Maggio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Vincitori e perdenti del girone Women's March Madness, prossimi passi

Vincitori e perdenti del girone Women's March Madness, prossimi passi

Non ci sarà una rivincita della partita del campionato nazionale di basket universitario femminile nel 2024, ma LSU contro Iowa potrebbe essere un ottimo incontro in un incontro Elite Eight. Se entrambi arrivano fin qui, allora è tutto.

Chi sono i vincitori e i perdenti del torneo femminile NCAA? Iniziamo dalla parte dei perdenti, e iniziamo con le ultime due squadre rimaste nel 2023. Nessuna delle quali arriverà a Cleveland. In effetti, non poteva esserci nessuno.

L'Albany 2 Regional presenta tre squadre che molti avrebbero potuto scegliere per raggiungere le Final Four prima che il girone fosse rivelato: il campione nazionale in carica LSU, il secondo classificato nazionale dell'Iowa e l'UCLA.

Chi pensava che fosse una buona idea? È stato chiaramente il comitato di selezione della NCAA a decidere di mettere insieme questo trio, insieme al seme n. 4 del Kansas State.

Come ha detto l'analista di ESPN Rebecca Lobo, la Carolina del Sud, la testa di serie n. 1 in assoluto del torneo e la testa di serie n. 1 nell'Albany 1 Regional, ha preso – e vinto – quello che sembra essere il cosiddetto girone regionale “più facile”. Lo stato dell'Iowa – testa di serie n. 1 per la prima volta dal 1992 – avrebbe dovuto ottenere la seconda curva più facile nel girone, ma invece ha ottenuto la più difficile.

Il campione del torneo Big Ten Hawkeyes, il secondo classificato del torneo SEC LSU e il semifinalista Pac-12 UCLA erano tutti tra i primi quattro nel sondaggio pre-campionato dell'Associated Press e sono tra i primi otto ora. Naturalmente, le classifiche dei sondaggi sono una cosa e lo stato del torneo NCAA è un'altra. Tuttavia è sorprendente vederli tutti insieme.

“All'inizio, ho pensato: 'Oh, questa è un'area davvero difficile'”, ha detto l'allenatore della LSU Kim Mulkey della sua prima reazione all'arco.

Analizziamo i vincitori e i perdenti nel girone femminile e come si presenta la strada per gli imbattuti South Carolina, Kaitlyn Clark e Iowa.

Vincitori

Lui gioca

1:25

Carolyn Beck: La Carolina del Sud è entusiasta di partecipare al torneo

Carolyn Beck, Andrea Carter, Rebecca Lobo ed Ellie Duncan dominano la Carolina del Sud nel torneo femminile NCAA.

Cocks della Carolina del Sud

Il due volte campione nazionale della Carolina del Sud è nell'Albany 1 Regional insieme al n. 2 Notre Dame, al n. 3 dell'Oregon State e al n. 4 dell'Indiana. Gli irlandesi sono campioni del torneo ACC e stanno giocando bene, ma i Gamecocks sono in vantaggio già in questa stagione. Era novembre a Parigi – una vittoria di Gamecock da 29 punti – e da allora entrambe le squadre sono migliorate molto.

I Gamecocks sono stati così bravi che probabilmente saranno “vincitori” indipendentemente dagli incontri nel loro girone. Ma l'allenatore Dawn Staley deve essere contenta del percorso che attende la sua squadra.

Il Centro Camila Cardoso salterà la partita di apertura dello Stato della Carolina del Sud contro il vincitore del Sacred Heart Presbyterian dopo essere stato espulso per aver combattuto nella finale del torneo SEC. Ciò avrebbe poche conseguenze in quel gioco. Ma i Gamecocks saranno felici di riprendersela contro la vincente della partita North Carolina-Michigan State, in una partita 8-9.

A condizione che i Gamecocks raggiungano gli Sweet 16 – dove sono caduti l'ultima volta al secondo turno nel 2013 – potrebbero affrontare una squadra dell'Indiana numero 4 che spera di essere più in salute dopo la sconfitta nei quarti di finale nel Big Ten Tournament.

Se ci fosse un incontro Elite Eight tra la Carolina del Sud e Notre Dame, vedremmo due delle migliori matricole del paese, MiLaysia Fulwiley dei Gamecocks e Hannah Hidalgo dell'Irlanda. Ma la presenza interiore e la profondità della Carolina del Sud dovrebbero portare i Gamecocks a Cleveland.

Lega dell'edera

La conferenza ha messo in campo due squadre: il campione dell'Ivy Madness Princeton e il secondo classificato Columbia. È solo la seconda volta che due squadre dell'Ivy scendono in campo (Penn e Princeton erano in testa nel 2016).

Sia i Tigers che i Lions finirono 13-1 in campionato, con la Columbia che consegnò a Princeton la sua unica sconfitta in campionato, 67-65 il 25 febbraio a New York.

Lui gioca

0:40

Andrea Carter: La zona 3 è la zona “Acquario Approvato”.

Andrea Carter spiega come il torneo della Regione 3 nel torneo NCAA femminile sia pieno di vincitori di “Certified Bucket”.

Trojan dell'USC

Dal 1986, l'ultimo anno della leggenda dei Trojan Cheryl Miller, il programma non ha avuto un piazzamento n. 1 fino a domenica. L'USC, la testa di serie numero 1 nella regione 3 regionale di Portland, ha avuto una stagione eccezionale, grazie in gran parte a JuJu Watkins, la matricola numero 1 nella straordinaria classe junior. Ma come hanno dimostrato i Trojan vincendo la finale del torneo Pac-12 quando Stanford si è concentrato sulla chiusura di Watkins, l'USC è molto più che una semplice giovane stella.

I Trojan hanno aspettato molto tempo – dal 1994 – per ospitare nuovamente i primi round del torneo NCAA, quindi questo è emozionante anche per l'USC.

L'USC sembra avere un buon percorso verso l'Elite Eight, dove potrebbe attendere un'epica resa dei conti con Paige Bueckers e la testa di serie n. 3 dell'UConn, la squadra più decorata in questo angolo del girone.

Texas Longhorn

Il campione del Big 12 Tournament ha guadagnato il suo primo seme dal 2004. I Longhorns, come il compagno numero 1 dell'Iowa, non hanno vinto il titolo della stagione regolare della conferenza, ma hanno vinto il campionato.

Dopo aver perso la stella del running back Rory Harmon per la stagione a fine dicembre a causa di un infortunio al ginocchio, il Texas ha dovuto affrontare i Big 12 senza di lei. Hanno perso contro Baylor, Kansas State e il due volte campione della stagione regolare dell'Oklahoma. Nel Big 12 Championship, i Longhorns hanno battuto Kansas, K-State e Iowa State, con la matricola Madison Booker che ha vinto il premio Most Valuable Player.

READ  LeBron James afferma che i colloqui commerciali tra Warriors e Lakers non sono andati lontano: NBC Sports Bay Area e California

Il Texas è entrato nell'Elite Eight due volte da quando Vic Schaefer ha assunto la carica di allenatore nel 2020-21. Dopo la finale dei Big 12 ha detto che pensava che i Longhorns avessero dimostrato di meritare il seme numero 1. Il comitato ha acconsentito.

“Quando vinci un campionato, giochi con il programma in cui giocavano questi ragazzi, non so cos'altro potremmo fare”, ha detto Schaefer. “Ho molta fiducia in questa squadra, non hanno fatto altro che dimostrarmi che possono farcela.

Lui gioca

0:54

Perché il Texas è una squadra da temere nel torneo femminile?

Charlie Crim, Rebecca Lobo, Carolyn Beck e Andrea Carter schiacciano la Regione 4 nel torneo NCAA femminile.

UConn Huskies e Tennessee Lady Vols

Entrambe le squadre possono fare scalpore nel girone. UConn ha gestito la classifica del Big East in questa stagione. Gli Huskies potrebbero essere motivati ​​da una potenziale rivincita con l'Ohio State negli Sweet 16, dato che i Buckeyes hanno eliminato l'UConn dal torneo in quel round l'anno scorso.

Il Tennessee, la testa di serie numero 6 nel Portland Regional 4, entra nel torneo NCAA dopo una sconfitta all'ultimo secondo contro la Carolina del Sud nelle semifinali del torneo SEC. Ma i Lady Vols sanno dal modo in cui giocano ai Gamecocks che possono competere con chiunque.

Il potenziale percorso del Tennessee verso gli Sweet 16, che probabilmente includerebbe una vittoria sulla testa di serie n. 3 NC State al secondo turno, non è facile. Ma la signora Falls ha una possibilità.

Perdenti

Occhi di Falco dell'Iowa

La scorsa stagione, Stanford, testa di serie numero 1 nello stato dell'Iowa, è stata eliminata al secondo turno da Ole Miss. I ribelli furono successivamente sconfitti da Louisville, che poi cadde in Iowa negli Elite Eight.

Non è stata una strada facile per gli Hawkeyes raggiungere le Final Four nel 2023, ma sembra più facile guardando cosa potrebbero affrontare in questa stagione in Albany 2.

La potenziale difficoltà inizia nel secondo round. Gli Hawkeyes, che non dovrebbero avere problemi nella loro gara d'esordio contro il vincitore dell'Holy Cross-UT Martin, affronteranno successivamente il vincitore per 8-9 del West Virginia-Princeton.

L'anno scorso, la capacità della Georgia di difendere lo stato dell'Iowa ha portato a una scelta snervante al secondo turno per gli Hawkeyes. Potrebbe essere simile se affrontassero il West Virginia, che guida i Big 12 nelle palle recuperate. Contro Princeton, l’Iowa dovrà affrontare un programma che sconvolse il Kentucky due anni fa.

Se il seme regge, l'Iowa avrà un terzo incontro in questa stagione contro il Kansas State; Le squadre hanno giocato due volte a novembre, con i Wildcats che hanno vinto la prima e gli Hawkeyes che hanno vinto la seconda. Il Centro Ayuka Lee fornisce muscoli interni per una squadra K-State che ha spinto il Texas nelle semifinali del Big 12 Tournament.

READ  I Blackhawks si sono fatti avanti per far avanzare velocemente Oliver Moore con la scelta numero 19 al draft

Se l'Iowa State dovesse raggiungere l'Elite Eight contro la UCLA n. 2 o la LSU n. 3, uno dei problemi maggiori sarà il modo in cui gli Hawkeyes combatteranno le dimensioni interne di entrambe le squadre.

Bruins dell'UCLA

Per quanto riguarda il posizionamento, ai Bruins non dispiacerebbe scambiare posti con i rivali Pac-12 Stanford a Portland 4 o USC a Portland 3. Ma non ha funzionato in questo modo dopo che l'UCLA è caduta contro i Trojan nelle semifinali del torneo Pac-12. . Il Pac-12, nella sua ultima stagione come la conosciamo, ha tre squadre tra le prime due per la prima volta nella storia della conferenza. L'UCLA sembra avere il percorso più difficile dei tre.

I Bruins vinsero il campionato AIAW nel 1978. Ma è giusto dire che l'UCLA è il miglior programma per non raggiungere mai le Final Four femminili nell'era NCAA, iniziata nel 1982. Per parti di quella stagione, i Bruins sembravano se non altro hanno solide possibilità di fare quella svolta nel 2024. Non li stiamo escludendo, soprattutto con un leader senior del quinto anno in Charisma Osborne e una classe di matricola stellare che include Lauren Bates di 6 piedi e 7.

Ma trovarsi in questa zona rende le cose più difficili per i Bruins. Se i semi reggono, dovranno superare LSU e Iowa uno dopo l'altro, che sono due tipi di squadre completamente diversi. L’UCLA può farlo? Sì, ma è una vera sfida.

Tigri dell'LSU

Anche i campioni in carica, la testa di serie numero 3 Albany 2, si adattano ai perdenti nel nostro girone. Tuttavia, il loro percorso non sembra così difficile come quello dell'Iowa o dell'UCLA. Per tre ragioni: primo, hanno già affrontato due volte la migliore squadra del paese, la Carolina del Sud. I Tigers hanno perso la stagione regolare e le partite dei tornei con i Gamecocks nella SEC, ma sono rimasti con loro entrambe le volte. In secondo luogo, la LSU ha vinto il titolo NCAA la scorsa stagione, battendo l'Iowa State in finale, quindi i Tigers dovrebbero affrontare questo distretto con fiducia. Terzo, Mulkey ha già vinto quattro campionati nazionali come allenatore. Questo è il suo periodo dell'anno.

Uragani di Miami

L'anno scorso, gli Hurricanes sono stati una delle più grandi storie di marzo da parte delle donne. Testa di serie n. 9, hanno battuto la n. 8 dell'Oklahoma State, la n. 1 dell'Indiana e la n. 4 Villanova per raggiungere l'Elite Eight, dove hanno perso contro l'eventuale campione nazionale della LSU.

Ma la magia dell'anno scorso non verrà trasferita a Miami fino al 2024. Gli Hurricanes sono 19-12 in totale ma 8-10 nell'ACC. Le vittorie sulle squadre del torneo NCAA NC State, Duke e North Carolina non sono state sufficienti per compensare alcune delle sconfitte di Miami.