Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Russia indica la possibilità del ritiro di Kherson, ma l'Ucraina è cauta |  notizie di guerra tra Russia e Ucraina

La Russia indica la possibilità del ritiro di Kherson, ma l’Ucraina è cauta | notizie di guerra tra Russia e Ucraina

Un funzionario insediato da Mosca nella regione di Kherson suggerì che le forze russe potessero ritirarsi dalla sponda occidentale del Dnepr, ma quando gli Stati Uniti fecero una nota ottimistica sulla capacità dell’Ucraina di riconquistare la città meridionale strategicamente importante di Kherson, fu Kiev. Più cauto.

“È probabile che le nostre unità, i nostri soldati, partiranno per la riva sinistra (est)”, ha detto giovedì Kirill Strimosov, vicedirettore civile russo della regione di Kherson, in un’intervista con Solovyov Live, un filo-Cremlino online. I media.

La regione comprende Kherson, la capitale della regione con lo stesso nome, e l’unica grande città ucraina che è stata catturata intatta da quando la Russia ha invaso il paese otto mesi fa. Comprende anche un lato della diga attraverso il fiume Dnepr, che controlla l’approvvigionamento idrico per irrigare la Crimea, la penisola ucraina che la Russia ha catturato e successivamente annessa nel 2014.

In precedenza, la Russia aveva negato che le sue forze stessero pianificando di ritirarsi dalla regione, con qualsiasi ritirata che rappresentava una grave sconfitta per le sue forze.

Giovedì non ci sono state notizie dagli alti funzionari del Cremlino, poiché le immagini sono circolate sui social media di edifici chiave che non sventolano più bandiere russe.

(L’isola)

Natalia Homenyuk, portavoce del comando militare meridionale dell’Ucraina, ha affermato che parlare del ritiro potrebbe essere una trappola russa e che le foto – condivise su account filo-Cremlino su Telegram – erano disinformazione.

“Questa potrebbe essere l’espressione di una certa provocazione per creare l’impressione che gli insediamenti siano deserti e che sia sicuro entrarci mentre si preparano per le battaglie di strada”, ha detto in dichiarazioni televisive.

READ  Il principe Harry e Meghan Markle partecipano al servizio della Queen's Jubilee Church

‘Argilla chiara’

La Russia ha combattuto per mesi per mantenere la sacca di terra che controlla in Cisgiordania alla foce del fiume Dnepr che divide l’Ucraina.

L’Ucraina è avanzata dall’inizio di ottobre, attaccando i principali ponti sul fiume e rendendo difficile per la Russia continuare a rifornire le sue forze in Cisgiordania.

Il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin, parlando giovedì al Pentagono, non ha risposto alla domanda se le forze russe si stessero preparando a partire, ma ha espresso fiducia nella capacità dell’Ucraina di trattenerle.

Sulla questione se gli ucraini potrebbero impadronirsi delle terre rimanenti sul lato occidentale del Dnipro [Dnieper] In Kherson River e in Kherson, penso che abbiano la capacità di farlo, ha detto Austin.

Soprattutto, gli ucraini credono di avere la capacità di farlo. Li abbiamo visti impegnarsi in uno sforzo molto sistematico ma efficace per reclamare il loro territorio sovrano”.

Strada principale che mostra i fari delle auto bianche e le luci posteriori rosse nell'oscurità di Kiev con il Monumento alla Patria sullo sfondo
Gli ucraini subiscono continui blackout mentre la Russia colpisce le infrastrutture elettriche e idriche [Efrem Lukatsky/AP Photo]

Un funzionario occidentale, che ha parlato con Reuters in condizione di anonimato, ha stimato che la Russia stesse progettando di ritirarsi a est del fiume in modo da poter difendere meglio le sue forze.

“Riteniamo che questa pianificazione sia quasi certamente ben avanzata”, ha affermato il funzionario, aggiungendo che alcuni leader russi erano già stati ristabiliti.

“Lo installeremo a Kherson”, ha detto il funzionario occidentale, “la maggior parte dei livelli di comando ora probabilmente si sarà ritirata dall’altra parte del fiume a est, lasciando un grande morale e spesso in alcuni casi senza leadership per affrontare gli ucraini sul l’altra parte.”

Tuttavia, le forze ucraine in prima linea sono più caute, dicendo ai giornalisti di Reuters che hanno visitato la scorsa settimana che non hanno visto prove del ritiro delle forze russe e credono che stiano effettivamente consolidando le loro posizioni.

READ  La corsa per diventare il prossimo primo ministro del Regno Unito inizia mentre cresce lo slancio dietro Boris Johnson

Michael Kaufman, direttore degli studi russi presso il Naval Analytics Center di Washington, DC, che è tornato di recente da aree vicine al Fronte di Kherson, ha dichiarato su Twitter che le intenzioni di Mosca non sono chiare e che il combattimento a Kherson è “difficile”.

Dubitava che la Russia avrebbe rinunciato alla sponda occidentale del fiume “senza premerla con la forza”, ma anche “potrebbe sbagliarsi su questo”.

“La situazione a Kherson è chiara come il fango”, ha scritto Kaufman.

terrore energetico

Con la guerra sempre più concentrata su Kherson, Kiev ha condannato quello che ha definito un “trasferimento forzato di massa” dei propri cittadini che vivono nelle aree occupate dalla Russia.

Giovedì il ministero degli Esteri ucraino ha dichiarato in una dichiarazione: “L’amministrazione di occupazione russa ha iniziato un trasferimento forzato di massa dei residenti della riva sinistra della regione di Kherson… nella Crimea temporaneamente occupata o in Russia”.

La Russia sta effettuando deportazioni simili anche nelle regioni di Zaporizhia, Luhansk e Donetsk, nonché in Crimea”.

Vladimir Saldo, il governatore di Kherson insediato da Mosca, ha affermato che stava trasferendo persone nella regione o in Russia a causa dei rischi di un “enorme attacco missilistico”. Le autorità installate da Mosca la scorsa settimana hanno affermato che 70.000 civili avevano lasciato le loro case sulla riva destra del fiume Dnepr.

L’Ucraina ha accusato le forze russe di aver commesso crimini di guerra durante la guerra di otto mesi, accuse respinte da Mosca. La Russia nega di prendere di mira deliberatamente i civili, sebbene il conflitto abbia ucciso migliaia di persone, sfollato milioni di persone e distrutto città e paesi.

I recenti attacchi all’approvvigionamento energetico e idrico dell’Ucraina hanno colpito duramente i civili con l’avvicinarsi dell’inverno, un periodo in cui le temperature possono scendere sotto lo zero Celsius.

READ  Putin Gorbaciov nega di aver tenuto un funerale di stato e starà lontano

Il presidente Volodymyr Zelensky ha dichiarato nel suo discorso video notturno che circa 4,5 milioni di ucraini nella capitale, Kiev, e in altre dieci regioni sono rimasti senza elettricità negli ultimi blackout causati dagli attacchi russi.

Anche la centrale nucleare di Zaporizhzhia (ZNPP) nell’Ucraina meridionale, la più grande d’Europa, è stata disconnessa dalla rete elettrica dopo aver bombardato le restanti linee ad alta tensione danneggiate, lasciando la struttura funzionante solo con generatori diesel.

Il fatto che la Russia ricorra al terrorismo energetico mostra la debolezza del nostro nemico. “Non possono sconfiggere l’Ucraina sul campo di battaglia, quindi stanno cercando di distruggere il nostro popolo in questo modo”, ha detto Zelensky.

Gli scioperi russi del mese scorso hanno distrutto circa un terzo delle centrali elettriche ucraine e il governo ha esortato gli ucraini a risparmiare il più possibile l’elettricità.