Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Blinken lascia intendere che gli Stati Uniti potrebbero accettare attacchi ucraini in Russia con armi americane

Blinken lascia intendere che gli Stati Uniti potrebbero accettare attacchi ucraini in Russia con armi americane

Mercoledì il segretario di Stato Antony Blinken ha suggerito che l’amministrazione Biden potrebbe essere disposta a tollerare gli attacchi effettuati dall’esercito ucraino all’interno della Russia utilizzando armi di fabbricazione americana, affermando che gli Stati Uniti “adatteranno e adatteranno” la loro posizione in base alle mutevoli condizioni sul mercato. terra. campo di battaglia.

Blinken ha affermato che gli Stati Uniti non hanno né incoraggiato né consentito tali attacchi. Ma ha detto che gli ucraini devono prendere le proprie decisioni su come meglio difendersi – una posizione che aveva affermato in precedenza – e che il governo degli Stati Uniti si è “adattato e aggiustato secondo necessità” con l’evolversi della guerra.

Quando un giornalista gli ha chiesto se la sua parola “adattarsi e adattarsi” significasse che gli Stati Uniti avrebbero potuto sostenere gli attacchi dell’Ucraina con armi di fabbricazione americana all’interno della Russia, ha risposto: “Adattarsi e adattarsi significa proprio questo” – e intendeva quelle parole, suggerendo l’atteggiamento di Washington. flessibilità. .

Da quando la Russia ha lanciato l’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, Washington ha inviato aiuti militari agli ucraini, ma ha ripetutamente chiesto loro di non lanciare armi di fabbricazione statunitense sul territorio russo per paura di un’escalation della guerra.

Molti leader europei hanno invitato il presidente Biden a smettere di imporre queste restrizioni, tra cui Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO, ed Emmanuel Macron, presidente della Francia.

Blinken ha espresso il suo discorso a Chisinau, capitale della Moldavia, accanto a Maia Sandu, presidente del paese, che dovrebbe affrontare un candidato filo-russo quando si candiderà per la rielezione in ottobre. I due hanno parlato con i giornalisti dopo un incontro pomeridiano presso la sede presidenziale.

READ  La guerra della Russia in Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

“I nostri vicini e amici in Ucraina pagano ogni giorno un prezzo pesante”, ha detto la signora Sandu.

Blinken ha annunciato nuovi aiuti alla Moldavia per affrontare una serie di problemi derivanti dall’aggressione russa, inclusa l’invasione dell’Ucraina.

Il primo del pacchetto prevedeva la fornitura di 50 milioni di dollari a titolo di ampio sostegno all’industria e al governo della Moldavia, nonché ai processi democratici. Blinken ha sottolineato i settori energetico e agricolo e la necessità di combattere la disinformazione.

“Ciò che è forte qui è un impegno profondo e radicato per la democrazia, di fronte al bullismo russo”, ha detto Blinken.

La signora Sandu ha ringraziato Blinken per l’assistenza americana nella lotta alla corruzione, nella costruzione di infrastrutture per l’energia rinnovabile e nell’affrontare le “tribolazioni della democrazia”, un riferimento all’interferenza elettorale russa.

Il secondo pacchetto di aiuti sopra menzionato ammontava a 85 milioni di dollari per aiutare la Moldova ad aumentare la propria flessibilità energetica e ridurre i propri consumi Dipendenza dall’elettricità È cresciuta nella regione separatista della Transnistria, nell’est, sostenuta dalla Russia. Questi fondi, parte di un impegno di 300 milioni di dollari precedentemente annunciato da USAID, aiuteranno la Moldavia ad aumentare le capacità di stoccaggio delle batterie e le linee di trasmissione ad alta tensione, oltre ad altre esigenze energetiche, ha affermato Blinken.

La Moldavia ha recentemente posto fine alla sua dipendenza dalle importazioni di gas naturale dalla Russia e ora acquista gas da numerosi paesi, compresi gli Stati Uniti.

La visita di Blinken a Chisinau è stata la prima tappa di un viaggio volto a mostrare il sostegno americano ai paesi che si trovano ad affrontare una Russia ostile. Blinken si recherà poi nella Repubblica Ceca, dove giovedì e venerdì parteciperà a un incontro dei ministri degli Esteri e degli alti funzionari della NATO. Hanno in programma di discutere il modo migliore per sostenere l’Ucraina.

READ  Le relazioni con la Cina sono in pericolo mentre l'opposizione di Taiwan si divide in una drammatica disputa

Questo viaggio arriva dopo la visita notturna del signor Blinken a Kiev più di due settimane fa.

La signora Sandu ha chiesto l’adesione della Moldavia all’Unione europea e ha programmato un referendum sulla questione lo stesso giorno delle elezioni presidenziali di ottobre.

Analisti americani ed europei affermano che Mosca probabilmente cercherà di interferire nelle elezioni, come ha fatto altrove in Europa. L’amministrazione Biden ha parlato pubblicamente di agenti russi che effettuano tale interferenza utilizzando vari mezzi, dall’hacking alle campagne attraverso i social network alla distribuzione di denaro ai politici favoriti.

Circa 1.500 soldati russi sono dispiegati in Transnistria, al confine con l’Ucraina. I funzionari statunitensi stanno monitorando eventuali segnali che il presidente russo Vladimir Putin possa tentare di annettere la regione.

La sessione della NATO nella Repubblica Ceca mira ufficialmente a portare avanti l’agenda dell’incontro dei leader dell’Alleanza che si terrà a Washington il prossimo luglio. Non si prevede che il gruppo annunci l’adesione dell’Ucraina alla NATO, un’ambizione che Zelenskyj ha ribadito dopo l’invasione russa. Tuttavia, ci si aspetta che elaborino i dettagli necessari per far avanzare l’Ucraina nel processo di adesione.

Mentre le forze russe lanciano l’assalto a Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina, gli sforzi bellici ucraini stanno diminuendo, in gran parte a causa della carenza di armi e munizioni. Ci sono anche meno cittadini che possono unirsi alla lotta.

Biden ha recentemente firmato un disegno di legge approvato dal Congresso, nonostante l’opposizione repubblicana, che concede nuovi aiuti militari all’Ucraina.

La Russia sta producendo munizioni a un ritmo rapido e le sanzioni guidate dagli Stati Uniti non sono riuscite a paralizzare le sue capacità industriali militari. Biden e i suoi collaboratori affermano che la Cina ha svolto un ruolo cruciale nel sostenere la Russia attraverso le esportazioni di attrezzature a duplice uso e altri beni che le hanno permesso di aumentare la produzione di armi. Si prevede che Blinken sottolineerà il sostegno della Cina alla Russia nelle sue discussioni alla riunione della NATO a Praga.

READ  Turista bloccato a Machu Picchu tra le proteste peruviane