Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Video: Lancio della navicella spaziale cinese Chang’e-6 sul lato nascosto della Luna

Video: Lancio della navicella spaziale cinese Chang’e-6 sul lato nascosto della Luna

Secondo Yuki Qian, geologo lunare dell’Università di Hong Kong, il lander Chang’e-6 è dotato di una telecamera, uno spettrometro e un radar per indagare l’ambiente circostante e scegliere un luogo dove raccogliere un campione. Raccoglierai il terreno dalla superficie utilizzando un braccio meccanico e raccoglierai un campione del sottosuolo fino a 6,5 ​​piedi di distanza utilizzando un trapano.

Un veicolo verrà quindi lanciato sul lander lunare, passando il campione al modulo di rientro dell’orbiter per il ritorno sulla Terra.

Poiché la Terra è sempre rivolta verso la stessa faccia della Luna, è impossibile effettuare comunicazioni dirette con la faccia nascosta della Luna. Nel 2018, la Cina ha inviato il satellite Qiaoqiao in orbita lunare per trasmettere informazioni da Chang’e-4 alla Terra. A marzo ha lanciato un secondo satellite chiamato Queqiao-2. La coppia tandem verrà utilizzata per mantenere il contatto con Chang’e-6 durante la raccolta dei campioni.


Il programma di esplorazione lunare della Cina è un aspetto della crescente presenza del Paese nello spazio, che comprende missioni su Marte e nel futuro Visite agli asteroidi. La serie di missioni Chang’e, progettata negli anni ’90, comprendeva tre fasi: orbita, atterraggio e campionamento. Finora ha raggiunto una percentuale di successo del 100%.

Il dottor Qian ha affermato che con il ritorno del campione Chang’e-6, l’esplorazione lunare della Cina ruoterà attorno a una nuova strategia: investigare, costruire e utilizzare. Le prossime due missioni sono già in fase di sviluppo.

Chang’e-7, il cui lancio è previsto per il 2026, cercherà l’acqua vicino al polo sud della Luna. Chang’e-8 esaminerà il materiale nella stessa area che verrà probabilmente utilizzato per costruire future infrastrutture. Secondo l’Amministrazione spaziale nazionale cinese.

READ  Lo Starliner di Boeing è atterrato, ma rimangono delle domande dopo una missione incompleta

La Cina spera di inviare astronauti sulla Luna nel 2030 e sta anche lavorando per creare una base internazionale permanente per la ricerca lunare entro il 2030.


Se la prima tappa della missione Chang’e-6 avrà successo, la navicella spaziale sarà la terza ad atterrare sulla Luna nel 2024.

Il Giappone ha raggiunto la Luna utilizzando il suo Smart Lander for Investigating Moon, o SLIM, il 20 gennaio. La piccola navicella spaziale è finita in una posizione scomoda, con l’ugello del motore puntato verso lo spazio. Ma ha anche reso il Giappone il quinto paese a raggiungere la superficie lunare. Inaspettatamente, il lander SLIM ha continuato a farlo Lavoro sulla luna Molto tempo dopo l’agenzia spaziale giapponese prevedeva di perdere il contatto con il veicolo robotico.

Il secondo sbarco sulla Luna quest’anno è stato il primo effettuato da un veicolo spaziale gestito dal settore privato. L’Odysseus, costruito dalla Intuitive Machines di Houston, ha raggiunto la superficie lunare il 22 febbraio. Ma la navicella si è ribaltata, limitando la quantità di dati scientifici che poteva completare prima di congelarsi durante la notte lunare. Intuitive Machines ha in programma presto un’altra missione.