Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Una grande raffineria di petrolio russa nella regione di Volgograd è vittima di un attacco di droni

Una grande raffineria di petrolio russa nella regione di Volgograd è vittima di un attacco di droni

Un incendio è scoppiato durante la notte in un'importante raffineria di petrolio russa nella regione sud-occidentale di Volgograd dopo un attacco di droni attribuito all'Ucraina, ha annunciato sabato 3 febbraio il governatore della regione.

L’Ucraina ha lanciato attacchi con droni sulla Russia mesi fa dopo l’attacco lanciato da Mosca per un periodo di quasi due anni.

“La scorsa notte, la difesa aerea e il disturbo elettronico hanno respinto un attacco di droni nei distretti di Kalachevsky e Zakanali della regione di Volgograd”, ha detto il governatore Andrei Bocharov. Lo ha detto in un telegramma.

“Un incendio è scoppiato nella raffineria di Volgograd dopo la caduta di uno dei droni”, ha aggiunto, aggiungendo che i vigili del fuoco avevano già domato l'incendio all'inizio della mattinata. Bocharov ha detto che nessuno è rimasto ferito.

Bocharov ha detto che nessuno è rimasto ferito.

La raffineria di Volgograd è gestita da Lukoil, un colosso industriale, descritto come “il più grande produttore di prodotti petroliferi nel Distretto Federale Meridionale”, che copre otto regioni della Russia sudoccidentale. La raffineria si trova a sud della città di Volgograd, a circa 600 chilometri dal confine ucraino.

Il media locale V1 ha pubblicato foto che affermano di rappresentare un'esplosione avvenuta nella notte durante l'attacco. I residenti hanno riferito di aver sentito due esplosioni.

L'esercito russo ha affermato che il sistema di disturbo elettronico della difesa aerea ha abbattuto o intercettato quattro droni nella regione di Belgorod al confine con l'Ucraina, due a Volgograd e un altro nella regione di Rostov sul Don.

L’attacco dei droni segue una serie di attacchi ucraini su tali strutture. Nella notte del 29 gennaio, un drone ha colpito la raffineria di petrolio Slavneft-Janus, atterrando vicino all'unità di idrocracking progettata per purificare le materie prime.

Mikhail Evraev, governatore della regione russa di Yaroslavl, ha affermato che un attacco di droni è stato impedito dal sistema di guerra elettronica (EW) della raffineria di petrolio Slavanneft-Janus.

Ma i residenti locali hanno riferito di aver sentito un'esplosione in diverse parti della città.

Secondo i media russi nessuno è rimasto ferito. Il luogo dell'incidente è stato transennato e ai dipendenti della raffineria è stato permesso di tornare temporaneamente alle loro case.

Nella notte del 25 gennaio, i droni del Servizio di sicurezza ucraino (SBU) hanno attaccato una raffineria di petrolio nella città russa di Tuapse, nel territorio di Krasnodar.

Una fonte aveva precedentemente dichiarato al quotidiano Kyiv Post: “I servizi di sicurezza ucraini stanno colpendo in profondità in Russia e continuano ad attaccare strutture che non sono solo importanti per l'economia russa, ma forniscono anche carburante alle forze nemiche. Ci saranno molte sorprese in vista, e il lavoro metodico continua.” Questo mese.