Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Articolo 23: Hong Kong approva una seconda legge sulla sicurezza nazionale che collega più strettamente la città alla Cina continentale

Articolo 23: Hong Kong approva una seconda legge sulla sicurezza nazionale che collega più strettamente la città alla Cina continentale


Hong Kong
CNN

Martedì il parlamento di Hong Kong ha approvato all’unanimità nuovi poteri Ciò, secondo i critici e gli analisti, porterebbe le leggi sulla sicurezza nazionale del centro finanziario più in linea con quelle utilizzate nella Cina continentale e approfondirebbe la repressione in corso sul dissenso.

il lungo Il disegno di legge sulla sicurezza nazionale – la cui prima bozza era lunga 212 pagine – è passato attraverso la legislatura incontrastata della città in modo insolitamente rapido su richiesta del leader della città John Lee, ed è stato dibattuto in soli 11 giorni.

La legge entra in vigore sabato, introducendo 39 nuovi reati legati alla sicurezza nazionale, che si aggiungono a una già forte legge sulla sicurezza nazionale che Pechino ha imposto direttamente a Hong Kong nel 2020 dopo massicce e talvolta violente proteste democratiche dell’anno precedente.

La legge ha già trasformato Hong Kong con le autorità che hanno imprigionato dozzine di oppositori politici, costringendo i gruppi della società civile e i media a sciogliere la città e a trasformare quella che una volta era una città libera in una città che dà priorità al patriottismo.

La nuova legislazione sulla sicurezza nazionale, conosciuta localmente come Sezione 23, copre una vasta gamma di nuovi crimini tra cui tradimento, spionaggio, ingerenza straniera e trattamento illegale di segreti di stato, con i crimini più gravi punibili fino all’ergastolo.

L'amministratore delegato di Hong Kong Lee lo ha descritto come un “momento storico per Hong Kong”.

Chen Yongnu/China News Service/VCG/Getty Images

I legislatori partecipano a una riunione per attuare l'articolo 23 della Legge fondamentale nel Consiglio legislativo il 19 marzo 2024 a Hong Kong, Cina.

“Abbiamo compiuto una missione storica, conquistato la fiducia del Paese e non abbiamo deluso il governo centrale”, ha affermato riferendosi alla leadership del Partito comunista cinese a Pechino.

I leader cinesi e di Hong Kong affermano che le nuove leggi sono necessarie per “tappare le lacune” come parte del loro tentativo di “ripristinare la stabilità” sulla scia delle massicce proteste scoppiate nel 2019. Affermano che la loro legislazione è simile ad altre leggi sulla sicurezza nazionale in tutto il mondo. mondo.

READ  Il ministro degli Esteri cinese indica che la strada verso il vertice Xi-Biden non sarà agevole

I critici sostengono che quelli che il Partito Comunista Cinese considera crimini legati alla sicurezza nazionale sono più ampi e completi, e spesso sfociano in critiche politiche, dissenso e persino attività commerciali che non possono essere criminalizzate altrove.

La nuova legislazione arriva anche mentre il governo di Hong Kong quest’anno intraprende una campagna di alto profilo per rilanciare le credenziali imprenditoriali della città dopo che una repressione politica – combinata con quasi tre anni di severi controlli sul coronavirus – ha scatenato un’ondata di proteste. Migrazione di talenti locali e globali.

Studiosi giuridici e esponenti del mondo imprenditoriale hanno detto alla CNN che le definizioni ampie e le gravi sanzioni nella nuova legge probabilmente reprimeranno ulteriormente la società civile e potrebbero minacciare le solide operazioni di condivisione delle informazioni della città per le imprese, compreso il suo decantato settore finanziario.

“Le autorità di Hong Kong desiderano rafforzare il controllo delle informazioni in città come conseguenza naturale di una legislazione più severa sulla sicurezza”, ha affermato Eric Lai, ricercatore presso il Georgetown Asian Law Center ed esperto del sistema legale di Hong Kong.

Lai si aspetta che “l’effetto agghiacciante” sulla società si approfondisca.

“Il mondo imprenditoriale sarà particolarmente colpito dai nuovi reati di 'furto di segreti di Stato' e di 'spionaggio'”, ha aggiunto Lai.

La nuova legislazione vieta “l’acquisizione illegale”, il “possesso” e la “divulgazione di segreti di Stato”, oltre al reato di “spionaggio”. Gli autori del reato rischiano fino a 20 anni di carcere nelle circostanze più gravi.

Gli osservatori affermano che il testo della legge dà un'interpretazione ampia di ciò che è considerato segreto di stato.

La definizione spazia dal confidenziale “riguardante la costruzione della difesa nazionale” e le “attività diplomatiche o estere” della Cina a qualsiasi “importante decisione politica sugli affari” e “sviluppo economico o sociale” sia di Pechino che di Hong Kong.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

Quando gli affari sociali ed economici sono trattati come segreti di stato, “significa che possono includere qualsiasi cosa”, ha affermato Hung Ho Fung, professore di sociologia alla Johns Hopkins University.

“Con queste disposizioni rigorose e non chiaramente definite, anche gli uomini d’affari non politici possono finire nei guai e affrontare il rischio che i loro uffici vengano perquisiti, detenuti, arrestati o sottoposti a divieto di uscita, come accade in molti casi nella Cina continentale ,” Egli ha detto. .

“Ciò aumenterà sicuramente il sospetto, l’ansia e l’incertezza nei confronti delle società straniere a Hong Kong”.

Il Dipartimento di Stato americano ha affermato che la nuova legge ha il “potenziale per accelerare la chiusura di una comunità di Hong Kong precedentemente aperta” e che sta analizzando i potenziali rischi per i cittadini statunitensi e “altri interessi statunitensi”.

“Siamo preoccupati per l'incursione e per ciò che interpretiamo come disposizioni ambigue stabilite nella sezione 23 della legislazione”, ha detto il vice portavoce del Ministero degli Esteri Vedant Patel in una conferenza stampa.

Patel ha citato una serie di problemi con la legge, come il fatto di essere “accelerato attraverso una legislatura eletta in modo antidemocratico dopo un periodo di commento pubblico troncato” e di avere una terminologia “mal definita e incredibilmente vaga”.

L'UE si è detta preoccupata anche per l'impatto della legislazione sui “diritti e le libertà del popolo di Hong Kong”.

“Le ampie disposizioni del progetto di legge e le ampie definizioni, in particolare per quanto riguarda l’ingerenza straniera e i segreti di stato, sembrano destare particolare preoccupazione”, ha affermato in una nota. “Anche le sanzioni significativamente aumentate previste dal disegno di legge, la loro portata extraterritoriale e – almeno in parte – la loro applicabilità retroattiva suscitano profonda preoccupazione”.

READ  Le proteste in Germania portano il paese a un punto morto mentre l’estrema destra emerge come un’opportunità di apertura

Nella Cina continentale, le leggi sulla sicurezza nazionale spesso coinvolgono aziende nazionali e straniere in indagini torbide.

Le autorità di sicurezza dello Stato cinese hanno fatto irruzione in diversi uffici di una società di consulenza internazionale Capvisione L’anno scorso, nell’ambito di una più ampia repressione del settore della consulenza, Pechino ha rafforzato il controllo su quelle che considera informazioni sensibili per la sicurezza nazionale.

La legge classifica anche il coinvolgimento di “forze esterne” – un termine sinonimo di governi e organizzazioni straniere – come un fattore aggravante che merita sentenze più severe.

Sarah Brooks, direttrice di Amnesty International Cina Lo dice la legislazione “Ha inferto un altro duro colpo ai diritti umani in città”.

“Le autorità hanno promulgato questa legge in un batter d'occhio, eliminando ogni speranza rimasta che le proteste pubbliche affrontassero i suoi elementi più distruttivi”, ha detto Brooks in una nota. “Questo è un momento devastante per il popolo di Hong Kong”.

Johannes Haack, presidente della Camera di commercio tedesca a Hong Kong, ha affermato che, sebbene molte aziende tedesche restino impegnate a Hong Kong, vorrebbero vedere Hong Kong mantenere il suo status unico che include il libero flusso di capitali e un sistema giudiziario di diritto comune .

“[The law] “Rende un po’ difficile spiegare ai nostri azionisti tedeschi che questa è Hong Kong e che è diversa dalla Cina continentale”, ha affermato.

Questo è qualcosa che teme anche Emily Lau, ex parlamentare pro-democrazia: ciò che rendeva speciale Hong Kong sta rapidamente scomparendo.

“Vogliamo che Hong Kong prosperi, siamo parte della Cina. Non mi sono mai opposta a questo”, ha detto alla CNN.

“Ma siamo diversi dal resto della Cina. Ma la differenza sta diventando sempre più piccola, il che è molto triste”.