Maggio 30, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come il Manchester City ha vinto il suo primo titolo di UEFA Champions League

Come il Manchester City ha vinto il suo primo titolo di UEFA Champions League

La vetta è stata raggiunta pochi minuti prima della mezzanotte. Non è successo come il Manchester City aveva sognato, al culmine fantastico di qualche mossa meravigliosa e complessa, ma con qualcosa di più arbitrario e più umano: un fallo semplice, poco più che fallo tecnico, subito aperto e punito, in porta di giorno in giorno.

Un decennio e mezzo da quando il City blitz è stato acquistato da una società di investimento davanti allo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan, vice primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, il progetto più ambizioso che il calcio abbia mai visto ha finalmente trovato la sua forma definitiva. inevitabile conclusione.

Il City si era da tempo affermato come la forza dominante nel calcio inglese. Aveva vinto cinque degli ultimi sei titoli di Premier League. Ha vinto anche la FA Cup in questa stagione. Ora, all’ultimo ostacolo, ha spezzato la resistenza dell’Inter, l’ultima delle grandi vecchie case d’Europa che si frappone. La vittoria in Champions League, l’unico trofeo che la squadra non aveva ancora vinto e il momento in cui desiderava più di ogni altro torneo, era dietro l’angolo.

Mentre il bagliore calava e i fuochi d’artificio si levavano nel cielo, sotto gli occhi attenti sia dello sceicco Mansour – vedendo la squadra che possiede solo per la seconda volta in carne e ossa – sia di suo fratello, lo sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan, il sovrano del stato. Emirati Arabi Uniti Il Manchester City può finalmente definirsi campione d’Europa.

Più di questo, infatti: il City è ora solo la seconda squadra inglese – e una di un ristretto gruppo di club in tutta Europa – a completare un triplete nazionale ed europeo, la sfida finale del calcio, il segno distintivo della vera grandezza. Questo è esattamente ciò che Abu Dhabi aveva immaginato, 15 anni fa, quando acquisì il City, una squadra di pesi medi, e decise di renderlo un gigante.

Non dovrebbe sorprendere che abbia raggiunto il suo obiettivo data la dimensione del suo investimento. Questo succedeva sempre, prima o poi: il calcio è uno sport, ma è anche un business. Anche secondo una stima prudente, il progetto del Manchester City, progettato nei palazzi del Golfo Persico per ragioni che poco o nulla hanno a che fare con lo sport, è costato due miliardi di dollari.

READ  Kenny Payne rimarrà l'allenatore di basket maschile di Louisville

Nulla è stato lasciato al caso. L’ex allenatore dell’Arsenal Arsene Wenger una volta disse che il City era pericoloso, perché aveva “benzina e idee”. Ottenere soldi è una cosa. È tutta un’altra cosa sapere come usarlo.

La città certamente sì. Ha una delle migliori strutture di formazione al mondo. Ha un’accademia all’avanguardia, una rete globale di squadre gemelle e una squadra dedicata piena di giocatori selezionati da un team di reclutamento numeroso ed esperto, indipendentemente dal loro costo. Ha Pep Guardiola, il miglior allenatore del mondo, il cervello di una galassia di calciatori, e ha tutto ciò che può desiderare.

Resta l’affermazione che dietro il suo successo ci sia dell’altro: che il City non abbia giocato secondo le stesse regole di tutti gli altri e che abbia utilizzato la propria rete di sponsor negli Emirati Arabi Uniti per aggirare i regolamenti finanziari prima della UEFA e poi della Premier League.

Il club nega tutto ciò, ovviamente, sostenendo che non è altro che un complotto di uomini e donne gelosi. Dice di avere un corpo di prove completo e inconfutabile che la scagionerà. Non l’ha ancora prodotto. Le accuse UEFA non sono andate avanti. Che siano o meno la potenza della Premier League, tutti e 115, potrebbero volerci anni per scoprirlo.

Il City ha fatto – o non ha fatto, a seconda dei casi – tutto al servizio di questo: non solo la vittoria, non solo una forma di dominio raramente, se non mai, ma al centro del calcio europeo affermato. richiedere.

Negli anni a venire, come hai fatto il passo finale sarà completamente dimenticato. In effetti, avrebbe potuto lasciare la mente dei giocatori e dei tifosi del City una volta che il fischio finale è suonato sabato sera e Guardiola e il suo staff si sono riversati dalla panchina, euforici, increduli e più che sollevati. È stato portato nel club per questo preciso scopo. Ci è voluto sicuramente più tempo di quanto avrebbe voluto consegnare.

READ  Padres ha guidato i Dodgers in una partita cruciale per NLDS 3 dopo aver spinto Phillies Braves oltre il limite

Di certo non si soffermerà sulla natura della sua vittoria, della sua terza Champions League e del suo secondo triplete europeo da allenatore. Sarà anche un perfezionista, ma non gli importerebbe minimamente che il City trovasse anche la minima crepa nella corazza nerazzurra – la scivolata di un impeccabile Federico Dimarco, che mandava in libertà Bernardo Silva, Rodri che metteva a segno un tiro inconfondibile – o che, per Standard della città, era Questo è uno spettacolo deludente in una finale deludente.

Nonostante ciò, c’era qualcosa di completamente appropriato al riguardo. La rivale del City, l’Inter, è arrivata a Istanbul a sorpresa. Ci si aspettava, in fondo, che recitasse la parte dell’agnello sacrificale, messo da parte con noncuranza da una squadra cittadina che sembrava, in ogni modo immaginabile, la migliore.

Il City è il campione predefinito dell’Inghilterra. L’Inter è la terza squadra migliore d’Italia. Il City ha inviato dal futuro Erling Haaland, l’equivalente calcistico di un attaccante del T1000, per cancellare ogni record possibile. L’Inter è vecchia, anche per gli standard di invecchiamento della Serie A. Questa finale è stata, secondo molti, una discrepanza, una processione, un fatto compiuto.

Nonostante ciò, il calcio europeo si sta rivelando più difficile da battere di quanto Abu Dhabi possa immaginare. La Premier League, dopo un po’, si sarà anche piegata ai voleri del City, ma la Champions League l’ha sempre guastata: piena di alti e bassi e di quelle che a tratti sembravano magie.

Non c’è da stupirsi, quindi, che la caparbietà e la convinzione dell’Inter abbiano bloccato la carriera del City. Non c’è stata alcuna azione disperata di retroguardia, nessun Helms Dip nero e blu. Invece, l’Inter di Simone Inzaghi ha attinto a fondo dalla sua vasta esperienza per frustrare il City in ogni modo possibile.

READ  Gradi NFL Week 13: i Cowboys guadagnano "A+" per guidare Colts, gli Eagles guadagnano "A+" per aver distrutto Titans

Ha rallentato sui calci di punizione. rimasto in possesso. Si è lasciato andare a errori banali, privando il gioco del suo ritmo. Ha preso il ritmo, e con esso il pungiglione, dal temibile attacco del City. A volte rimaneva ferma, riluttante a uscire dalle sue posizioni. Con orgoglio, l’Inter ha reso la partita la più brutta possibile.

E hai fatto tutto perfettamente, o qualcosa di simile. Guardiola si è infuriato sulla linea laterale. “Rilassati, rilassati”, abbaiò ai suoi giocatori, le mani che si artigliavano le guance, la pentola che indicava quanti più difetti poteva nel bollitore. Il calcio è più che bellezza, abilità e abilità. C’è anche grit e bear, narl e nous, e inter ne avevano tutti in abbondanza.

Alla fine, però, non è bastato. Questa è stata la storia del Manchester City negli ultimi 15 anni ed è stata raccontata dal punto di vista di tutti gli altri. Niente era abbastanza. La città non si fermerà alla fine.

Sarebbe ingiusto dire che l’attenzione dell’Inter sia venuta meno, anche solo per un secondo. DiMarco ha semplicemente messo un piede nel posto sbagliato. La sua forma del corpo era sbagliata mentre cercava di intercettare un passaggio. impantanarsi. Silva era via. Il suo cross devia di nuovo sulla traiettoria di Rodri, e in quel momento la resistenza dell’Inter, arbitraria e umana insieme, e con essa l’ultimo baluardo della tradizionale aristocrazia del calcio europeo, manda in frantumi le sue vecchie grandi case.

Il Manchester City, come sempre, ha finalmente sfondato la porta. Il fischio è esploso. scintilla cadde. I fuochi d’artificio sono esplosi. E nel bel mezzo dei suoi festeggiamenti, un giorno finì e ne iniziò un altro.