Febbraio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Dopo la fine del titolo 42, migliaia di immigrati nelle città di confine attendono con impazienza i prossimi passi

Dopo la fine del titolo 42, migliaia di immigrati nelle città di confine attendono con impazienza i prossimi passi

SAN DIEGO – Nel vasto campo di immigrati sorto questa settimana su un lembo di terra americana tra Tijuana e San Diego, è emerso un sorprendente sistema di ordine, anche se l’ansia e l’incertezza aumentano.

Gli africani nel campo – provenienti da Ghana, Somalia, Kenya, Guinea e Nigeria – hanno un leader, un somalo alto, che si rivolge ai gruppi per chiedere quante coperte, pannolini e assorbenti hanno bisogno per quel giorno. I colombiani hanno il loro capo, così come gli afghani, i turchi e gli haitiani.

Bloccati nello stesso schema di confinamento di migliaia di altri migranti nelle città lungo il confine dopo che le restrizioni all’immigrazione dell’era della pandemia sono terminate giovedì notte, i residenti del campo qui hanno dovuto fare i conti con le scarse scorte di cibo e acqua fornite da volontari e guardie di frontiera.

Attraverso le sbarre di metallo, gli operatori umanitari sul lato americano passano attraverso rotoli di carta igienica, sacchetti di arance clementine, bottiglie d’acqua e pacchi di spazzolini da denti.

“Possiamo avere il Comandante dalla Giamaica, per favore!” Zahra Alvarez Lopez, un’operatrice umanitaria del campo, ha chiamato venerdì.

Era una donna con un cappello da sole e una maglietta tie-dye rosa con la mano che spuntava dal muro. Un’altra donna con un berretto preme completamente le guance attraverso le travi. “Possiamo portare il comandante dall’Afghanistan! Russia!”

Con migliaia di immigrati che arrivano al confine questa settimana prima della scadenza delle restrizioni all’immigrazione note come Titolo 42, la frustrazione, la disperazione e la resilienza sono emerse in un luogo dopo l’altro. E venerdì, ore dopo la fine delle restrizioni, l’attesa, l’incertezza e la determinazione sono continuate un posto dopo l’altro.

Migliaia di migranti che hanno attraversato il Rio Grande nei giorni scorsi hanno discusso su cosa fare dopo, mentre altre migliaia hanno trascorso il loro tempo nel nord del Messico, cercando di capire come e quando potrebbero attraversare anche loro.

Anche i funzionari delle città di confine si trovavano di fronte all’incertezza, poiché cercavano di anticipare come si sarebbero verificati i cambiamenti politici.

Il sindaco di El Paso Oscar Lesser ha detto ai giornalisti venerdì che circa 1.800 immigrati sono entrati nella città di confine giovedì. “Abbiamo visto molte persone venire nel nostro quartiere la scorsa settimana”, ha detto. Ma da quando ha alzato il titolo 42 durante la notte, ha detto, “non abbiamo visto grandi numeri”.

READ  La Corea del Nord lancia missili in mare mentre gli Stati Uniti mettono in guardia sulle armi nucleari

Gli operatori dei rifugi hanno riferito che è troppo presto per dire cosa potrebbe accadere nei prossimi giorni, poiché la maggior parte delle persone che hanno attraversato il confine sono ancora in fase di elaborazione da parte del governo degli Stati Uniti. Ma hanno anche affermato che i picchi più grandi negli incroci potrebbero essere passati.

ha detto Ruben Garcia, direttore della Casa dell’Annunciazione, che aiuta gli immigrati nella zona di El Paso. “Dobbiamo vedere cosa succede nei prossimi giorni. Ci sono molte variabili”, ha detto.

Ma mentre i numeri non sono aumentati venerdì, i funzionari hanno affermato che gli attraversamenti hanno raggiunto livelli storicamente alti nei giorni precedenti alla fine del titolo 42. Gli agenti della polizia di frontiera hanno arrestato circa 1.500 persone giovedì, ha detto lo sceriffo Leon Wilmott, della contea di Yuma, in Arizona. l’ultimo giorno in cui era in vigore il titolo 42, e ne tenevano circa 4.000, una popolazione che metteva a dura prova l’unico ente di beneficenza designato della città. Aiutare gli immigrati.

Mentre centinaia di persone sono state rilasciate venerdì dalla struttura di detenzione al confine di Yuma, una flotta di autobus charter si è fermata nel parcheggio del Centro regionale senza scopo di lucro per la salute delle frontiere, in attesa di traghettare i migranti all’aeroporto o a Phoenix. Per settimane, il gruppo riempie circa sei autobus di migranti al giorno. Venerdì sono partiti sedici autobus con a bordo circa 800 migranti.

In alcuni giorni della scorsa settimana, più di 11.000 persone sono state arrestate dopo aver attraversato illegalmente il confine meridionale, secondo i dati dell’agenzia interna ottenuti dal New York Times, aumentando la capacità delle strutture di detenzione gestite dalla Border Patrol. Negli ultimi due anni, circa 7.000 persone Sono stati catturati in un giorno qualunque; I funzionari considerano 8.000 o più preoccupazioni un aumento.

Meno di 10.000 persone che hanno attraversato il confine illegalmente sono state catturate giovedì dalla Border Patrol, ha detto una persona che ha familiarità con la situazione, indicando un aumento significativo prima che il titolo 42 fosse revocato.

READ  Luna 25: il lander lunare russo si schianta sulla superficie lunare

Fuori da un rifugio a McAllen, in Texas, Ligia Garcia rifletteva sui prossimi passi della sua famiglia. Era euforica di poter finalmente attraversare il Rio Grande, ma senza famiglia negli Stati Uniti, senza soldi, si sono trovati nella stessa posizione di migliaia di altri immigrati lungo il confine con il Messico: aspettare, contando sulla gentilezza di estranei.

“Chiederemo aiuto in questo momento, perché non abbiamo soldi e non abbiamo altra scelta”, ha detto la signora Garcia, 31 anni, un’immigrata venezuelana che tiene in braccio il figlio di sei mesi, Roem, vicino al rifugio ricoperto di vegetazione gestito da enti di beneficenza cattolici. “È stato un enorme sacrificio arrivare qui”, ha detto, descrivendo come lei e suo marito hanno viaggiato con i loro due figli attraverso le giungle dell’America centrale, poi il Messico, per arrivare in Texas. “Ma ne è valsa la pena. Siamo in America”.

Mentre i messicani e i centroamericani per decenni hanno rappresentato la maggioranza degli immigrati che cercavano di entrare negli Stati Uniti, i venezuelani hanno attraversato i confini meridionali in numero maggiore che mai e recentemente hanno sminuito il numero di immigrati dal Guatemala, dall’Honduras e da El Salvador .

Ma poiché l’emigrazione su larga scala dal Venezuela è un fenomeno relativamente nuovo, i venezuelani spesso mancano di reti di parenti o amici che possano aiutarli negli Stati Uniti, e spesso arrivano con nient’altro che i vestiti che indossano, come la signora Garcia, un’immigrata in McAllen.

“Faccio questo da più di 45 anni. Non ho mai visto una sfida per una popolazione come i venezuelani perché così tanti di loro non hanno persone che li accolgano negli Stati Uniti”, ha detto Garcia, che gestisce la Casa dell’Annunciazione a El Paso.

Nel frattempo, gli immigrati cercavano informazioni. Olinex Casseus, 58 anni, era seduto sul marciapiede venerdì mattina a Piedras Negras, oltre il confine con Eagle Pass, in Texas, con sua moglie e sua figlia mentre cercava, ripetutamente e senza successo, di utilizzare un’app CBP per fissare un appuntamento per l’asilo con gli Stati Uniti. agenti dell’immigrazione

READ  Kiev demolisce un monumento di epoca sovietica che simboleggia l'amicizia russo-ucraina

“Vogliamo fare tutto legalmente”, ha detto Cassos, che è fuggito da Haiti per Puebla, in Messico, dopo il terremoto del 2010 che ha devastato Haiti. Ha detto che spera di farsi una nuova vita a Miami se riescono a farcela. “Ma ora è tutto in ritardo e le regole cambiano costantemente”, ha aggiunto. “Immagino che questo significhi che continuiamo ad aspettare.”

Accampati tra San Diego e Tijuana, i bisogni e le tensioni hanno cominciato a salire negli ultimi giorni. Quasi 1.000 persone hanno saltato una barriera che separa le città la scorsa settimana, la maggior parte di loro è rimasta bloccata dietro un’altra mentre aspettavano di essere processate dai funzionari statunitensi. L’area compresa tra i due muri di confine è tecnicamente sul suolo americano ma è considerata terra di nessuno.

Le coperte sono l’articolo più richiesto, poiché le notti diventano sgradevolmente fredde per le centinaia di persone che dormono all’aperto. Ma non ce ne sono abbastanza, così i volontari hanno cercato di limitare le donazioni alle famiglie con bambini piccoli.

Giovedì sera, mentre venivano distribuite le coperte, i migranti hanno iniziato a urlarsi addosso, pensando che un gruppo portasse coperte per persone senza bambini piccoli. Gli operatori umanitari sono intervenuti per sedare i combattimenti.

“Le persone sono fredde, affamate, disperate, indigenti, nervose”, ha detto Adriana Jasso, una volontaria dell’American Friends Service Committee.

Un uomo colombiano con una giacca blu a brandelli è arrivato al campo con la sua famiglia venerdì mattina dopo che i contrabbandieri li hanno condotti attraverso un buco nel muro sul lato messicano. Vedendo le tende fatte di coperte di mylar sparse per il campo e le file di migranti stesi a terra, non sapeva bene come procurarsi cibo o teloni.

Si è avvicinato alla signora Alvarez Lopez per chiedere provviste. “Vai a trovare Gesù”, gli dice, apparentemente riferendosi a un compagno immigrato, e lui se ne va arrabbiato. “C’è solo Gesù”, disse, indicando il cielo.

Eileen Sullivan E Jack Healey Contribuire alla redazione dei report.