Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Qatar ha inviato milioni a Gaza per anni – con il sostegno di Israele.  Ecco cosa sappiamo del controverso accordo

Il Qatar ha inviato milioni a Gaza per anni – con il sostegno di Israele. Ecco cosa sappiamo del controverso accordo



CNN

Dall’attacco di Hamas a Israele il 7 ottobre, lo stato del Golfo del Qatar è stato criticato da funzionari israeliani, politici americani e media per aver inviato centinaia di milioni di dollari in aiuti a Gaza, che è governata dal gruppo militante palestinese.

Ma tutto è avvenuto con la benedizione di Israele.

In una serie di interviste Con i principali attori israeliani Condotto in collaborazione con l’Organizzazione israeliana per il giornalismo investigativo ShomimIl primo ministro Benjamin Netanyahu ha continuato a fornire denaro a Hamas, nonostante le preoccupazioni sollevate all’interno del suo stesso governo, ha appreso la CNN.

Il Qatar si è impegnato a non interrompere questi pagamenti. Il ministro degli Affari esteri del Qatar, Mohammed bin Abdulaziz Al-Khulaifi, ha dichiarato lunedì a Becky Anderson della CNN che il suo governo continuerà a pagare soldi a Gaza per sostenere la Striscia, come fa da anni.

“Non cambieremo il nostro mandato. La nostra missione è la nostra continua assistenza e sostegno ai nostri fratelli e sorelle in Palestina. Continueremo a farlo sistematicamente come abbiamo fatto prima”, ha detto Al-Khulaifi.

Fonti israeliane hanno risposto sottolineando che i governi successivi hanno facilitato il trasferimento di fondi a Gaza per motivi umanitari e che Netanyahu ha agito con decisione contro Hamas dopo gli attacchi del 7 ottobre.

Ecco cosa sappiamo di questi pagamenti e del ruolo di Israele nel facilitarli.

Nel 2018, il Qatar ha iniziato a effettuare pagamenti mensili alla Striscia di Gaza. Circa 15 milioni di dollari sono stati inviati a Gaza in sacchi pieni di contanti, consegnati dal Qatar attraverso il territorio israeliano dopo mesi di negoziati con Israele.

I pagamenti sono iniziati dopo che l’Autorità Palestinese, il governo palestinese nella Cisgiordania occupata e rivale di Hamas, ha deciso di tagliare gli stipendi dei dipendenti pubblici a Gaza nel 2017, ha detto alla CNN una fonte del governo israeliano a conoscenza della questione. puntuale.

All’epoca l’Autorità Palestinese si oppose ai finanziamenti del Qatar, che secondo Hamas erano destinati a pagare gli stipendi pubblici e a scopi medici.

Israele ha approvato l’accordo durante una riunione del gabinetto di sicurezza nell’agosto 2018, quando Netanyahu era in carica nel suo precedente mandato come primo ministro.

Anche allora, Netanyahu fu criticato dai partner della coalizione per l’accordo e per essere stato troppo indulgente con Hamas.

All’epoca il Primo Ministro difese l’iniziativa, affermando che l’accordo era stato stipulato “in coordinamento con esperti di sicurezza per riportare la calma nei villaggi (israeliani) del sud, ma anche per prevenire una catastrofe umanitaria (a Gaza)”.

READ  La corrida crolla in Colombia, provocando morti e feriti

Ahmed Majdalani, membro del comitato esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina in Cisgiordania, ha accusato gli Stati Uniti di aver organizzato il pagamento.

I media israeliani e internazionali hanno riferito che il piano di Netanyahu di continuare a consentire agli aiuti di raggiungere Gaza attraverso il Qatar sperava di rendere Hamas un efficace contrappeso all’Autorità Palestinese. Impedire la creazione Per lo Stato palestinese.

Funzionari dell’Autorità Palestinese all’epoca dissero che i trasferimenti di denaro incoraggiavano la divisione tra le fazioni palestinesi.

Il Magg. Gen. Amos Gilad, ex alto funzionario del Ministero della Difesa israeliano, ha detto alla CNN che il piano è stato sostenuto dal primo ministro, ma non dalla comunità dell’intelligence israeliana. Ha detto che c’è anche la convinzione che questo “indebolirebbe la sovranità palestinese”. Ha aggiunto che esiste anche l’illusione che “se li nutri (Hamas) con il denaro, saranno domati”.

Alex Platt/CNN

Il Magg. Gen. Amos Gilad, ex alto funzionario del Ministero della Difesa israeliano, parla alla CNN a Tel Aviv il 5 dicembre.

Shlomo Brom, ex vice consigliere per la sicurezza nazionale di Israele Lo ha detto al New York Times Ha detto che la forte Hamas ha aiutato Netanyahu a evitare di negoziare uno stato palestinese, dicendo che la divisione dei palestinesi lo ha aiutato a dimostrare di non avere alcun partner per la pace tra i palestinesi, evitando così pressioni per colloqui di pace che potrebbero portare alla creazione di uno stato indipendente. Stato palestinese.

Naftali Bennett, l’ex primo ministro israeliano, ha detto domenica alla CNN che, dopo anni passati a riferire le sue preoccupazioni al governo di Netanyahu quando era ministro dell’Istruzione, ha interrotto i trasferimenti di denaro quando è diventato primo ministro nel 2021.

“Ho fermato i sacchi di denaro perché penso che sarebbe un grave errore permettere ad Hamas di avere tutti questi sacchi pieni di contanti, il che lo porterebbe direttamente a riallinearsi contro gli israeliani. Perché diamo loro i soldi per ucciderci? chiese Bennet.

Secondo il New York Times, i pagamenti in contanti furono interrotti, ma i trasferimenti di denaro a Gaza continuarono sotto la guida di Bennett.

READ  L'Ucraina non porrà fine alla guerra contro la Russia sul campo di battaglia: Zelensky

Un funzionario israeliano ha detto alla CNN che qualsiasi suggerimento secondo cui Netanyahu voglia preservare un Hamas “un po’ indebolito” è “completamente falso” e che ha agito per indebolire Hamas “in modo significativo”.

“Ha guidato tre potenti operazioni militari contro Hamas che hanno provocato la morte di migliaia di terroristi e alti dirigenti di Hamas”, ha detto il funzionario. “I successivi governi israeliani prima, durante e dopo il governo Netanyahu hanno consentito l’invio di fondi a Gaza, non per rafforzare Hamas ma per prevenire una crisi umanitaria sostenendo infrastrutture critiche, compresi i sistemi idrici e igienico-sanitari, per prevenire la diffusione di malattie e consentire la vita quotidiana”. .”

Netanyahu è stato oggetto di crescenti critiche poiché la profondità del coinvolgimento del suo governo nella mossa, così come le sue motivazioni, sono emerse ancora una volta.

L’accordo di finanziamento è una delle ragioni per cui molti israeliani oggi attribuiscono parte della colpa dell’attacco terroristico di Hamas del 7 ottobre a Netanyahu personalmente. Diverse persone hanno detto alla CNN che credono che consentire i pagamenti abbia reso Hamas più forte e, in definitiva, abbia peggiorato gli attacchi brutali.

“La politica del primo ministro di trattare il movimento terroristico come un partner, a spese di (il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud) Abbas e dello Stato palestinese, ha portato a ferite che impiegheranno anni a Israele per guarire”, ha scritto Tal Schneider in un parere articolo sul giornale. Il Times of Israel dell’8 ottobre, il giorno dopo il devastante attacco di Hamas.

Alex Platt/CNN

L’ex primo ministro israeliano Naftali Bennett posa per una foto durante un’intervista alla CNN a Tel Aviv il 10 novembre.

Gilad, l’ex funzionario della difesa israeliana, ha affermato di essere tra coloro che si sono opposti al permesso che il denaro arrivasse ad Hamas, affermando che il flusso di denaro consentito nel corso degli anni è stato un “errore drammatico e tragico”.

Con questi soldi “hanno potuto prendersi cura dei residenti”. “Possono prestare attenzione al rinforzo militare e allo sviluppo delle loro capacità”, ha detto Gilad la settimana scorsa.

Le critiche nei confronti di Netanyahu si sono intensificate tra gli israeliani dopo l’attacco, e molti hanno incolpato il primo ministro per non essere riuscito a prevenirlo.

Il Qatar mantiene strette relazioni sia con Hamas che con i paesi occidentali, compresi gli Stati Uniti. È stato pesantemente criticato per aver consentito al gruppo sostenuto dall’Iran di istituire un ufficio politico a Doha, che opera dal 2012.

READ  'Ce l'ho fatta': Netanyahu annuncia il suo sesto governo, il più falco di sempre di Israele

Ma è servito anche a Israele, avendo giocato Ruolo di comando Nella liberazione degli ostaggi rapiti da Hamas il 7 ottobre a Gaza.

Ma alcuni funzionari israeliani hanno indicato il Qatar come uno dei responsabili dell’attacco, affermando che lo stato arabo del Golfo sostiene Hamas.

Il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen ha accusato il Qatar di finanziare Hamas e di ospitare i suoi leader in ottobre.

“Il Qatar, che finanzia e ospita i leader di Hamas, può influenzare e consentire il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi tenuti dai terroristi. Voi membri della comunità internazionale dovreste chiedere che il Qatar lo faccia”, ha detto Cohen in una riunione ad alto livello delle Nazioni Unite.

Il Qatar ha rifiutato Le accuse sono state mosse da funzionari israeliani, avvertendo che “queste dichiarazioni provocatorie” potrebbero minare gli sforzi di mediazione e persino “mettere in pericolo vite umane”.

Gilad ha anche incolpato il Qatar, affermando che lo Stato del Golfo “ha dato a Hamas un miliardo di shekel all’anno (30 milioni di dollari al mese)… e lo hanno usato per rafforzare la loro presa su Gaza”. Per loro (Hamas), è stato un sollievo. “Era come l’ossigeno”, ha detto alla CNN.

Il Qatar nega che questi fondi siano destinati al movimento Hamas, affermando che sono intesi come aiuti per pagare gli stipendi dei lavoratori nella Striscia di Gaza assediata.

Anche lo stato del Golfo, che ospita un’importante base aerea statunitense, è finito sotto pressione al Congresso. Un gruppo bipartisan di 113 parlamentari statunitensi ha inviato una lettera al presidente Joe Biden il 16 ottobre chiedendogli di fare pressione sui paesi che sostengono Hamas, compreso il Qatar.

Al-Khulaifi, il ministro del Qatar che guida la mediazione del suo Paese nella guerra tra Israele e Hamas, ha affermato che il suo Paese “continuerà a lavorare con partner regionali e internazionali per garantire che questi fondi possano raggiungere i gruppi più vulnerabili e le persone importanti”. e infrastrutture critiche”.