Ottobre 3, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Erica Girardi, i servizi segreti e l’American Express fanno causa al titolare di Marco Marco

Erica Girardi, i servizi segreti e l’American Express fanno causa al titolare di Marco Marco

Martedì il comproprietario di un’azienda di moda di Hollywood ha citato in giudizio la star dei reality Erika Girardi, due soci, attuali ed ex agenti dei servizi segreti statunitensi e American Express, accusando corruzione tra le forze dell’ordine federali a favore di Girardi e della sua figura di potere. Tom Girardi, ex marito dell’avvocato di Los Angeles.

Nella causa di 70 pagine, Christopher Psilla accusa Erica Girardi e il suo ex marito di “armare maliziosamente i servizi segreti per perseguirlo” nel 2017 al fine di recuperare 787.000 dollari dall’American Express in un momento in cui la famiglia Girardi era “in disperate difficoltà finanziarie”.

Psilla, comproprietaria del rivenditore di moda Marco Marco, che ha disegnato abiti per una serie di pop star, ha affermato che Erika Girardi e i suoi assistenti sapevano di aver ricevuto dozzine di costumi e servizi dall’azienda di moda nel 2015 e nel 2016, ma hanno fatto false affermazioni. a clienti federali e ad American Express. Secondo l’accusa, l’addebito del negozio sulla sua carta di credito non era autorizzato.

Pasilla sostiene inoltre che i servizi segreti hanno condotto una “indagine sconsiderata” sulle accuse mosse da Erica Girardi e dal suo staff e hanno “ignorato intenzionalmente” fatti che avrebbero contribuito a scagionarlo. Nella causa, sostiene che gli attuali ed ex agenti dei servizi segreti hanno nascosto prove che avrebbero impedito la sua incriminazione o lo avrebbero scagionato durante il processo.

Il caso si basa su un’indagine del Times pubblicata a febbraio che documentava l’amicizia di Girardi con il capo dell’ufficio di Los Angeles dei servizi segreti, Rob Savage, e il lavoro legale pro bono che Girardi aveva fornito a Savage.

READ  Johnny Depp torna nella sua città natale, il Kentucky, e posa per le foto con i fan

Il Times ha riferito come Girardi abbia pagato personalmente a Savage almeno 7.500 dollari quando i suoi sforzi legali per conto del funzionario non hanno avuto successo. A quel tempo, gli agenti di Savage stavano indagando su Psilla.

Savage è uno dei tre attuali o ex funzionari dei servizi segreti nominati come imputati nella causa, che descrive il lavoro legale di Girardi come “corruzione e quid pro quo” di Savage.

Tom Girardi, a sinistra, l’allora capo della polizia di Los Angeles Charlie Beck e l’agente dei servizi segreti Rob Savage al gala del Super Bowl ospitato da Girardi nel 2015.

(Nota)

“Questo caso riflette la corruzione nel sistema giudiziario federale”, si legge nella causa di Basila. Ha aggiunto: “I servizi segreti e gli Stati Uniti non avrebbero mai dovuto presentare il caso a un gran giurì per l’accusa, e non avrebbero mai dovuto procedere al processo”.

I rappresentanti dei servizi segreti e dell’American Express non hanno risposto immediatamente alla richiesta di commento. L’avvocato di Erika Girardi non ha risposto immediatamente alle domande sulla causa, ma a febbraio aveva detto al Times di essere convinta che Psilla le avesse falsamente addebitato centinaia di migliaia di dollari.

“Non ho truffato 760.000 dollari per aiutare qualcuno a ottenere quei soldi”, ha detto all’inizio di quest’anno.

Savage, andato in pensione nel 2018, non ha risposto immediatamente a un’e-mail in cerca di commenti. In precedenza ha negato qualsiasi scambio di favori, affermando che l’indagine sulla carta di credito e il suo caso con Tom Girardi sono “totalmente indipendenti”. Savage ha detto di aver mantenuto l’amicizia con l’ex avvocato, dicendo che “occasionalmente ha cenato con il signor Girardi sempre come amico e nel rispetto delle norme morali”.

READ  Dopo decenni di insinuazioni, Scooby-Doo è stata scelta per interpretare una lesbica

Basila è stata incriminata per nove capi di imputazione nel 2017, tra cui frode telematica e furto d’identità aggravato. Ma ha mantenuto la sua innocenza e ha compilato un dossier di messaggi di testo, ricevute e foto che, a suo dire, provavano gli addebiti sulla carta American Express di Gerardy.

E nel 2021, i pubblici ministeri federali si sono mossi silenziosamente per archiviare il caso contro di lui.

Martedì è stata intentata una causa Contiene venti pagine Foto, messaggi di testo e registrazioni di fatturazione che secondo Psella provano “oltre ogni ragionevole dubbio” che lui e Marco Marco hanno fornito i costumi e i servizi che secondo l’accusa erano falsi o non autorizzati.

Questa è una notizia dell’ultima ora e verrà aggiornata.