Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Almeno 61 richiedenti asilo annegano dopo l’affondamento di una nave al largo della Libia: Organizzazione internazionale per le migrazioni |  Notizie sull’immigrazione

Almeno 61 richiedenti asilo annegano dopo l’affondamento di una nave al largo della Libia: Organizzazione internazionale per le migrazioni | Notizie sull’immigrazione

sviluppo della storia,

L’ufficio dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni in Libia, citando i sopravvissuti, affermano che la barca trasportava circa 86 persone.

L’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha affermato che almeno 61 rifugiati e richiedenti asilo, tra cui donne e bambini, sono annegati dopo che una nave “tragica” è affondata al largo della Libia.

Domenica mattina presto, l’ufficio dell’organizzazione in Libia ha citato i sopravvissuti che avevano affermato che la barca trasportava circa 86 persone.

L’ufficio in Libia dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni ha dichiarato in un comunicato che ritiene che “un gran numero di migranti” sia morto a causa delle onde alte che hanno sommerso la loro nave dopo aver lasciato Zuwara, sulla costa nordoccidentale della Libia.

La Libia e la Tunisia sono i principali punti di partenza per rifugiati e richiedenti asilo che rischiano pericolosi viaggi in mare nella speranza di raggiungere l’Europa attraverso l’Italia.

Nell’ultimo incidente, la maggior parte delle vittime – tra cui donne e bambini – provenivano dalla Nigeria, dal Gambia e da altri paesi africani, ha affermato l’ufficio dell’OIM, aggiungendo che quasi 25 persone sono state salvate e trasferite in un centro di detenzione libico.

Il team dell’OIM “ha fornito supporto medico” e i sopravvissuti sono tutti in buone condizioni, ha affermato l’organizzazione.

Sul mare ha scritto Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni”.

Il 14 giugno di quest’anno, il peschereccio Adriana che trasportava 750 persone in viaggio dalla Libia all’Italia è affondato nelle acque internazionali al largo della Grecia sudoccidentale.

Secondo i sopravvissuti, la nave trasportava principalmente siriani, pakistani ed egiziani. Solo 104 sopravvissero e 82 corpi furono recuperati.

READ  Rapporto: Putin perde il leader d'élite Nikolai Gorban in Ucraina

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, quest’anno sono arrivati ​​in Italia dalla Tunisia e dalla Libia più di 153.000 rifugiati e richiedenti asilo.