Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Biden visita il Michigan per sostenere lo sciopero automobilistico un giorno prima di Trump

Biden visita il Michigan per sostenere lo sciopero automobilistico un giorno prima di Trump

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden scende da un pick-up elettrico Chevrolet Silverado EV offertogli dal CEO di GM Mary Barra durante una visita al Detroit Auto Show per evidenziare la produzione di veicoli elettrici in America, a Detroit, Michigan, Stati Uniti, 14 settembre 2022. Reuters/Kevin LaMarque/foto d’archivio Ottenere i diritti di licenza

WASHINGTON/TOLEDO, Ohio, 22 settembre (Reuters) – Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si recherà martedì nel Michigan per mostrare sostegno allo sciopero della United Auto Workers contro le case automobilistiche di Detroit, mettendolo al centro di una disputa che ha scosso i suoi alleati sindacali . Contro i principali produttori.

Biden, un democratico, si considera un presidente filo-sindacale, e la sua visita nello stato, un giorno prima della visita prevista per l’ex presidente Donald Trump, sottolineerà il suo sostegno al diritto dei lavoratori sindacalizzati di agire e partecipare alla contrattazione collettiva. .

“Martedì andrò nel Michigan per unirmi al picchetto e solidarizzare con gli uomini e le donne della UAW mentre lottano per ottenere una giusta parte del valore che hanno contribuito a creare”, ha detto Biden venerdì in un post su X. La piattaforma di social media precedentemente nota come Twitter. “È tempo di raggiungere un accordo vantaggioso per tutti che mantenga fiorente l’industria automobilistica americana attraverso posti di lavoro ben retribuiti alla UAW”.

Biden si candida alla rielezione nel 2024 e probabilmente affronterà Trump, il favorito per la nomina presidenziale repubblicana.

Un portavoce della campagna di Trump ha detto che il viaggio di Biden nel Michigan è stato un “servizio fotografico a buon mercato”.

“L’unico motivo per cui Biden andrà in Michigan martedì è perché il presidente Trump ha annunciato che sarebbe andato mercoledì”, ha affermato la campagna di Trump in una dichiarazione nella tarda serata di venerdì.

READ  Dow sale mentre Snap crolla del 33% sugli utili

Venerdì la UAW ha invitato Biden a visitare i lavoratori ai picchetti e ha detto che espanderà il suo sciopero a Detroit per includere i centri di distribuzione di ricambi negli Stati Uniti presso la General Motors (GM.N) e la società madre di Chrysler, Stellantis (STLAM.MI). La società ha affermato di aver compiuto progressi concreti nei colloqui con Ford Motor Company (FN).

“È molto raro che un presidente faccia visita agli scioperanti”, ha detto Jeremy Sorey, storico e studioso presidenziale presso l’Università del Texas ad Austin. Ha aggiunto che anche il presidente democratico pro-lavoro Jimmy Carter non ha mai visitato il picchetto. “Questo sarebbe un cambiamento importante per Biden per collegare la presidenza ai lavoratori in sciopero, piuttosto che schierarsi con l’industria o rimanere al di sopra della mischia”.

UAW blocca l’autenticazione

Diversi sindacati hanno già appoggiato la rielezione di Biden, ma finora la UAW si è astenuta dal sostenerla. Biden ha affermato che le case automobilistiche devono “andare oltre per garantire che profitti aziendali record significhino contratti record per la UAW”, facendo eco ai sentimenti dei leader sindacali.

Sia i Tre di Detroit che la UAW hanno molto in gioco nelle decisioni politiche federali. Le case automobilistiche fanno affidamento su Washington per ottenere sussidi di miliardi di dollari per la produzione di auto elettriche. Stanno negoziando con l’amministrazione Biden sulle future norme sulle emissioni che richiederebbero un passaggio ai veicoli elettrici che l’industria ritiene sarà troppo rapido e troppo costoso.

Allo stesso tempo, il sindacato teme che il passaggio ai veicoli elettrici significherà perdite di posti di lavoro perché tali veicoli richiedono meno parti per essere prodotti.

Trump ha intenzione di recarsi a Detroit per parlare a una manifestazione annunciata per i lavoratori del settore automobilistico come parte del suo tentativo di riconquistare alcuni elettori operai che hanno disertato a favore di Biden nella sua vittoria del 2020. Trump ha invitato i lavoratori sindacali di base a ignorare le loro richieste. Capi.

READ  I pagamenti tipici dei mutui sono aumentati di $ 337 in sole sei settimane poiché i tassi di interesse hanno raggiunto quasi il 7%.

Combattere la classe dei miliardari

Trump non ha detto se visiterà i picchetti. Il presidente dell’UAW Sean Fine ha criticato Trump all’inizio della settimana, affermando che il sindacato sta “combattendo la classe dei miliardari e un’economia che arricchisce persone come Donald Trump a scapito dei lavoratori”.

Suri ha detto che l’ultimo presidente degli Stati Uniti a mostrare un tale sostegno ai lavoratori in sciopero è stato probabilmente Theodore Roosevelt. Nel 1902, Roosevelt invitò i lavoratori del carbone in sciopero alla Casa Bianca insieme a funzionari governativi e dirigenti, preoccupati che il paese stesse affrontando una carenza di carbone.

Prima di questo incontro devastante, Roosevelt, come Biden, si ritrovò con poca influenza per negoziare.

“Non c’è letteralmente nulla… che il governo nazionale abbia alcuna autorità da fare”, si lamentò Roosevelt con il senatore americano Henry Cabot Lodge. Rievocare lo sciopero Sul sito del Ministero del Lavoro. “Finalmente sto capendo come andare avanti.”

I lavoratori ai picchetti avevano sentimenti contrastanti sull’opportunità o meno di far visita a Biden. Alcuni hanno affermato che i politici dovrebbero restare fuori dalla mischia, mentre altri hanno affermato che avrebbero accolto con favore il sostegno se lo sciopero continuasse.

“Personalmente, non mi dispiacerebbe se Biden si facesse avanti e mostrasse un po’ di sostegno”, ha detto martedì Laura Zelensky, 55 anni, di Toledo, Ohio, riferendosi alla visita di Biden allo stabilimento di assemblaggio Stellantis Toledo nel 2010, quando era vicepresidente. . .

“Un supporto come questo metterebbe in risalto le conversazioni, dando una spinta alle aziende”.

Thomas Morris, 60 anni, che era a un picchetto nella periferia di Filadelfia, ha affermato di apprezzare il sostegno di Biden ai sindacati e chiede alle aziende di trasferire profitti record ai lavoratori e ai consumatori. Gli piacerebbe vedere Biden unirsi. “Porterà molta pubblicità e aiuto nella lotta”, ha detto Morris.

READ  Il giorno del viaggio aereo più popolare di quest'anno è stato un disastro e le cose non cambieranno presto

(Segnalazione di Heather Timmons e Jeff Mason a Washington, Ben Klayman a Toledo, Ohio, e David Gaffen a New York; A cura di Matthew Lewis, Nick Zieminski, Alistair Bell e Timothy Gardner

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Jeff Mason è il corrispondente della Reuters dalla Casa Bianca. Ha coperto le presidenze di Barack Obama, Donald Trump e Joe Biden e le campagne presidenziali di Biden, Trump, Obama, Hillary Clinton e John McCain. È stato presidente dell’Associazione dei corrispondenti della Casa Bianca dal 2016 al 2017 e ha guidato il corpo della stampa nella difesa della libertà di stampa nei primi giorni dell’amministrazione Trump. Il suo lavoro e quello della WHCA sono stati premiati con il “Freedom of Expression Award” presentato da Deutsche Welle. Jeff ha posto domande mirate a leader nazionali e stranieri, tra cui il presidente russo Vladimir Putin e il presidente nordcoreano Kim Jong Un. Ha ricevuto il premio “Eccellenza nella copertura delle notizie presidenziali sotto la pressione delle scadenze” della WHCA ed è co-vincitore del premio “Breaking News” della Business Journalists Association. Jeff ha iniziato la sua carriera a Francoforte, in Germania, come reporter d’affari prima di essere assunto. In viaggio a Bruxelles, in Belgio, dove ha coperto l’Unione Europea, Jeff appare regolarmente in televisione e alla radio, insegna giornalismo politico alla Georgetown University e si è laureato alla Medill School of Journalism della Northwestern University ed ex borsista Fulbright.

È il capo dell’ufficio di Detroit e redattore dei trasporti nordamericani, responsabile di una squadra di circa 10 giornalisti che coprono tutto, dalle automobili all’aerospaziale, dalle compagnie aeree allo spazio. comunicazione: