Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Un leader lamenta la perdita di uno storico razzo SpaceX

Un leader lamenta la perdita di uno storico razzo SpaceX

Ingrandire / Uno dei razzi più storici della flotta di SpaceX si è schiantato il giorno di Natale mentre tornava a Cape Canaveral, in Florida, dopo la sua precedente missione.

Il razzo Falcon 9 che ha lanciato gli astronauti della NASA Doug Hurley e Bob Behnken nella prima missione dell'equipaggio di SpaceX nel 2020 è atterrato per la diciannovesima e ultima volta poco prima di Natale, per poi capovolgersi sulla sua nave di salvataggio durante il viaggio di ritorno a Cape Canaveral, in Florida.

Conosciuto con il numero di coda B1058, questo booster era unico nella flotta di razzi riutilizzabili di SpaceX. Era il comandante della flotta, effettuando 19 missioni in più di tre anni e mezzo. La cosa più importante è che si tratta del razzo lanciato nello spazio il 30 maggio 2020, in un viaggio che ha fatto la storia in molti modi.

Era la prima volta che un razzo commerciale e un veicolo spaziale lanciavano persone in orbita e ponevano fine a un divario di nove anni nella capacità dell'America di inviare astronauti in orbita dal suolo americano, in seguito al ritiro dello Space Shuttle. Questa missione, nota come Demo-2 e lanciata da SpaceX nell'ambito di un contratto con la NASA, ha posto fine alla dipendenza degli Stati Uniti dai razzi russi per inviare equipaggi alla Stazione Spaziale Internazionale.

SpaceX ha recuperato il booster su una delle sue piattaforme di atterraggio offshore dopo lo storico lancio nel maggio 2020, mentre lo stadio superiore del Falcon 9 è entrato in orbita con la navicella spaziale Crew Dragon contenente Hurley e Behnken. Il razzo è poi entrato nel ciclo della flotta di SpaceX per altri 18 lanci, principalmente in missioni per schierare i satelliti Internet Starlink.

READ  Rapporto sui missili: le preoccupazioni sui missili nucleari della Norvegia; Ariane 6 è di nuovo in ritardo

Hurley, che comandò la navicella spaziale Crew Dragon nella missione Demo-2, rimase al passo con le imprese del booster anche dopo il suo ritorno sulla Terra. Scambiava regolarmente messaggi di testo con Behnken e Kiko Dontchev, vicepresidente del lancio di SpaceX, mentre il razzo continuava a volare.

“Per me e Bob, questo sostenitore è sempre stato molto speciale per tanti motivi”, ha detto Hurley, un pilota di caccia veterano del Corpo dei Marines che si è ritirato dal corpo degli astronauti della NASA nel 2021. Ora lavora alla Northrop Grumman.

Un finale infausto

Hurley ha detto ad Ars che gli piacerebbe vedere i resti del booster esposti in un museo accanto alla navicella spaziale Crew Dragon (chiamata Endeavour) su cui lui e Behnken hanno volato nel 2020. “In un mondo ideale, mi piacerebbe vedere Endeavour e almeno ora parte di quel booster esiste “, ha detto. Allo Smithsonian o in un museo da qualche parte.”

“È un po' fastidioso, ma capisce che SpaceX ha ottenuto molto da questo razzo”, ha detto Hurley ad Ars. SpaceX ha anche molto amore per Hurley e Behnken. La compagnia ha chiamato due delle sue navi di recupero per le dimostrazioni del carico utile “Bob” e “Dog” “Dopo la coppia di astronauti.

“SpaceX ha un business da gestire”, ha detto. “Penso che, a questo punto, Endeavour volerà sicuramente di più, ma questo booster no, quindi speriamo che possano trovare un posto dove esporlo da qualche parte. Anche parte di sarà bello da qualche parte.” “Possono scoprire qualcosa… Penso che le persone possano trarre molta ispirazione vedendo cose che volano realmente nello spazio, e poter avvicinarsi a loro, penso, sia importante per un sacco di gente. Persone.”

READ  I funghi ostrica carnivori possono uccidere i nematodi con "gas nervino in un lecca-lecca"
Doug Hurley, a destra, ha comandato la navicella spaziale Crew Dragon nella missione Demo-2 nel 2020.
Ingrandire / Doug Hurley, a destra, ha comandato la navicella spaziale Crew Dragon nella missione Demo-2 nel 2020.

NASA

Il 19° lancio di questo booster, avvenuto il 23 dicembre, ha avuto lo stesso successo del 18° precedente, con un'ascesa fluida nello spazio prima che i nove motori Merlin alimentati a cherosene venissero spenti. Il booster ha raggiunto il punto più alto del suo percorso – 72 miglia (116 chilometri) – prima che la gravità terrestre lo riportasse nell’atmosfera.

Due motori accesi hanno rallentato il razzo mentre scendeva verso una nave drone SpaceX di stanza vicino alle Bahamas, e poi quattro gambe in fibra di carbonio si sono schierate pochi istanti prima di atterrare sul bersaglio. Poi, come al solito, la nave di recupero ha iniziato il suo lento viaggio di ritorno in Florida con il booster alto 15 piani in posizione verticale.