Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Toyota guida la Ferrari dopo la prima ora

La Toyota guida la Ferrari dopo la prima ora

La Toyota ha tenuto il comando nell’ora di apertura della 24 Ore di Le Mans davanti alla Ferrari, poiché una delle vetture hyper-Cadillac ha subito un incidente in anticipo.

È stata la Toyota GR010 HYBRID numero 8 di Sebastien Buemi a prendere il sopravvento sulla Ferrari numero 51 di James Calado al termine della prima ora di azione sul Circuit de la Sarthe, interrotta da un periodo di safety car a seguito di un incidente. Express Racing è entrato in Cadillac.

Jack Aitken sembrava semplicemente perdere il controllo della terza serie n. 311 V-Series.R in uscita dalla prima chicane, subendo danni significativi alla mano sinistra, sebbene fosse in grado di riportare l’auto ai box.

In testa al gruppo, le Toyota di Buemi e Mike Conway, entrambi armati di Michelin morbide rispetto alle Ferrari equipaggiate con medie, sono state in grado di eliminare la Ferrari di Calado per passare al secondo e terzo posto, e Buemi ha presto sfidato la pole position # 50499P per Nickels Nielsen di Fore order.

Buemi ha sorpassato Nielsen poco prima di Indianapolis nel primo giro prima che la gara venisse neutralizzata a causa della caduta di Aitken.

Si è svolta la prima azione in assoluto del genere, con diversi corridori LMP2 e GTE Am, oltre a un cliente Jota Porsche 963, che hanno colto l’occasione per rientrare ai box in anticipo.

Alla ripresa della gara, Buemi ha accelerato Nielsen, anche se si è lamentato di faticare a riconfigurare i freni in regime di safety car, mentre Conway è riuscito a portare il pilota danese al secondo posto, sempre a Indianapolis.

READ  Shepelevs Cup 2022: USA vs Repubblica Ceca

Ma Conway sulla Toyota n. 7 soffriva di usura della gomma anteriore e presto è stato messo sotto pressione da entrambe le Ferrari, e Nielsen è riuscito a tornare al secondo posto con un colpo di testa all’angolo Mulsanne dopo 53 minuti.

Nielsen si è tuffato ai box alla fine di quel giro per la sua prima sosta, riportando temporaneamente Conway al secondo posto prima che la Ferrari, sorella di Calado, lo sorpassasse alla prima chicane.

Alla fine della prima ora, Buemi era 4,6 secondi davanti a Calado, con Conway 1,4 secondi indietro al terzo posto.

Felipe Nasr è arrivato quarto con la migliore Porsche, anche se il brasiliano è stato ammonito per essere entrato in contatto con la Toyota di Buemi alla prima curva.

I compagni di squadra brasiliani Laurens Vanthoor e Michael Christensen sono arrivati ​​quinto e sesto davanti alla Cadillac Earl Bamber di Chip Ganassi e alla sua coppia di Peugeot 9X8, con Paul di Resta davanti a Nico Muller.

Una delle due Glickenhaus 007 LMH, vettura #708, è uscita durante un giro nelle prime fasi dopo aver subito una perdita d’olio prima dell’inizio della gara.

In LMP2, Pullman Paul-Loup Chatin ha mantenuto il comando con la sua IDEC Sport ORECA.

Robert Kubica è risalito dal terzo al secondo posto nella top 10 del WRT, mentre Rashad DeJerros è rimasto brevemente terzo nella classifica COOL Racing prima di fermarsi poco prima della fine della prima ora.

Questo ha promosso Pietro Fittipaldi, partito secondo nella Jota ORECA, al terzo posto.

La Prema numero 63 di Daniil Kvyat era seconda alla ripartenza della safety car, ma è caduta in fondo allo schieramento dopo essere stata chiamata ai box per una riparazione del fanale posteriore.

READ  Nets GM non è pronto a impegnarsi con Kyrie Irving a lungo termine: "Abbiamo bisogno di persone qui che vogliono essere qui"

In GTE, la Corvette vincitrice della pole position di Nicky Catsburg è stata tra le vetture che si sono fermate sotto la safety car.

Tra coloro che sono rimasti fuori c’era la Ferrari 488 GTE #54 di AF Corse guidata da Davide Rigon, che aveva un’ora di vantaggio sulla Porsche 911 RSR-19 dell’AO Racing di Matteo Cairoli.

La vettura della Garage 56 Chevrolet Camaro ZL1 NASCAR Cup, guidata da Mike Rockenfeller, si è piazzata al 35° posto assoluto, davanti a tutto il gruppo GTE Am.