proteggere la nazione.

Gli analisti hanno notato che la Corea del Nord ha già questa capacità, anche se il nuovo missile potrebbe migliorarla.

“Penso che questo sia indicativo del progresso tecnologico, ma non lo descriverei come un punto di svolta”, ha affermato Ankit Panda, esperto di politica nucleare presso il Carnegie Endowment for International Peace.

Il ministero della Difesa della Corea del Sud ha dichiarato venerdì che Pyongyang ha ancora bisogno di “più tempo e sforzi per completare con successo la sua tecnologia ICBM a combustibile solido”.

Kim Jong Un, al centro, e sua figlia, a sinistra, guardano il lancio del missile di giovedì in una foto diffusa dai media statali.

Il test missilistico di giovedì è stato il dodicesimo della Corea del Nord, secondo un conteggio della CNN, e arriva dopo che le forze statunitensi e sudcoreane all’inizio di questo mese hanno concluso le loro più grandi esercitazioni militari degli ultimi anni, inclusa un’importante esercitazione di sbarco anfibio.

READ  La Russia afferma che gli F-16 intensificheranno la guerra in Ucraina; Kiev dice che faranno pendere la bilancia a suo favore

È arrivato anche pochi giorni dopo una riunione chiave della Commissione militare centrale della Corea del Nord lunedì, quando Kim ha sottolineato la necessità di espandere rapidamente il deterrente nucleare di Pyongyang in risposta al “deterioramento della situazione della sicurezza nella penisola coreana”, secondo l’agenzia di stampa KCNA.

Testare i missili balistici intercontinentali a combustibile solido è importante perché sono più stabili di Quelli a propellente liquido che la Corea del Nord ha già testato nei lanci di missili a lungo raggio.

Gli ICBM a combustibile solido saranno alimentati durante la produzione e potranno essere spostati più facilmente per evitare il rilevamento prima di un lancio che può essere lanciato in pochi minuti, secondo Joseph Dempsey, ricercatore associato presso l’International Institute for Strategic Studies.

Un missile balistico intercontinentale a propellente liquido deve subire un processo di rifornimento nel sito di lancio che potrebbe richiedere ore, ha scritto Dempsey in un’analisi all’inizio di quest’anno, dando all’avversario il tempo di rilevarlo e neutralizzarlo.

La Corea del Nord è all’altezza degli standard mondiali

Il lancio di giovedì non è stato una sorpresa per gli analisti, che hanno notato che la Corea del Nord aveva fatto notizia Test del motore a razzo a combustibile solido in dicembre.

Kim voleva portare le sue forze agli standard di altri paesi utilizzando gli ICBM dopo aver iniziato con la tecnologia a combustibile liquido che era più facile da padroneggiare, e l’apparente successo del lancio di un missile balistico intercontinentale a combustibile solido indica che il suo programma missilistico sta progredendo.

La Corea del Nord ha dichiarato di aver lanciato giovedì un nuovo tipo di missile balistico intercontinentale, l’Hwasong-18, utilizzando combustibile solido.

“All’inizio del programma missilistico della Corea del Nord, gli ICBM a propellente liquido rappresentavano il percorso più rapido e semplice per raggiungere l’obiettivo storico del paese di poter minacciare gli Stati Uniti continentali”, ha scritto Dempsey dell’International Institute for Strategic Studies.

READ 

“L’aggiunta di missili balistici intercontinentali a combustibile solido alla forza missilistica la renderà un deterrente strategico più credibile fornendo una capacità preventiva e di ritorsione più capace e meno vulnerabile”, ha scritto Dempsey.

Il nuovo Hwasong-18 ha tre stadi, secondo la Korean Central News Agency, proprio come il principale missile balistico intercontinentale degli Stati Uniti, il Minuteman III, che è alimentato da tre motori a razzo a propellente solido.

ha affermato Jeffrey Lewis, analista del James Martin Center for Nonproliferation Studies su Twitter Che “non è stata una sorpresa” che un missile balistico intercontinentale a combustibile solido sprecato sia stato lanciato dalla Corea del Nord, affermando che “è più facile usare missili a combustibile solido.

Ha aggiunto: “La Corea del Nord avrebbe sempre seguito lo stesso percorso tecnico di Stati Uniti, Unione Sovietica, Francia, Cina, Israele e India”. “Dato che la Corea del Nord ha testato motori a razzo solido di grande diametro… per diversi anni, era chiaro (almeno per me) che dal 2020 un test come questo avrebbe potuto aver luogo in qualsiasi momento.”

Domande sulla tecnologia di rientro

Anche con il test di giovedì, c’è ancora un po’ di scetticismo sul fatto che un missile balistico intercontinentale nordcoreano possa effettivamente lanciare una testata nucleare a lunga distanza, ad esempio negli Stati Uniti continentali.

Il lancio di prova di giovedì, come i precedenti test di un missile balistico intercontinentale della Corea del Nord, è avvenuto su una traiettoria molto alta, con il missile che si è tuffato nelle acque tra la penisola coreana e il Giappone. Per coprire una distanza maggiore dalla terraferma degli Stati Uniti, un missile balistico intercontinentale lanciato dalla Corea del Nord dovrebbe essere lanciato su una traiettoria più piatta.

Gli ICBM vengono lanciati nello spazio, accelerando al di fuori dell’atmosfera terrestre prima che i loro carichi utili – le testate nucleari – riescano in un processo di rientro infuocato, come uno space shuttle o una capsula spaziale, prima di schiantarsi sui loro obiettivi.

READ  L'ultimo aggiornamento sulla guerra russo-ucraina - The Washington Post

Se il processo di rientro in atmosfera non viene effettuato con estrema precisione e utilizzando materiali in grado di sopportare l’enorme calore generato, la testata brucerà prima di raggiungere il suo obiettivo. Il rientro atmosferico con l’angolo più basso richiesto in un attacco a lungo raggio può rendere l’operazione più difficile.

Panda, l’esperto di Carnegie, ha affermato che la Corea del Nord riconosce che i lanci di missili balistici intercontinentali non testano la tecnologia di rientro. Ma ha detto che Pyongyang probabilmente ha la capacità di dominarlo.

“Sulla base della loro competenza nei materiali e nell’ingegneria che abbiamo visto in altre aree, lo sviluppo di un veicolo abbastanza robusto per il rientro non è una grande sfida tecnica”, ha affermato.

Per il test di giovedì, KCNA ha affermato che l’angolo estremamente elevato è stato utilizzato per evitare che i detriti rappresentassero un pericolo per altri paesi.

Giovedì è scattato il lancio Panico temporaneo sull’isola giapponese settentrionale di Hokkaido Dopo che il sistema di allarme di emergenza del governo ha avvertito i residenti di mettersi al riparo. L’avvertimento è stato presto revocato.

Poco dopo, la paura si trasformò in rabbia e confusione tra le notizie secondo cui l’ordine di evacuazione era stato inviato per errore, con funzionari locali che affermavano che non vi era alcuna possibilità che il missile colpisse l’isola, e Tokyo in seguito confermò che era atterrato fuori dal territorio giapponese, nelle acque al largo la costa orientale della penisola isola coreana.