Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Vince McMahon citato in giudizio dagli investitori – The Hollywood Reporter

Vince McMahon citato in giudizio dagli investitori – The Hollywood Reporter

Il colpo di stato di Vince McMahon che gli ha aperto la strada per tornare nel consiglio della WWE e fondere la potenza dell’intrattenimento sportivo con l’UFC di Endeavour è tornato sotto i riflettori, con una causa in cui si sostiene che abbia snobbato offerte più redditizie a scapito degli investitori.

La causa, che è stata aperta alla Delaware Chancery Court il 22 novembre, sostiene che McMahon abbia spinto per una “svendita” della WWE al presidente dell’Endeavour Ari Emanuel, suo “amico intimo e alleato di lunga data” che ha proposto un accordo amichevole che avrebbe permesso al wrestling di magnate. Rimanere amministratore delegato del gruppo TKO ed evitare il controllo sulle accuse di cattiva condotta sessuale che avrebbero potuto farlo licenziare dall’azienda. Secondo la denuncia presentata dagli investitori, i membri del consiglio della WWE “hanno evocato una vendita fittizia” progettata per favorire Endeavour ed “escludere altri offerenti che cercavano di escludere” McMahon, ignorando almeno due offerte in contanti con condizioni migliori.

La denuncia descrive in dettaglio il tumultuoso mandato di McMahon come presidente della WWE, culminato a settembre con la formazione del TKO Group attraverso una fusione da 21 miliardi di dollari tra UFC e WWE. È tornato in azienda a gennaio dopo essersi dimesso dalla carica di amministratore delegato nel corso di un’indagine per cattiva condotta sessuale relativa a pagamenti per 17,4 milioni di dollari a quattro diverse donne che in precedenza avevano lavorato presso l’azienda. McMahon, in qualità di azionista di controllo della WWE, rimosse e sostituì tre membri del consiglio allora in servizio con se stesso e gli ex dirigenti George Barrios e Michelle Wilson.

READ  Netflix rilascia il trailer di "Stranger Things" per la stagione 4, ed è incredibile dagli anni '80

“Se si fosse scoperto che McMahon aveva violato il suo dovere di lealtà, gli azionisti della WWE avrebbero potuto chiedere che fosse rimosso dalla sua posizione di manager”, si legge nella causa. “Tale esame sembra aver spinto McMahon a cercare una vendita ‘rapida’ della compagnia che gli permettesse anche di continuare a gestire la WWE.”

Lo stesso giorno del ritorno di McMahon a gennaio, la WWE ha annunciato una revisione delle opzioni strategiche. In una dichiarazione ha dichiarato di voler condurre lui stesso tutte le trattative su una potenziale vendita o sulle trattative sui diritti. Gli investitori sostengono che si sia rivolto subito a Emanuel, il suo ex agente che “sapeva gli avrebbe permesso di restare al timone” della nuova entità. Dicono che sia il processo che il prezzo erano ingiusti, sostenendo che c’erano accordi migliori sul tavolo.

Secondo la denuncia, tra queste figuravano società non divulgate che hanno fatto offerte in contanti da 95 a 100 dollari e da 90 a 97,50 dollari per azione. Ma poiché hanno preso in considerazione l’idea di incassare gli azionisti della WWE e impedire a McMahon di rinnovare le sue azioni, il che avrebbe segnalato la sua “completa espulsione” dal business del wrestling, il consiglio “non si è preoccupato di fare controproposte”, afferma la causa.

Invece, la WWE ha negoziato esclusivamente con Endeavour, proponendo un accordo su tutte le azioni subordinato al fatto che McMahon ricoprisse il ruolo di CEO della società combinata, afferma la denuncia. Alla fine Endeavour accettò, possedendo il 51% della società dopo l’accordo con gli ex azionisti della WWE che possedevano il restante 49%. Gli investitori sostengono che la fusione è stata completata a 95,66 dollari per azione, un valore inferiore a quello di due offerte concorrenti interamente in contanti. (I corteggiatori della WWE sono oscurati nella denuncia. Ma le società sono descritte come “grandi organizzazioni con un significativo accesso al capitale” che hanno “motivi convincenti per chiudere l’acquisizione della WWE”. Una di loro probabilmente ha “una pista significativa per aumentare la sua offerta” perché potrebbero generare enormi sinergie collaborando con l’azienda, afferma la causa.)

READ  Jeremy Renner ringrazia i suoi fan per la loro simpatia nel suo primo post sui social media dopo il suo incidente con lo spalare la neve

“Non solo si è assicurato un futuro in WWE dopo la fusione, ma McMahon ha anche riempito le proprie tasche e quelle dei suoi lealisti prima di accettare l’accordo”, afferma la denuncia, il che suggerisce che lui e l’ex CEO Nick Cahn se ne siano assicurati. I paracadute d’oro, insieme a Khan, il cognato di McMahon e chief content officer della WWE Paul Levesque (conosciuto professionalmente come “Triple-H”) e il presidente della WWE Frank A. Redick che ha ricevuto un bonus in contanti combinato di 25 milioni di dollari.

La causa afferma che il prezzo di 21 miliardi di dollari sottovaluta la WWE. Gli investitori sostengono che questo è “significativamente inferiore alle offerte” che il consiglio avrebbe potuto ricevere da molti altri offerenti se avessero “fatto qualche sforzo per negoziare in buona fede”.

Secondo la denuncia, McMahon e i suoi alleati nel consiglio di amministrazione hanno “negoziato a tempo” per favorire un accordo con Endeavour, anche fornendo una due diligence anticipata e informazioni di base alla società in modo che possa fare un’offerta anticipata. Durante il processo, la WWE ha ottenuto solo un budget per l’anno fiscale in corso dell’UFC invece di insistere su una serie completa di proiezioni pluriennali, come è consuetudine, nonostante abbia accettato considerazioni sulla fusione che dipendevano da una valutazione accurata dell’UFC, afferma la causa. Affrettandosi a garantire la fusione con Endeavour senza condurre un’adeguata due diligence, gli investitori affermano che il consiglio ha ottenuto un accordo sfavorevole accettando una divisione 51-49.

La denuncia, presentata dall’Ohio Retirement Fund, nomina, tra gli altri, McMahon, Khan, Levesque, Barrios e Wilson. Contiene varie denunce per violazione del contratto e cerca di rappresentare tutti gli azionisti che hanno incassato le loro azioni nella fusione.

READ  Recensione di "Snow Society": Stranded and Faithful

La WWE non ha risposto a una richiesta di commento.