Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Combattimenti in Sudan: l’annuncio delle prime evacuazioni di stranieri bloccati in Sudan

Combattimenti in Sudan: l’annuncio delle prime evacuazioni di stranieri bloccati in Sudan

(CNN) L’Arabia Saudita è diventata il primo paese ad annunciare l’evacuazione dei suoi cittadini bloccati dal Sudan, una settimana dopo aspri combattimenti Scoppiò tra due forze rivali.

Il ministero degli Esteri saudita ha affermato che “un certo numero di cittadini di paesi fraterni e amici” è stato evacuato, insieme a cittadini sauditi. I cittadini kuwaitiani sono tra le dozzine di persone portate in salvo, ma non è chiaro quali altri cittadini fossero coinvolti.

L’annuncio è arrivato dopo che sia le forze armate sudanesi che le forze di supporto rapido si sono dichiarate pronte ad assistere nell’evacuazione di cittadini stranieri.

In una dichiarazione di sabato, le forze armate sudanesi hanno affermato che il loro comandante, il tenente generale Abdel Fattah al-Burhan, “ha accettato di fornire l’assistenza necessaria” per facilitare l’evacuazione sicura di cittadini stranieri dal paese in risposta agli “appelli di un certo numero di capi delle forze armate sudanesi”. Stati.”

“Si prevede che l’evacuazione di tutte le missioni i cui paesi hanno presentato tale richiesta inizi nelle prossime ore, poiché Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Cina evacueranno i loro diplomatici e cittadini tramite aerei da trasporto militari appartenenti ai loro militanti Le forze armate sudanesi hanno dichiarato in una dichiarazione che hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook “Si prevede che inizi immediatamente”.

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha detto alla CNN che il dipartimento era “a conoscenza di questa dichiarazione” delle forze armate sudanesi in merito all’evacuazione delle missioni diplomatiche.

“Siamo in contatto con la nostra ambasciata, che ha confermato che tutti i dipendenti del governo degli Stati Uniti sono detenuti e in un luogo sicuro”, ha detto il portavoce dell’ambasciata. “Dato che l’esercito americano ha preposizionato le sue forze nell’area, siamo pronti a condurre un’evacuazione assistita dai militari del personale del governo degli Stati Uniti se le circostanze lo richiedono”.

READ  Due Navy SEAL statunitensi scomparsi al largo delle coste della Somalia erano in missione notturna a bordo di una nave: ufficiali statunitensi

feroci battaglie È scoppiata sabato scorso in Sudan tra le Forze armate sudanesi e le Forze di supporto rapido guidate da Mohamed Hamdan Dagalo.

I due sono ex alleati, ma tra loro sono sorte tensioni sui negoziati per integrare l’RSF nell’esercito del paese come parte dei piani per ripristinare il governo civile.

Più di 420 persone sono state uccise e 3.700 ferite nei combattimenti, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), e la situazione umanitaria sul terreno sta peggiorando.

Le Nazioni Unite affermano che le persone stanno fuggendo sempre più dalle aree colpite dai combattimenti, inclusa Khartoum. Le Nazioni Unite affermano che fino a 20.000 rifugiati sono arrivati ​​nel vicino Ciad.

Nuovi scontri tra i due gruppi sabato scorso hanno destabilizzato un cessate il fuoco di tre giorni annunciato per la festa dell’Eid.

Sabato sono stati segnalati scontri a Khartoum, con testimoni che hanno riferito alla CNN che si stavano verificando violenti scontri nelle vicinanze del palazzo presidenziale e che i rumori di esplosioni e aerei da guerra stavano volando sopra di loro.

Il fumo riempie il cielo sopra Khartoum, in Sudan, vicino al Doha International Hospital, venerdì 21 aprile 2023.

Dagalo ha detto di aver parlato sabato con il ministro degli Esteri francese Catherine Colonna e di aver discusso “della situazione attuale e delle ragioni [that] Ha esacerbato la situazione e la possibilità di aprire corridoi di evacuazione.

Sabato, anche il primo ministro britannico Rishi Sunak ha presieduto una riunione di emergenza per discutere la situazione.

La CNN ha appreso che gli sforzi di evacuazione britannici non avverranno presto, ma un portavoce del governo ha detto alla CNN che stanno facendo “tutto il possibile” per sostenere i cittadini britannici.

READ  La Cina promuove le relazioni con la Russia e accusa gli Stati Uniti di essere il 'principale istigatore della crisi ucraina'

Un portavoce dell’UE ha affermato che circa 1.500 cittadini provenienti da vari paesi dell’UE si trovano attualmente in Sudan.

“Stanno affrontando una situazione molto difficile e la loro sicurezza è una priorità. Esortiamo entrambe le parti (SAF e RSF) a interrompere i combattimenti e consentire un passaggio sicuro fuori dal Paese”, ha detto il portavoce. L’Unione europea ha lavorato con gli Stati membri per trovare soluzioni e far uscire queste persone dal paese.

Non è chiaro quanti cittadini statunitensi ci siano in Sudan. Il Dipartimento di Stato non conserva statistiche ufficiali sui cittadini statunitensi all’estero e gli americani non sono tenuti a registrarsi quando viaggiano all’estero. I funzionari del Dipartimento di Stato hanno riferito ai dipendenti dei circa 16.000 cittadini statunitensi in Sudan, la maggior parte dei quali con doppia cittadinanza.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori reazioni.