Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come ha fatto un leone di montagna solitario a creare il più grande ponte naturale del mondo?

Come ha fatto un leone di montagna solitario a creare il più grande ponte naturale del mondo?



CNN

Sembra la trama di un film Disney: un leone di montagna, a cui è impedito di trovare una compagna perché intrappolato sulle autostrade di Los Angeles, diventa famoso e ispira la costruzione del più grande ponte naturalistico del mondo.

Ma è successo davvero.

“Viveva in un’area molto più piccola di qualsiasi leone di montagna maschio mai vissuto: otto miglia quadrate”, ha spiegato Beth Pratt, direttrice della California National Wildlife Federation. “Il leone di montagna maschio medio ha un raggio d’azione di 150 miglia.”

Il puma, chiamato P-22, divenne una celebrità tra le star di Hollywood che a volte lo vedevano vagare per i quartieri vicino al Griffith Park di Los Angeles.

Servizio del Parco Nazionale

Foto del P-22 Mountain Lion

“Viveva un leone di montagna a Los Angeles e la gente non ne aveva paura”, ha detto Pratt, che ha P-22 commemorato sul braccio con un tatuaggio. “Lo hanno visto nelle vicinanze; stavano cenando e lui di notte camminava nella loro sala da pranzo e condividevano una foto e dicevano: ‘Ehi, P-22 è venuto a trovarmi.'”

Uno dei momenti salienti della sua carriera è stato ricevere un’e-mail dall’attore Alan Ruck – della serie HBO “Succession” e del film preferito di Pratt, “Ferris Bueller’s Day Off” – che diceva di aver avvistato il P-22 dal tetto della sua casa a Hollywood Colline.

A causa della popolarità del P-22, le persone volevano aiutare il leone di montagna – e altri simili – a spostarsi nelle aree oltre la trafficata autostrada 101 di Los Angeles a sei corsie. L’idea di un ponte faunistico stava suscitando interesse, ma il finanziamento era un’altra questione.

Così Pratt, che si sente più a suo agio fuori con abiti casual e scarpe da trekking, si è ritrovata nelle opulente dimore di Bel Air, sollecitando donazioni.

Sono arrivate donazioni da celebrità tra cui Leonardo DiCaprio, Rainn Wilson, Barbra Streisand e David Crosby, e il sostegno è arrivato anche dai residenti di Watts, nel sud di Los Angeles.

Pratt ha spiegato che i residenti di Watts vedono il P-22 come un “campione della giustizia sociale”.

“È una persona che è stata colpita anche dall’ingiustizia di far passare le autostrade attraverso le comunità”, ha detto. “se tu [living in] Beverly Hills, che tu lo sia [living in] Watts, ci stiamo incontrando tutti sulla fauna selvatica.

READ  J-Hope vuole qualcosa in più in un nuovo singolo

Tra le 300.000 e le 400.000 auto al giorno passeranno sotto il Wallis Annenberg Wildlife Trail quando verrà inaugurato tra due anni.

L’attraversamento prevede pareti acustiche appositamente progettate, oltre a barriere acustiche naturali costituite da alberi ad alto fusto e rigogliose piantagioni. Tutto è progettato per filtrare il rumore dell’autostrada, poiché la maggior parte degli animali si spaventa e si volta se la strada è troppo rumorosa.

Per gentile concessione della Federazione nazionale della fauna selvatica

Una vista del sentiero naturalistico Wallis Annenberg completato

Gli ingegneri tengono conto anche della paura degli animali nei confronti delle luci intense.

“Tutte le luci di quei fari sono un deterrente per la fauna selvatica”, ha spiegato Pratt. “In realtà progettiamo barriere fotoelettriche – non solo sull’attraversamento ma anche durante l’avvicinamento ad esso – in modo che non si spaventino e non si girino, ed è quello che succede.”

Wildlife Crossing è un progetto pubblico-privato, guidato dalla National Wildlife Federation in collaborazione con il Dipartimento dei trasporti della California. Quasi la metà del costo di 100 milioni di dollari è stato finanziato da donazioni private, tra cui 26 milioni di dollari da parte del filantropo Wallis Annenberg, il cui contributo è stato determinante per portare avanti il ​​progetto.

Per 20 anni, il National Park Service ha studiato esattamente dove dovrebbe passare il ponte autostradale.

“Non puoi pagarmi un milione di dollari per correre su questa strada”, ha detto Pratt. “Questa autostrada è così grande, rumorosa, rumorosa, ci sono così tante luci… e gli animali non ci provano nemmeno.”

Gli incroci per la fauna selvatica furono istituiti per la prima volta in Francia negli anni ’50. Sono utilizzati in tutta Europa e sono particolarmente apprezzati nei Paesi Bassi.

Martha Shadow/CNN

Un ponte faunistico – “ecopont” in francese – a Brignoles, Francia.

Wildlife Corridors ha lavorato con animali che non sono considerati particolarmente intelligenti.

READ  Tom Sandoval piange durante le riprese di "Vanderpump Rules" in SUR

Quando gli incidenti automobilistici furono accusati della diminuzione del numero dei koala nel Queensland, in Australia, gli ingegneri crearono una serie di tunnel e ponti per aiutarli a evitare le strade trafficate.

Ma i funzionari della fauna selvatica australiana si aspettavano che i koala, famosi per rilassarsi sugli alberi e sorseggiare eucalipto, non li avrebbero individuati. Quindi, gli stessi funzionari della fauna selvatica sono rimasti sorpresi quando ci sono volute meno di tre settimane perché i koala iniziassero a usarlo regolarmente.

In Canada, una serie di ponti e tunnel per la fauna selvatica nel Parco Nazionale di Banff si sono rivelati di grande successo. I sentieri della fauna selvatica passano sopra e sotto la gigantesca Trans-Canada Highway, che divide il parco a metà.

Decine di grandi animali utilizzano questo sistema, inclusi orsi grizzly, orsi neri, alci, alci e puma. Il sistema ha il merito di aiutare gli orsi grizzly a mantenere le loro popolazioni fornendo accesso ai loro compagni su entrambi i lati del parco.

Questo è esattamente ciò che dovrebbe accadere nel Wallis Annenberg Wildlife Corridor, dove l’autostrada taglia in due l’habitat dei puma locali.

Secondo la Federal Highway Administration, ogni anno tra 1 e 2 milioni di animali di grossa taglia muoiono sulle strade americane a causa di incidenti automobilistici. Pratt afferma che il numero è una “significativa sottostima” poiché questi sono gli unici incidenti effettivamente segnalati.

“E se aggiungi i più piccoli – le rane e le farfalle – stiamo parlando di miliardi”, ha detto Pratt.

Crede che gli attraversamenti godano di un ampio sostegno: “Non importa quale sia la tua affiliazione politica, o dove vivi, non importa. La maggior parte delle persone ama la fauna selvatica e non gli piace vederla colpita.

Ci sono anche vantaggi economici, secondo Pratt, poiché si tratta di progetti infrastrutturali che creano posti di lavoro e comportano benefici per la sicurezza umana.

È un problema ambientale con una soluzione semplice e comprovata, e l’unica cosa che ostacola la sua realizzazione sono i soldi, dice Pratt.

“Non esiste il cattivo. Non dobbiamo scoprire la tecnologia. Abbiamo solo bisogno dei finanziamenti.”

Oltre alle sue enormi dimensioni, il Wallis Annenberg Wildlife Crossing si differenzia dagli altri sistemi di ponti per la fauna selvatica in tutto il mondo in quanto ospiterà un intero ecosistema sopra di esso.

READ  Jada Pinkett Smith finalmente parla di Will Smith che ha schiaffeggiato Chris Rock agli Oscar

Un vivaio vicino sta coltivando piante autoctone resistenti al fuoco che eventualmente copriranno la traversata.

“Raccogliamo semi ormai da anni per adattarli all’ecosistema circostante, e questo è importante per il clima: sia la fauna selvatica che le piante hanno bisogno di opzioni”, afferma Pratt.

Le piante invasive che alimentano gli incendi, inclusa l’onnipresente senape nera, verranno rimosse dall’area. È stato necessario spostare i pali elettrici vicini per consentire l’attraversamento, quindi ora verranno posizionati sottoterra, il che aiuterà anche con la resistenza al fuoco.

“Non solo ci saranno animali selvatici come leoni di montagna e linci rosse che lo attraversano, ma ci saranno anche farfalle monarca che depongono le loro uova sull’asclepiade sopra di esso, e ci saranno lucertole del recinto occidentale che vivono sopra di esso”, ha detto Pratt.

“Parte di questo progetto è che ripristineremo il paesaggio, non solo sull’attraversamento, ma attorno ad esso, e lo riporteremo a come dovrebbe essere. Ciò aiuterà con molte cose, oltre al rischio di incendio .”

P-22 non sarà presente per utilizzare l’attraversamento della fauna selvatica che ha contribuito a ispirare. Nel dicembre 2022, pochi mesi dopo che la National Wildlife Federation e il Dipartimento dei trasporti della California avevano iniziato la costruzione del ponte, il puma morì.

Sebbene la sua morte sia stata straziante, Pratt ha detto di aver vissuto una lunga vita per un leone di montagna.

“Ma soprattutto, ha usato la sua fama per sempre. Lo chiamo ‘l’influencer delle celebrità cougar per eccellenza.’

Ha detto che la sua storia ha assicurato il futuro degli altri leoni di montagna della regione.

Abbiamo nei suoi confronti un debito di gratitudine. Ha ispirato la costruzione del Wallis Annenberg Wildlife Crossing. Non ce l’avremmo senza di lui.”