Giugno 8, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Biden promette 500 milioni di dollari per fermare la deforestazione in Brasile

Il presidente Biden giovedì ha promesso 500 milioni di dollari per combattere la deforestazione in Brasile e oltre 1 miliardo di dollari per aiutare i paesi in via di sviluppo ad abbandonare i combustibili fossili per diventare più resilienti agli effetti del cambiamento climatico.

Durante un incontro virtuale con i leader delle maggiori economie mondiali, Biden ha invitato altri paesi a fissare obiettivi ambiziosi per ridurre i gas serra e limitare il riscaldamento globale.

“Siamo in un momento di grande pericolo, ma dobbiamo anche affrontare grandi possibilità, serie possibilità”, ha affermato Biden, che ha esortato i paesi ricchi a fare di più per aiutare quelli poveri.

“Coloro che hanno contribuito meno al problema, comprese le nazioni in via di sviluppo, sentiranno maggiormente l’impatto del cambiamento climatico”, ha affermato Biden. “In quanto grandi economie e grandi emettitori, dobbiamo intensificare e sostenere queste economie”.

I 500 milioni di dollari saranno consegnati in cinque anni e renderanno gli Stati Uniti uno dei maggiori donatori del Fondo Amazon, un programma di conservazione. Il signor Biden ha definito le foreste “la chiave del nostro futuro” e ha detto: “Se perdiamo questa risorsa naturale, non saremo in grado di recuperarla facilmente”.

Ma l’impegno richiederà l’approvazione del Congresso, poiché i repubblicani si oppongono in modo schiacciante agli aiuti climatici internazionali e hanno reso difficile per il presidente Biden mantenere le sue promesse di aiutare i paesi poveri ad adattarsi al cambiamento climatico.

Giovedì, il senatore John Barrasso, R-Wyoming, ha notato che il capo del servizio forestale degli Stati Uniti ha recentemente testimoniato che non c’erano fondi sufficienti per la gestione delle foreste americane.

“Perché ora stanno inviando mezzo miliardo di dollari dei contribuenti statunitensi in Brasile per il loro bene?” chiese il signor Barrasso. “La massima priorità sarà prendersi cura delle nostre risorse prima, o meglio ancora, risparmiare ai contribuenti il ​​dolore di guardare il presidente Biden spargere tesori americani in tutto il mondo nel perseguimento della sua agenda ambientale”.

READ  In centinaia temono la morte dopo che un ciclone ha colpito il Myanmar occidentale

Il presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva, ha lavorato con l’amministrazione Biden su molte questioni, incluso il cambiamento climatico, nonostante le critiche di Lula al sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina nella sua guerra con la Russia.

Il Brasile ha istituito il Fondo Amazzonia nel 2008 e ha finanziato gli sforzi per ridurre la deforestazione nella più grande foresta pluviale del mondo. La Norvegia, il primo e maggiore contributore al fondo, ha donato oltre 1,2 miliardi di dollari. Germania Recentemente annunciato 217 milioni di dollari.

Il fondo è stato sospeso sotto il predecessore di estrema destra di Lula, Jair Bolsonaro, che ha indebolito la protezione ambientale e ha visto salire i tassi medi di deforestazione, raggiungendo livelli mai visti in più di un decennio.

Il signor Lula è entrato in carica a gennaio promettendo di porre fine alla deforestazione in Amazzonia entro il 2030. Ma la sua amministrazione ha avuto un inizio difficile. Dati grezzi Osserva che i tassi di deforestazione hanno continuato a salire, mentre la sua amministrazione cerca di ricostruire le protezioni ambientali.

L’Amazzonia svolge un ruolo importante nella regolazione dei cicli dell’acqua, nella stabilizzazione del clima e nell’assorbimento di anidride carbonica. Secondo una stima, ci sono da 150 a 200 miliardi di tonnellate di carbonio rinchiuse nella foresta. Ma con l’abbattimento degli alberi, parti della foresta ora emettono più anidride carbonica di quanta ne assorbano.

L’impegno degli Stati Uniti “è un sacco di soldi”, ha detto Sole Araujo, un esperto di politiche dell’Osservatorio del clima, un gruppo ambientalista in Brasile. “È un segno di fiducia nella nuova amministrazione, che possono farcela e che stanno facendo uno sforzo per controllare la deforestazione”.

READ  L'IDF attacca Gaza in risposta a un attacco missilistico notturno; Furono lanciati altri due missili

“Spero davvero che il Congresso lo approvi”, ha detto la signora Araujo. “È davvero essenziale per ciò di cui il Brasile ha bisogno”.

Il signor Biden ha promesso 11,4 miliardi di dollari all’anno in aiuti internazionali per il clima entro il 2024, ma finora è ancora lontano da quell’obiettivo. L’anno scorso, il Congresso ha approvato solo 1 miliardo di dollari, nonostante i Democratici controllassero la Camera e il Senato.

“Stiamo lavorando il più duramente possibile per cercare di raggiungere questo obiettivo e mantenere l’impegno del presidente”, ha affermato Sarah Ladislao, assistente speciale di Biden e direttore senior per il clima e l’energia del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca. .

Mentre molti gruppi ambientalisti hanno elogiato il finanziamento, alcuni hanno affermato che Biden ha gravemente minato la posizione degli Stati Uniti sul cambiamento climatico con le sue recenti decisioni di consentire un massiccio progetto di trivellazione petrolifera in Alaska e di consentire nuove esportazioni di gas naturale liquefatto dallo stato.

“Dietro lo schermo verde delle promesse climatiche di Biden, continua a dare il via libera a un’espansione dirompente dei combustibili fossili progetto dopo progetto”, ha affermato Jan Su del Center for Biological Diversity.

Con i repubblicani che ora controllano la Camera dei rappresentanti e i democratici che detengono una maggioranza ristretta al Senato, ottenere l’approvazione per denaro aggiuntivo per cose come il fondo Amazon sarà una battaglia in salita.

Ma in almeno un caso, l’amministrazione Biden ha trovato un modo per aggirare l’opposizione repubblicana.

L’anno scorso, i repubblicani hanno tagliato i soldi che l’amministrazione aveva promesso al Green Climate Fund, un programma guidato dalle Nazioni Unite per aiutare i paesi poveri a passare dai combustibili fossili alle energie rinnovabili e aumentare la resilienza ai disastri climatici. Giovedì, l’amministrazione ha dichiarato che avrebbe fornito 1 miliardo di dollari al fondo, attingendo a fondi discrezionali all’interno del Dipartimento di Stato, secondo un funzionario dell’amministrazione.

READ  L'Ucraina chiude il suo spazio aereo ai voli civili nel mezzo dell'azione militare russa