Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Twitch ripristina le modifiche ai contenuti di marca dopo il contraccolpo

Twitch ripristina le modifiche ai contenuti di marca dopo il contraccolpo

Crediti immagine: Bryce Durbin/TechCrunch

Il giorno dopo che Twitch ha annunciato cambiamenti radicali al modo in cui gli streamer possono fare pubblicità, la società si sta tirando indietro.

Martedì, Twitch ha annunciato gli aggiornamenti per Linee guida sui contenuti brandizzati L’insieme di regole che determinano il modo in cui i creatori di live streaming possono offrire sponsorizzazioni, approvazioni e altre promozioni a pagamento. Twitch ha notato le crescenti critiche in quel momento, ma ci è voluto fino a mercoledì pomeriggio perché la compagnia invertisse la rotta.

Ieri abbiamo pubblicato nuove linee guida per i contenuti di marca che hanno influito sulla tua capacità di lavorare con gli sponsor per aumentare le tue entrate dallo streaming”, ha scritto la società. “Queste linee guida sono dannose per te e dannose per Twitch, e le stiamo rimuovendo immediatamente.”

Le modifiche avrebbero fortemente limitato le sponsorizzazioni in-channel su cui molti utenti di Twitch fanno affidamento per la parte del leone del loro reddito, impedendo molte delle popolari forme di pubblicità che gli streamer tipicamente incorporano nei live streaming.

Per finire, i massicci cambiamenti, che avrebbero ribaltato gli accordi di sponsorizzazione esistenti di molti dei migliori giocatori, avrebbero dovuto entrare in vigore in meno di un mese, il 1° luglio.

La reazione è stata forte e veloce. I grandi canali e gli streamer più piccoli hanno rapidamente criticato Twitch per l’improvviso cambiamento delle regole sui contenuti di marca, sottolineando come i cambiamenti influenzeranno la loro capacità di fare soldi sulla piattaforma.

READ  Le fotocamere Google Pixel finalmente metteranno ordine nei tuoi animali domestici Zoomy

Molti creatori hanno visto le improvvise modifiche di Twitch alle linee guida sui contenuti di marca come un modo per l’azienda, che è di proprietà di Amazon, di inserirsi tra gli streamer e i loro sponsor. Twitch prende il 50 percento dei profitti del creatore attraverso il suo accordo standard di compartecipazione alle entrate, ma non è in grado di ottenere una parte degli accordi redditizi che gli streamer negoziano con sponsor e inserzionisti. Poiché l’economia dello streaming non è effettivamente favorevole ai creatori di contenuti, la maggior parte degli streamer si affida alla pubblicità e agli sponsor per colmare questo divario di monetizzazione.

I banner mostrano regolarmente annunci “burn-in”: annunci visualizzati direttamente sui flussi, tramite banner display o annunci video o audio. Le modifiche annunciate martedì avrebbero bloccato tutti questi annunci, ad eccezione degli annunci display relativamente piccoli che occupano meno del tre percento dello schermo.

Regnava la confusione Intorno al limite del tre percento, con alcuni banner che affermano che anche un tipico annuncio “buono” di Twitch occupava più spazio sullo schermo di quanto sia ora consentito.

Le modifiche alle regole sui contenuti di marca non sono l’unico vespaio che il gigante dello streaming ha rilasciato di recente. L’anno scorso, Twitch ha scatenato una tempesta di fuoco nelle vicinanze quando ha annunciato l’intenzione di eliminare gradualmente la ripartizione delle entrate 70/30 che ha consentito ad alcuni dei migliori giocatori di mantenere una parte maggiore dei loro guadagni. Mentre la comunità di Twitch ha chiesto a lungo alla società di spostare tutti gli streamer in quel rapporto più favorevole, la società ha invece delineato una visione che avrebbe portato tutti in una divisione 50/50 meno redditizia.

READ  Il Galaxy S24 di Samsung è il primo telefono in grado di caricare foto HDR su Instagram