Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Thailandia: un uomo è stato condannato a 50 anni di carcere per aver diffamato la monarchia

Thailandia: un uomo è stato condannato a 50 anni di carcere per aver diffamato la monarchia

  • Di Jonathan Head, corrispondente dal sud-est asiatico
  • Bangkok

Fonte immagine, Immagini Getty

Un tribunale tailandese ha condannato un uomo a 50 anni di carcere per commenti ritenuti offensivi nei confronti della monarchia, la pena più alta mai comminata ai sensi della famigerata legge sulla lesa maestà del Paese.

Il trentenne Mongkol Therakot è stato condannato a 28 anni di carcere per i post pubblicati tre anni fa su Facebook.

Ma giovedì la Corte d'appello ha aggiunto altri 22 anni alla pena.

La legge sulla lesa maestà criminalizza qualsiasi commento negativo sulla monarchia.

La legge, che è stata ampiamente criticata, rimane in vigore nonostante l’elezione di un governo civile lo scorso anno, per la prima volta in 10 anni.

All'udienza di giovedì, il giudice ha detto di aver già ridotto di un terzo la pena del signor Theracott a causa del comportamento collaborativo dell'imputato.

I dettagli sulle ragioni per cui una condanna così dura è stata inflitta al signor Therakot, un venditore di abbigliamento online della provincia di Chiang Rai, non sono stati pubblicati. Il giudice ha notato numerosi commenti su Facebook e i tribunali tailandesi in genere emettono condanne aggiuntive per ogni singolo post.

La legge sulla lesa maestà è stata brevemente sospesa all’inizio del regno di re Vajiralongkorn nel 2019, ma è stata ripresa e ampiamente utilizzata dopo lo scoppio di proteste senza precedenti guidate dagli studenti tre anni fa, che richiedevano riforme radicali per la monarchia.

Più tardi, a gennaio, la Corte Costituzionale deciderà se Move Forward, il partito giovanile che ha ottenuto il maggior numero di voti alle elezioni generali dello scorso anno, sarà sciolto per la sua richiesta di modificare la legge sulla lesa maestà, che alcuni conservatori tailandesi considerano equivalente a un tentativo di rovesciare l’intero sistema politico.