Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Schiavo del ritmo: i ricercatori affermano che i topi non possono resistere al buon ritmo | Scienze

La musica ti fa perdere il controllo Missy Elliot una volta ha cantato una canzone che è quasi impossibile da ascoltare senza saltarci dentro. Gli scienziati hanno ora scoperto che anche i topi trovano irresistibili i battiti ritmici, mostrando come si muovono istintivamente a tempo di musica.

In precedenza si pensava che questa capacità fosse un’abilità umana unica e gli scienziati affermano che la scoperta fornisce informazioni sulla mente dell’animale e sulle origini della musica e della danza.

“I topi hanno mostrato una visualizzazione innata – cioè senza alcun addestramento o precedente esposizione alla musica – sincronizzazione degli impulsi”, ha affermato il dottor Hirokazu Takahashi dell’Università di Tokyo.

“La musica esercita una forte attrazione per il cervello e ha effetti profondi sulle emozioni e sulla cognizione”, ha aggiunto.

Sebbene ci siano stati precedenti spettacoli di animali che ballavano insieme alla musica – TikTok ha una ricchezza di esempi – lo studio è una delle prime indagini scientifiche sul fenomeno.

Nello studio, pubblicato su Science Advances, 10 topi sono stati dotati di accelerometri wireless in miniatura per misurare i minimi movimenti della testa. Quindi sono stati eseguiti brani di un minuto dalla sonata di Mozart per due figure di pianoforte in re maggiore, a quattro tempi diversi: 75%, 100%, 200% e 400% della velocità originale. Hanno partecipato anche venti volontari umani.

Gli scienziati pensavano che fosse possibile che i topi preferissero la musica più veloce perché i loro corpi, compreso il battito cardiaco, correvano a un ritmo più veloce. Al contrario, la costante di tempo del cervello è sorprendentemente simile tra le specie.

Tuttavia, i risultati hanno mostrato che sia i topi che i partecipanti umani avevano una perfetta sincronizzazione del tempo quando la musica era nell’intervallo 120-140 battiti al minuto (bpm) – vicino alla formula originale di Mozart di 132 battiti al minuto – indicando che condividiamo un “meraviglioso impostazione.” per colpire il ritmo. Il team ha anche scoperto che i topi e gli esseri umani scuotevano la testa al ritmo con un ritmo simile e che il livello di scuotimento della testa diminuiva all’aumentare della velocità della musica.

“I nostri risultati indicano che il ritmo ottimale per la sincronizzazione del battito dipende dal tempo costante nel cervello”, ha detto Takahashi.

Il team ora intende indagare su come altre caratteristiche musicali come la melodia e l’armonia si relazionano alla dinamica cerebrale. “Inoltre, come ingegnere, mi interessa usare la musica per una vita felice”, ha detto Takahashi.

READ  Hubble scopre un enorme pianeta - 9 volte più grande di Giove - che si forma attraverso un processo violento