Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Biden sta cercando di attirare il principe ereditario saudita lontano dalla Cina con promesse lucrative, nonostante abbia minacciato di renderlo un “paria”.

Biden sta cercando di attirare il principe ereditario saudita lontano dalla Cina con promesse lucrative, nonostante abbia minacciato di renderlo un “paria”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.Bandar Pelle/Reuters

Sembrava che il presidente Joe Biden avesse pazienza con l’ambizioso e impulsivo principe ereditario saudita. Maometto bin Salman, scarico.

I sauditi hanno fatto arrabbiare gli Stati Uniti lo scorso anno schierandosi con la Russia per tagliare la produzione di petrolio, una mossa che Biden teme possa portare a un picco dell’inflazione interna.

Biden ha detto all’Arabia Saudita che ci sarebbero state “conseguenze” per la loro decisione, facendo eco a un discorso elettorale in cui ha promesso di fare del principe ereditario un “paria” per l’assassinio del dissidente Jamal Khashoggi.

Ma la decisione del principe ereditario Mohammed Avvicinati alla CinaL’arcirivale globale degli Stati Uniti ha cambiato atteggiamento a Washington e Biden sembra essersi voltato.

Gli Stati Uniti hanno scambiato le loro minacce con lucrosi contratti per il principe ereditario come parte di un gioco di potere ad alto rischio condotto per l’egemonia nella regione.

Lo scorso fine settimana, Biden ha inviato il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, in Arabia Saudita, per discutere con i funzionari sauditi. È stato il funzionario statunitense di più alto profilo a visitare il regno da quando lo stesso Biden ha fatto il viaggio la scorsa estate.

Sullivan, Biden

Joe Biden cammina con il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan (L) all’Ufficio ovale della Casa Bianca a Washington, DC, 27 luglio 2021.Saul Loeb/AFP tramite Getty Images

“Per l’amministrazione Biden, sfidare la crescente influenza della Cina in Medio Oriente e in altre parti del mondo è una priorità assoluta”, ha detto a Insider Giorgio Cafiero, CEO della società di consulenza Gulf State Analytics con sede a Washington, DC.

READ  Invasione russa dell'Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Facendo un cenno alle dinamiche di potere in rapida evoluzione della regione, Sullivan ha offerto ai sauditi lucrosi investimenti infrastrutturali per migliorare i collegamenti ferroviari e portuali negli stati del Golfo e in India, una delle economie in più rapida crescita al mondo e rivale geopolitica della Cina, i rapporti dicono,

“Questo fa parte di uno sforzo guidato dagli Stati Uniti per vendicarsi contro Pechino. Gli Stati Uniti potrebbero non fare o dire sempre questo punto direttamente, ma tutti sanno che è così”, ha detto Cafiero.

Il gioco di potere di Mohammed bin Salman

Al centro della strategia diplomatica del principe ereditario Mohammed c’è la convinzione che il potere globale degli Stati Uniti e l’impegno di Washington DC in Medio Oriente stia diminuendo, Dicono gli analisti.

A tal fine, i sauditi stanno cercando di espandere le loro alleanze. Si stanno ritirando dagli Stati Uniti e si stanno avvicinando alle potenze rivali, tra cui Russia e Cina.

Il rafforzamento delle relazioni con la Cina, nonostante il disagio che provoca a Washington, D.C., è una delle principali priorità a Riyadh.

La Cina è la seconda economia più grande del mondo e i sauditi stanno cercando di investire trilioni di dollari nel tentativo di diversificare la loro economia lontano dai combustibili fossili.

L’anno scorso, il principe ereditario Mohammed Wuxi Hanno convenuto di approfondire la loro cooperazione su una serie di questioni economiche e di sicurezza. La Cina ha investito molto nelle infrastrutture in Medio Oriente come parte della sua iniziativa “Belt and Road”.

La sontuosa accoglienza di Xi contrastava con l’accoglienza in sordina per Biden quando ha visitato il regno a luglio.

READ  L'Ucraina sventa il tentativo di omicidio russo contro il presidente ucraino Volodymyr Zelensky

Secondo il Wall Street Journal, Il principe ereditario crede che mettendo le superpotenze rivali l’una contro l’altra, sarà in grado di strappare preziose concessioni agli Stati Uniti in settori come la tecnologia nucleare.

La Cina ha ottenuto una vittoria importante nel suo tentativo to Sostituisce gli Stati Uniti come mediatore di potere nella regione Lo scorso marzo, quando ho negoziato un accordo di pace tra i nemici di lunga data Arabia Saudita e Iran.

Cafiero ha affermato che l’amministrazione Biden ha assunto una visione ottimistica del riavvicinamento saudita-iraniano mediato dalla Cina nella speranza che una più ampia stabilità regionale sia nell’interesse di tutti.

Ha aggiunto: “Alcuni funzionari a Washington si sentono minacciati dal fatto che la Cina, a differenza degli Stati Uniti o di qualsiasi altro paese occidentale, abbia svolto questo ruolo nel ripristinare le relazioni diplomatiche saudite-iraniane quest’anno”.

La questione che probabilmente era in cima all’agenda di Sullivan era l’alleanza sempre più stretta tra la Cina e gli stati del Golfo in materia di sicurezza e difesa.

Shi, Mohammed bin Salman

Il presidente cinese Xi Jinping tiene colloqui con il principe ereditario saudita e il primo ministro Mohammed bin Salman Al Saud nel palazzo reale di Riyadh, in Arabia Saudita, l’8 dicembre 2022.Yu Youwei/Xinhua tramite Getty Images

Recenti fughe di notizie dal Pentagono hanno dimostrato che i piani della Cina di costruire una base militare negli Emirati Arabi Uniti stanno andando avanti, nonostante le obiezioni dei funzionari statunitensi.

Insider ha riferito il mese scorso Una preoccupazione è che i sauditi e altri stati del Golfo utilizzino la tecnologia di sorveglianza cinese nei cosiddetti progetti di “città intelligenti”.

READ  Le principali roccaforti Covid in Asia abbandonano le restrizioni ai confini

Nonostante gli sforzi di Sullivan, è improbabile che i sauditi abbandonino presto la loro strategia sul filo del rasoio di bilanciare le grandi potenze rivali. Cafiero ha affermato che il mantenimento di buoni rapporti con le controparti del gigante dei combustibili fossili Russia e della fiorente superpotenza cinese rimane centrale per gli obiettivi del regno.

“Penso che se l’amministrazione Biden è realistica riguardo alla situazione, si capisce che l’Arabia Saudita è determinata ad affermare la sua indipendenza e la sua indipendenza dall’Occidente”, ha detto.

Ma i piani infrastrutturali svelati da Sullivan mostrano che gli Stati Uniti rimangono determinati a svolgere un ruolo importante nella regione e ad appianare i conflitti passati. Cafiero ha affermato che i sauditi probabilmente continueranno a cercare buoni rapporti con Washington, DC.

“È importante notare che l’Arabia Saudita non cerca di tagliare i ponti con gli Stati Uniti. I sauditi non vogliono abbandonare la loro partnership decennale con Washington”, ha affermato.

Leggi l’articolo originale su Affari interessati