Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Alla 500 Miglia di Indianapolis, Pato O’Ward è triste dopo aver fallito nuovamente

Alla 500 Miglia di Indianapolis, Pato O’Ward è triste dopo aver fallito nuovamente

SPEEDWAY, Indiana – Le lacrime di Pato O’Ward scorrevano liberamente, in contrasto con la pioggia che cadeva su questo venerabile speedway all’inizio della giornata.

Scegli un termine per descrivere il pianto di O’Ward dopo il suo secondo posto alla 500 Miglia di Indianapolis: affranto, devastato, devastato: sono tutti adatti. Anche l’autista con le mani di un ninja, che è riuscito a raccogliere l’auto malvagia e a salvarla dalla collisione, ha impiegato del tempo per raccogliere il coraggio.

All’inizio O’Ward non riusciva nemmeno a togliersi l’elmo. Ha detto che l’interno era molto umido. Quando finalmente lo fece, ci fu un lungo abbraccio, con il viso sepolto nel petto e nelle spalle dei membri della squadra.

Ha detto: Solo due angoli. Due angoli brevi.

Oward pensava di averlo capito. Sembrava che avesse calcolato perfettamente la sua mossa, aspettando un sorpasso su Josef Newgarden fino a quando la bandiera bianca sventolò domenica nella 108esima 500 Miglia di Indianapolis.

“Pensavo davvero di aver fatto tutto il possibile per realizzarlo”, ha detto Oward.

Ma era troppo presto. Newgarden aveva ancora tutto il tempo a disposizione e ha effettuato un sorpasso audace sull’esterno di O’Ward alla curva tre nell’ultimo giro. Ci sono stati solo quattro passaggi all’ultimo giro nella storia della Indy 500; Newgarden ne ha avuti due in anni consecutivi.

“Avrebbe potuto facilmente vincere la gara da solo”, ha detto Newgarden. “Mi ha guidato in modo eccellente. Sono molto grato a lui e al modo in cui ha guidato”.

Il modo in cui O’Ward ha guidato contro Newgarden? Pulito. C’era fiducia tra i due uomini nel correre in questo modo. Entrambi mettono le loro auto in situazioni rischiose, facendo mosse audaci, ma sapendo che l’altro correrà rispettosamente; È solo che solo una persona può vincere.

READ  Aggiornamenti live degli US Open: Serena Williams vince il suo primo round match

O’Ward arrivare così avanti è stata un’impresa. Ha guidato tutti i piloti con 43 passaggi in pista durante la gara (il compagno di squadra Alexander Rossi è stato secondo con 40) e le sue mosse aggressive sia su Rossi che su Scott Dixon gli hanno permesso di guadagnare posizione per sfidare Newgarden.

La sua macchina sembrava bloccata, il che significava che erano necessari rischi aggiuntivi quando si effettuavano i movimenti necessari.

“Su entrambi i fronti, su Scott e Alex, (c’era) più potenziale per far girare la macchina che per tornare tutto intero”, ha detto Oward.

Al termine dell’ultima Indy 500, è stata una battaglia tra due piloti per la vittoria. Si rincorrono, scambiandosi contatti e scommettendo su quando effettuare il passaggio finale. Quindi Oward sapeva che doveva arrivare al secondo posto, ma ci voleva una mentalità da dama per realizzarlo.

“Ho messo l’auto in alcuni punti in cui non sapevo se ne sarei uscito intatto o no, perché volevo così tanto vincere questa gara”, ha detto Oward.

Mentre O’Ward parlava, fissava gli schermi del media center di Indianapolis. Sugli schermi c’era un episodio dei momenti salienti di Newgarden: il passaggio finale, il salto dall’auto e la corsa sugli spalti, bevendo il tradizionale frappè. Era difficile distogliere lo sguardo.

Dannazione, gran parte di quel mese era stata dura per Oward. Recentemente ha avuto un grave caso di influenza e ha avuto la febbre per cinque notti di seguito. Non ha dormito bene nei giorni precedenti la gara.

READ  Ordine di avvio della pipeline di giugno 2023

Ma domenica ha detto che si sentiva abbastanza bene da “quasi portare a termine il lavoro”.

Lo sforzo e le esperienze aiutano a spiegare le lacrime. Tutto quello che aveva da dimostrare era un altro secondo posto nei 500 metri e, come disse in seguito Scott Dixon: “Preferiresti finire ultimo e uscire presto dalla gara” piuttosto che arrivare secondo.

“Questo è quando ti avvicini troppo e non riesci a farlo bene”, ha detto Oward. “È molta emozione.”

Newgarden capì. Dopotutto, questa razza lo aveva infastidito e manipolato per oltre un decennio finché non ci riuscì. E ora ha vinto due volte di seguito.

Questo vecchio posto è così buffo e, come ha detto Ward, non deve nulla a nessun autista. Ma sembra che ci sia un modo per premiare finalmente alcuni di coloro che hanno sofferto abbastanza a lungo.

“Quando non vinci, fa male”, ha detto Newgarden. “Sono uscito di qui 11 volte prima con il cuore spezzato. Conosco la sensazione.”

(Foto del Premio Pattu: Daron Cummings/AP)