Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Funzionario israeliano dice: L’attacco a Gaza continuerà almeno fino alla fine dell’anno: aggiornamenti in tempo reale

Funzionario israeliano dice: L’attacco a Gaza continuerà almeno fino alla fine dell’anno: aggiornamenti in tempo reale

Martedì funzionari statunitensi hanno affermato che il raid israeliano che ha ucciso dozzine di palestinesi nel sud di Gaza è stato una tragedia, ma non ha violato la linea rossa del presidente Biden sul rifiuto delle spedizioni di armi a Israele.

Lo spargimento di sangue è arrivato dopo che Biden aveva avvertito all’inizio di questo mese che gli Stati Uniti avrebbero bloccato alcuni trasferimenti di armi se Israele avesse preso di mira le aree densamente popolate di Rafah – un avvertimento che è stato regolarmente testato mentre la guerra continua.

John F. Kirby, portavoce della Casa Bianca, ha detto che le morti sono state “devastanti”, ma la portata dell’attacco non è stata sufficiente a cambiare la politica americana. “Non vogliamo vedere una grande operazione di terra”, ha detto Kirby ai giornalisti. “Non l’abbiamo visto.”

Kirby ha detto che i carri armati israeliani erano alla periferia della città “per cercare di fare pressione su Hamas”. Ha anche fornito alcune specificità sull’avvertimento di Biden a Israele, che i critici hanno affermato essere troppo vago.

“Non li abbiamo visti entrare con grandi unità e un gran numero di truppe in colonne e formazioni in una sorta di manovra coordinata contro più obiettivi sul terreno”, ha detto Kirby. “Tutto ciò che possiamo vedere ci dice che non stanno avviando una grande operazione di terra nei centri abitati della città di Rafah”.

Biden ha subito pressioni da parte dei suoi sostenitori e dei membri del suo stesso partito affinché usasse la sua autorità per tagliare le armi a Israele come un modo per influenzare la sua condotta nella guerra. Gli Stati Uniti sono di gran lunga il maggiore fornitore di armi a Israele, il che solleva interrogativi sulla responsabilità americana mentre il bilancio delle vittime aumenta.

READ  Il famoso alpinista Noel Hanna muore scendendo dall'infido picco dell'Annapurna in Nepal

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, l’attacco a Rafah di domenica ha innescato un incendio mortale che ha ucciso almeno 45 persone, compresi bambini, e ne ha ferite 249. Ha suscitato indignazione internazionale, anche da parte dei leader dell’Unione Europea, delle Nazioni Unite, dell’Egitto e della Cina.

Martedì, la vicepresidente Kamala Harris, quando gli è stato chiesto di Rafah, ha affermato che “la parola tragico non inizia nemmeno a descrivere” le morti. Non ha risposto a una domanda successiva sul fatto se lo sciopero avesse oltrepassato la linea rossa per il signor Biden.

Tuttavia, il comportamento dell’IDF è stato simile a quello che Biden ha detto che non avrebbe tollerato quando ha avvertito, in un’intervista alla CNN all’inizio di questo mese, che gli Stati Uniti non avrebbero fornito a Israele armi per attaccare Rafah.

“Ho chiarito a Bibi e al gabinetto di guerra che non avrebbero avuto il nostro sostegno se, di fatto, si fossero recati in questi centri abitati”, ha detto Biden nell’intervista.

In quell’intervista, Biden ha sottolineato che gli Stati Uniti avrebbero continuato a garantire la sicurezza di Israele, citando il sistema di difesa missilistico Iron Dome e il suo sostegno alla “capacità di Israele di rispondere agli attacchi”. Ma ha detto che impedirà la consegna di armi che potrebbero essere lanciate contro aree densamente popolate di Rafah.

L’area bombardata domenica non era inclusa negli ordini di evacuazione emessi da Israele all’inizio di maggio, e alcuni palestinesi che si erano rifugiati nel campo hanno affermato di ritenere che fosse una zona sicura.

L’esercito israeliano ha detto che l’obiettivo del raid di domenica era un complesso di Hamas e che “munizioni di precisione” sono state usate per colpire un comandante e un altro alto funzionario lì. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che l’uccisione di civili è stata un “tragico incidente”.

READ  Grande sollievo con il grano ucraino fuori, ma la crisi alimentare non sta andando da nessuna parte

Circa un milione di persone sono fuggite da Rafah durante l’attacco israeliano alla città, secondo quanto annunciato dal centro Nazioni UniteTra cui molte zone nella parte occidentale della città e nella zona circostante il campo bombardato domenica.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha affermato che gli Stati Uniti stanno monitorando attentamente l’indagine israeliana sull’incidente.

“Israele ha detto che potrebbe esserci stato un deposito di munizioni di Hamas vicino all’area in cui è stato effettuato l’attacco”, ha detto Miller. “È una questione fattuale molto importante a cui è necessario rispondere”.

Il portavoce dell’esercito israeliano, l’ammiraglio Daniel Hagari, ha detto in una conferenza stampa che gli aerei israeliani hanno sparato “le munizioni più piccole” che potevano usare, aggiungendo che “le nostre munizioni da sole non possono innescare un incendio di queste dimensioni”.

Israele ha invaso la Striscia di Gaza dopo gli attacchi guidati da Hamas del 7 ottobre, che hanno ucciso circa 1.200 persone in Israele. Secondo i funzionari sanitari di Gaza, l’attacco di ritorsione israeliano ha ucciso più di 36.000 persone, molte delle quali donne e bambini.

I leader mondiali, compreso Biden, hanno messo in guardia dai pericoli di una grande operazione militare a Rafah senza un piano adeguato per evacuare gli sfollati di Gaza che si sono rifugiati lì.

Il signor Miller non è stato in grado di fornire alcuni dettagli sulle centinaia di migliaia di persone che sono fuggite da Rafah nelle ultime settimane.

Ha aggiunto: “Alcuni di loro sono tornati a Khan Yunis”. Ha aggiunto: “Alcuni di loro sono penetrati nella parte occidentale di Rafah. Alcuni di loro sono andati a Mawasi. Non credo che ci sia una risposta. Il signor Miller ha detto di non sapere se Israele stesse aiutando queste persone.

READ  Le ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Khaled Elgindy, membro senior del Middle East Institute e consigliere dei leader palestinesi durante i passati negoziati di pace, ha affermato che la Casa Bianca sta beneficiando delle sue vaghe descrizioni della “linea rossa” di Biden per l’operazione militare israeliana a Rafah.

“È decisamente confuso e determinato”, ha detto il signor Elgindy. “Non vogliono essere inchiodati. Non vogliono limitarsi a definire un punto specifico o una linea da oltrepassare perché Israele certamente oltrepasserà quella linea. Lo abbiamo visto più e più volte.”

Erica L. Verde Ha contribuito con reportage da Washington e Michael Crowley Da New York.