Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Funzionari: i talebani hanno vietato i voli alle donne non accompagnate

Funzionari: i talebani hanno vietato i voli alle donne non accompagnate

Due funzionari della compagnia aerea afgana hanno dichiarato oggi, sabato, che i governanti talebani afgani hanno rifiutato di consentire a dozzine di donne di salire a bordo di diversi voli, tra cui alcuni all’estero, perché viaggiavano senza un tutore maschio.

I funzionari, che hanno parlato in condizione di anonimato per paura di ripercussioni talebane, hanno detto che a dozzine di donne arrivate all’aeroporto internazionale di Kabul venerdì per imbarcarsi su voli nazionali e internazionali è stato detto che non avrebbero potuto farlo senza un tutore maschio.

Secondo un funzionario, alcune delle donne con doppia cittadinanza stavano tornando a casa all’estero, comprese alcune dal Canada. Funzionari hanno affermato che alle donne è stato negato l’imbarco sui voli per Islamabad, Dubai e Turchia su Cam Air e Ariana Airlines di proprietà statale.

Uno dei funzionari ha detto che l’ordine proveniva dalla leadership talebana.

Sabato, alcune donne che viaggiavano da sole sono state autorizzate a salire a bordo di un volo Ariana diretto nella provincia occidentale di Herat, ha detto il funzionario. Tuttavia, quando è stato concesso il permesso, avevano perso il volo, ha detto.

Il capo dell’aeroporto e il capo della polizia, sia talebani che religiosi islamici, hanno incontrato sabato i funzionari della compagnia aerea.

“Stanno cercando di risolverlo”, ha detto il funzionario.

Non è ancora chiaro se i talebani esonereranno i viaggi aerei da un’ordinanza emessa mesi fa che impone alle donne che percorrono più di 72 chilometri di essere accompagnate da un parente maschio.

Funzionari talebani contattati dall’Associated Press non hanno risposto a molteplici richieste di commento.

Da quando ha preso il potere lo scorso agosto, la leadership talebana ha litigato tra di loro mentre lottano per passare dalla guerra al governo. Contrappone gli intransigenti – come il primo ministro ad interim Mullah Hassan Akhund, profondamente radicato nella vecchia guardia – contro coloro che sono più pragmatici tra loro, come Sirajuddin Haqqani. Ha assunto la guida della potente rete Haqqani da suo padre, Jalaluddin Haqqani. L’anziano Haqqani, morto diversi anni fa, appartiene alla generazione Akhund, che ha governato l’Afghanistan sotto la guida severa e intransigente del Mullah Muhammad Omar.

READ  Elezioni a Panama: gli elettori di Panama votano per eleggere un nuovo presidente

Ciò che fa infuriare molti afgani è sapere che molti membri talebani della generazione più giovane, come Sirajuddin Haqqani, educano le loro ragazze in Pakistan, mentre in Afghanistan donne e ragazze sono state prese di mira da editti repressivi da quando hanno preso il potere.

Quest’ultimo attacco ai diritti delle donne nell’Afghanistan gestito dai talebani, che vieta alle donne di viaggiare in aereo, arriva pochi giorni dopo che il governo guidato da religiosi ha rinnegato la sua promessa di consentire alle ragazze di tornare a scuola dopo la prima media.

La mossa ha fatto infuriare la comunità internazionale, che è stata riluttante a riconoscere il governo guidato dai talebani da quando i talebani sono saliti al potere lo scorso agosto, temendo un ritorno al loro duro governo negli anni ’90. Anche il rifiuto dei talebani di aprire la porta all’istruzione a tutti i bambini afgani ha fatto arrabbiare ampi segmenti del popolo afghano. Decine di ragazze hanno manifestato, sabato, nella capitale afgana per rivendicare il diritto di andare a scuola.

Dopo che i talebani hanno vietato l’istruzione alle ragazze dopo la prima media, l’attivista per i diritti delle donne Mahbooba Siraj è andata su TOLO TV in Afghanistan per chiedere: “Come possiamo più fidarci di te come nazione con le tue parole? Cosa dobbiamo fare per farti piacere? Dovremmo moriamo tutti?”

Il fondatore di PenPath, Matiullah Wesa, ha affermato che un’organizzazione di beneficenza afgana chiamata PenPath, che gestisce dozzine di scuole “sotterranee” con migliaia di volontari, sta pianificando proteste in tutto il paese per chiedere ai talebani di ritirarsi dal suo sistema.

READ  Il Regno Unito batte il record per la temperatura più alta d'Europa

Sabato al Forum di Doha 2022 in Qatar, Roya Mahboob, l’imprenditrice afgana che ha fondato il team di robotica di sole ragazze in Afghanistan, ha ricevuto il Forum Award in riconoscimento del suo lavoro e del suo impegno per l’istruzione femminile.

Il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan Tom West ha annullato gli incontri con i talebani al Forum di Doha dopo la sospensione delle lezioni per le ragazze più grandi.

“Abbiamo annullato alcuni dei nostri impegni, compresi gli incontri programmati a Doha e intorno al Forum di Doha, e abbiamo chiarito che consideriamo questa decisione come un potenziale punto di svolta nel nostro impegno”, ha affermato in una nota la vice portavoce del Dipartimento di Stato Galina Porter.

“La decisione dei talebani, se non revocata rapidamente, danneggerà gravemente il popolo afghano, le prospettive di crescita economica del Paese e l’ambizione dei talebani di migliorare le loro relazioni con la comunità internazionale”, ha affermato.

West ha riconosciuto che i talebani avevano promesso da quando hanno preso il potere di consentire alle ragazze e alle donne di andare a scuola. Ha affermato che sia gli Stati Uniti che la comunità internazionale hanno ricevuto “le assicurazioni necessarie” che ciò sarebbe accaduto.

“Sono rimasto sorpreso dal cambiamento mercoledì scorso e penso che tu abbia visto il mondo reagire condannando la mossa”, ha detto West. “È una violazione, prima di tutto, della fiducia del popolo afghano perché si è impegnato a farlo”.

Ha aggiunto: “Credo che la speranza non sia persa. Ho parlato con molti afgani qui che credono anche in questo. Spero di vedere un’inversione di questa decisione nei prossimi giorni”.

READ  Il presidente dell'Ucraina licenzia il capo dell'intelligence, procuratore

Mahboob, in un’intervista dopo aver ricevuto il premio del Forum di Doha, ha invitato diversi leader e decisori globali presenti al forum a fare pressione sui talebani affinché aprano scuole per tutti i bambini afgani.

Il team di robotica è fuggito dall’Afghanistan quando i talebani sono tornati al potere, ma Mahboob ha detto che sperava ancora di costruire un centro scientifico e tecnologico che sperava di costruire in Afghanistan per le ragazze.

“Spero che la comunità internazionale e le comunità musulmane (non abbiano dimenticato) l’Afghanistan e (non ci abbandonino),” ha detto. L’Afghanistan è un paese povero. Non ha risorse sufficienti. E se togli (togli) la nostra conoscenza, non so cosa accadrà”.

___

La scrittrice dell’Associated Press Jane Joo di Doha, in Qatar, ha contribuito a questo rapporto.