Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Cape Town Livestock evidenzia le terribili condizioni a bordo delle navi che trasportano bestiame

Cape Town Livestock evidenzia le terribili condizioni a bordo delle navi che trasportano bestiame

  • Scritto da Wedaile Chibiloshi
  • notizie della BBC

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Ogni anno milioni di animali da fattoria compiono lunghi viaggi attraverso gli oceani

Lunedì mattina gli abitanti di Città del Capo si sono svegliati con un forte odore simile a quello delle acque reflue che si diffondeva nella loro città.

Fonte? La notte prima nella città sudafricana era attraccata una nave proveniente dal Brasile con a bordo 19.000 capi di bestiame per ricaricarli di mangime per animali.

Dopo aver effettuato una valutazione a bordo della Kuwait, il personale di un'importante organizzazione per il benessere degli animali, il Consiglio nazionale delle SPCA (NSPCA), ha affermato che il bestiame era a bordo da due settimane e mezzo e viveva in un “edificio ”. – Arrivano feci e ammoniaca [a gas released from urine]”.

La NSPCA ha affermato nella sua dichiarazione che le condizioni erano “terribili” e la puzza era “inimmaginabile”.

La destinazione finale della nave è l'Iraq, il che significa che l'idea di decine di migliaia di bovini puzzolenti che galleggiano nel mare al largo della loro città potrebbe sembrare un sogno febbrile per i residenti di Città del Capo.

Tuttavia, secondo i gruppi attivisti, il panico sarà ancora nell’aria.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

La nave kuwaitiana si sta dirigendo verso l'Iraq, trasportando 19.000 capi di bestiame

I bovini sono solo una piccola parte dei milioni di animali da allevamento che affrontano lunghi viaggi per essere macellati e mangiati in un altro paese.

Le organizzazioni per i diritti degli animali lamentano da tempo che le condizioni a bordo di queste navi possono essere pericolose.

Dicono che in alcuni casi le creature vengono calpestate a morte a causa del sovraffollamento, mentre anche la disidratazione, le malattie e la fame sono rischi.

I sostenitori dell’esportazione di bestiame affermano che la pratica fornisce sicurezza alimentare ai paesi importatori e apporta anche benefici finanziari alle comunità agricole nei paesi esportatori.

Peter Stephenson del gruppo globale per il benessere degli animali Compassion in Global Farming ha dichiarato alla BBC che, sebbene tali disastri siano orribili, “la cosa veramente brutta è proprio la sofferenza quotidiana” del bestiame esportato.

I 19.000 bovini attraccati in Sud Africa fanno parte di un gregge molto più ampio di esportazioni brasiliane: nel 2022, il paese sudamericano ha inviato 150.000 bovini vivi all’estero, secondo le stime del CIWF.

L’anno scorso, un giudice brasiliano ha vietato l’esportazione di bovini vivi dal paese a causa delle scarse pratiche di welfare, ma il divieto deve ancora essere applicato.

Anche l’Australia e l’Unione Europea sono grandi esportatori di bestiame, con quest’ultima che vende circa 4,5 milioni di animali vivi da allevamento a paesi stranieri, secondo la filiale sudafricana dell’organizzazione benefica per il benessere degli animali Four Paws.

In Africa, la Somalia e il Sudan esportano la quantità maggiore. Le autorità sudanesi hanno affermato che il Paese ha esportato più di 2,7 milioni di capi di bestiame nel 2023, nonostante la furiosa guerra civile. Secondo i media locali.

Ma perché i paesi vogliono importare animali vivi invece di carne refrigerata o congelata?

“In molti paesi c'è la convinzione tradizionale che la carne fresca sia in qualche modo più gustosa e più sana della carne confezionata, refrigerata o congelata”, ha affermato Stevenson.

Alcuni di questi paesi potrebbero avere difficoltà ad allevare animali fin dalla nascita perché soffrono di condizioni aride che sono peggiorate con il riscaldamento globale.

Australian LiveCorp, un'organizzazione al servizio degli esportatori di bestiame australiani, e AgForce, che rappresenta i produttori rurali del Queensland, affermano che la spedizione di animali contribuisce alla sicurezza alimentare nelle regioni con stress idrico come il Medio Oriente.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Gli attivisti protestano da tempo contro le esportazioni di bestiame in tutto il mondo

Dicono anche che l’esportazione di bestiame avvantaggia l’economia australiana e le comunità agricole, che possono vendere i loro animali all’estero a un prezzo più alto rispetto a quello che potrebbero fare a livello nazionale.

Tuttavia, l’Australia si è impegnata a “eliminare gradualmente” le esportazioni di pecore vive nel 2023. Ma non ha fissato una scadenza. La vicina Nuova Zelanda ha imposto il divieto nello stesso anno.

In Europa, il Lussemburgo ha vietato il commercio, e il Regno Unito è sulla buona strada per fare lo stesso – con un disegno di legge approvato dalla Camera bassa del parlamento, la Camera dei Comuni, il mese scorso. Mercoledì se ne occuperà la Camera alta, la Camera dei Lord.

Four Paws sottolinea che oltre ad ospitare una nave piena di bestiame nel porto di Città del Capo, il Sudafrica esporta anche animali da allevamento.

Fiona Miles, direttrice dell'organizzazione benefica in Sud Africa, ha dichiarato: “Ci sono norme insufficienti e gli animali vengono allevati nel paese semplicemente perché vengono trasportati per essere uccisi, il che significa che il Sud Africa sopporta gli effetti dannosi associati all'agricoltura animale mentre il paese importatore no. ” , Egli ha detto.

L’attracco del bestiame a Città del Capo non solo ha causato un fetore, ma ha anche ricordato al mondo i pericoli che gli animali affrontano nei lunghi viaggi per raggiungere i nostri piatti.

“Gli animali sono esseri senzienti e provano dolore e stress proprio come noi”, ha detto la Miles.

Potrebbe interessarti anche:

READ  La polizia afferma che il monossido di carbonio ha ucciso 3 americani nel resort delle Bahamas