Giugno 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Starbucks ha licenziato un dipendente del sindacato

Starbucks ha licenziato un dipendente del sindacato

Howard Schultz, ex CEO di Starbucks Corporation, testimonia sulle pratiche sindacali e sindacali dell’azienda durante un’audizione del Comitato del Senato su salute, istruzione, lavoro e pensioni al Campidoglio di Washington, DC, il 29 marzo 2023.

Saul Loeb | AFP | Immagini Getty

Starbucks ha licenziato Alexis Rizzo, il dipendente responsabile dell’avvio della campagna sindacale di Starbucks, pochi giorni dopo la testimonianza dell’ex CEO dell’azienda Howard Schultz. Campidoglio A proposito della presunta violazione sindacale della catena del caffè, ha confermato la CNBC.

Rizzo ha lavorato come supervisore di turno presso Starbucks per 7 anni ed è stato dirigente sindacale presso il Genesee St. a Buffalo, New York, che è stato uno dei primi due negozi del paese a vincere la campagna sindacale.

Starbucks Workers United ha annunciato la cessazione di Rizzo in un tweet sabato Ha detto in a pagina GoFundMe corrispondente che “questa è la vendetta al suo peggio”.

“Sono così triste”, ha detto Rizzo alla CNBC in un’intervista, “Non era solo un lavoro per me. Era come la mia famiglia”. “È stato come perdere tutto. Ero lì da quando avevo 17 anni. È come il mio intero sistema di supporto, e penso che lo sapessero.”

Rizzo ha detto che i suoi gestori del negozio l’hanno licenziata dopo che ha finito il suo turno venerdì. Ha detto che le hanno detto che era perché era in ritardo in quattro occasioni, due delle quali era in ritardo di un minuto. Rizzo ha detto che sospetta che sarà rilasciata a seguito dell’udienza del Senato di mercoledì.

Schultz ha affrontato una raffica di domande difficili da parte del senatore Bernie Sanders mercoledì sulle pratiche di lavoro e sulla sindacalizzazione di Starbucks. Sanders, un indipendente pro-sindacato che rappresenta il Vermont, ha fatto pressioni su Starbucks per più di un anno per riconoscere il sindacato e negoziare contratti con le caffetterie sindacalizzate.

READ  Chick-fil-A annuncia che non servirà più pollo senza antibiotici

Sanders presiede la commissione del Senato per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni, che ha moderato la commissione.

Durante l’udienza, Sanders ha affermato che Starbucks si è impegnato nella “campagna antisindacale più aggressiva e illegale nella storia recente del nostro paese”. Ha anche accusato l’azienda di trascinare i piedi sugli accordi di contrattazione collettiva e ha scommesso che i lavoratori si sarebbero arresi e avrebbero lasciato la catena del caffè.

Schultz ha difeso l’approccio di Starbucks ai suoi negoziati, sottolineando che un rapporto diretto con i lavoratori è la cosa migliore per l’azienda. Ha anche negato più volte che la società abbia violato il diritto federale del lavoro e ha affermato che la sua attenzione durante il suo mandato come CEO ad interim era per il 99% sulle operazioni, non sulla lotta sindacale.

“Non credo sia una coincidenza che due giorni dopo che Howard Schultz ha preso un colpo al suo ego in quel modo, ha iniziato a criticare Buffalo”, ha detto Rizzo. Ha aggiunto che altri due dipendenti sono stati licenziati venerdì.

La portavoce di Starbucks, Rachel Wall, ha affermato che il licenziamento dell’azienda ha fatto seguito solo a chiare violazioni della politica. In questo caso, ha detto, ci sono state più violazioni di partecipazione che hanno colpito altri baristi in quel punto vendita.

“Apprezziamo il fatto che i nostri partner di Genesee St. abbiano fornito l’esperienza Starbucks l’un l’altro e ai nostri clienti questa mattina, e che i negozi della zona continuino a servire i clienti senza interruzioni questo fine settimana”, ha dichiarato a CNBC in una dichiarazione.

Quasi 300 caffè Starbucks hanno votato per aderire al sindacato Starbucks, secondo i dati del National Labour Relations Board. In totale, il sindacato ha presentato più di 500 denunce di pratiche di lavoro sleali relative a Starbucks al Federal Labour Board. Starbucks ha presentato quasi 100 denunce contro il sindacato. I giudici hanno scoperto che la società ha violato la legge federale sul lavoro 130 volte.

READ  Futures azionari piatti dopo l'aumento di 400 punti del Dow Jones

Nessun negozio sindacale ha ancora concordato un contratto con Starbucks.

Rizzo ha detto di essere ancora “sotto shock” per essere stata licenziata, ma ha intenzione di lottare per la sua posizione.

“Continueremo a lottare per sistemare le cose”, ha detto. “Lotterò per riavere il mio lavoro ed essere reintegrato”.

— Amelia Lucas della CNBC ha contribuito a questo rapporto.