Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Uno studio rivela come gli antichi esseri umani sopravvissero all’estinzione climatica 900.000 anni fa

Uno studio rivela come gli antichi esseri umani sopravvissero all’estinzione climatica 900.000 anni fa

Circa 900mila anni fa l’uomo era sull’orlo dell’estinzione.

Secondo i risultati di uno studio genomico pubblicato lo scorso anno, la popolazione degli antenati dell’umanità moderna è scesa a una popolazione riproduttiva di soli 1.300 individui in un collo di bottiglia devastante che ci ha spinto sull’orlo dell’estinzione. Ora, un nuovo studio ha scoperto che nello stesso periodo si è verificata una migrazione di massa di esseri umani dall’Africa.

Questa è una scoperta che conferma la storia precedente del declino della popolazione e indica che i due sono legati da un denominatore comune; Un evento noto come Periodo di transizione del Pleistocene medioa cui era soggetto il clima della Terra Un periodo di assoluta turbolenza, Elimina molte specie.

Il movimento dei primi esseri umani dall’Africa verso e attraverso l’Europa e l’Asia è difficile da ricostruire. La nostra prova migliore consiste in una documentazione sparsa di ossa e per lo più di manufatti in pietra, che possono essere difficili da datare. Tuttavia, le prove suggeriscono che non si è trattato di un singolo evento; Ondate multiple di primi esseri umani e antenati Hanno fatto le valigie e hanno intrapreso lunghi viaggi verso nuovi ambienti.

Due studi recenti hanno collegato la migrazione umana ai colli di bottiglia della popolazione, sulla base di diversi tipi di analisi. Una lettura attenta del genoma umano ha scoperto che un collo di bottiglia nella popolazione ha causato una perdita di diversità genetica circa 900.000 anni fa. Un secondo studio, pubblicato poche settimane dopo, ha esaminato i primi siti archeologici in Eurasia, risalenti al Paleolitico Collo di bottiglia 1,1 milioni di anni fa.

READ  Due minerali - mai visti prima sulla Terra - sono stati scoperti in un enorme meteorite

Questa discrepanza rende difficile determinare quale evento climatico possa aver causato o almeno contribuito al temporaneo calo numerico, quindi i geologi Giovanni Motoni dell’Università di Milano e Dennis Kent della Columbia University hanno cercato di ridurre la discrepanza. Collo di bottiglia temporale.

In primo luogo, i ricercatori hanno rivalutato i documenti dei primi siti di insediamenti umani in tutta l’Eurasia e hanno trovato un gruppo di siti risalenti in modo affidabile a 900.000 anni fa. In confronto, la datazione su siti più vecchi utilizzati come prova del collo di bottiglia demografico era più ambigua e Così controverso.

Hanno confrontato i loro risultati con i registri dei sedimenti marini, che conservano prove di cambiamenti climatici sotto forma di isotopi di ossigeno. Le proporzioni di ossigeno intrappolato negli strati sedimentari indicano se il clima era più caldo o più freddo al momento della deposizione minerale.

Insieme, i dati genomici e la storia dei siti degli ominidi suggeriscono che il collo di bottiglia e la migrazione erano simultanei. Durante la transizione del Pleistocene medio, I livelli globali degli oceani sono diminuitiL’Africa e l’Asia si sono prosciugate, con l’emergere di ampie zone di siccità. Gli esseri umani che vivevano in Africa si trovavano ad affrontare condizioni orribili che li privavano di cibo e acqua. Fortunatamente, con l’abbassamento del livello del mare, sono diventate disponibili le rotte terrestri verso l’Eurasia ed è stato possibile pattinare sul ghiaccio, secondo il modello dei ricercatori.

Si noti attentamente che ciò non significa che gli esseri umani non siano migrati prima. In effetti, il soffocamento della popolazione è all’inizio dell’hadith Homo sapiens La sua migrazione è avvenuta contemporaneamente a causa dei disturbi climatici avvenuti circa 900mila anni fa.

READ  Perdita di due satelliti di imaging della Terra Pléiades Neo a causa del fallimento del razzo europeo Vega C - Spaceflight Now

“Suggeriamo di aumentare la disidratazione durante Isotopi marini Fase 22 Ciò che causò la diffusione delle savane e delle aree aride in gran parte del continente africano, fu spinto presto omo Le popolazioni africane si adattano o migrano per evitare l'estinzione. Scrivono sul loro giornale.

“La rapida migrazione in risposta a uno stimolo climatico acuto e le relative vie di fuga sono ciò che potrebbe spiegare… la migrazione fuori dall’Africa già 0,9 milioni di anni fa e contribuire alle recenti prove genomiche nelle moderne popolazioni africane che vivono un collo di bottiglia”.

I risultati sono stati pubblicati in Atti dell'Accademia Nazionale delle Scienze.