Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un telescopio nello Utah rileva misteriosi raggi cosmici al di fuori della nostra galassia

Un telescopio nello Utah rileva misteriosi raggi cosmici al di fuori della nostra galassia

  • Gli scienziati dello Utah hanno identificato un raro raggio cosmico che potrebbe provenire dall’esterno della Via Lattea.

  • È stata chiamata la “particella Amaterasu” in onore della dea del sole giapponese.

  • Un portavoce del Telescope Array ha descritto la fonte della particella come un “mistero”.

Gli astronomi dell’Università dello Utah e dell’Università di Tokyo hanno identificato una presenza massiccia Rari raggi cosmici di altissima energia Si pensa che provengano dall’esterno della Via Lattea.

Prende il nome dalla dea del sole giapponese, la particella Amaterasu è una particella Un’entità subatomica che non può essere vista ad occhio nudo.

I risultati, pubblicati sulla rivista Science, mostrano che la sua energia rivaleggia con il record La particella Oh My God è stata osservata nel 1991.

“Nel caso della particella Oh My God e di questa nuova particella, è possibile risalire alla sua fonte e non c’è nulla di abbastanza energetico per produrla”, ha detto John Matthews, portavoce del Telescope Array e coautore dello studio. Questo è il segreto: che diavolo sta succedendo?”

Raggi cosmici, Le particelle cariche piovono costantemente sulla Terra, solitamente provenienti dal sole. Ma i raggi cosmici ad alta energia, come la particella Amaterasu, sono eccezionali e si pensa provengano da altre galassie e fonti extragalattiche..

Il Telescope Observatory, un osservatorio nel deserto occidentale dello Utah, è riuscito a identificare la particella. La stazione di monitoraggio spaziale, che comprende 507 rilevatori di superficie su un’area di 270 miglia quadrate, ha rilevato più di 30 raggi cosmici ad alta energia, con la particella Amaterasu che emerge come l’evento più significativo.

Rilevatori di superficie da schierare in elicottero.Istituto di ricerca sui raggi cosmici, Università di Tokyo

La particella Amaterasu ha colpito l’atmosfera il 27 maggio 2021, attivando 23 rilevatori di superficie ed emettendo energia equivalente a circa 244 eV, poco meno dei 320 eV della particella “oh mio Dio”.

READ  Gli oceani potrebbero aver riscaldato Venere prima che diventasse un pianeta infernale: ScienceAlert

Le particelle osservate, comprese le particelle di Amaterasu, sembrano emergere dai vuoti o dallo spazio vuoto.

A differenza dei raggi cosmici a bassa energia, le cui origini possono essere rintracciate, le particelle ad alta energia come queste sembrano provenire da spazi apparentemente vuoti. Si pensa che la particella Amaterasu abbia avuto origine dal vuoto locale, una regione vuota dello spazio confinante con la Via Lattea.

L’espansione della schiera di telescopi offre speranza per ulteriori risposte a questo fenomeno. Con altri 500 rilevatori che coprono un’area grande quasi quanto il Rhode Island, l’osservatorio mira a catturare la raffica di particelle causata dai raggi cosmici e fornire ulteriori approfondimenti su altri misteri cosmici.

Leggi l’articolo originale su Interessato al commercio