Dicembre 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La NASA Hubble cattura un’immagine mozzafiato di un ponte intergalattico

Tra i buchi neri che divorano giovani stelle e gli spazi vuoti che circondano nebulose affollate ed esplosive, le caverne oscure del nostro universo sono spesso spazzate via da un barlume di luce. Questa giustapposizione è chiaramente evidente in una delle più recenti immagini del telescopio spaziale Hubble della NASA.

La scorsa settimana, l’agenzia ha rilasciato un’eterea demo del trio galattico Arp 248, alias Wild’s Triplet, per entrambi. cercatore e la natura piuttosto stravagante della scena stessa. Ah.

Dai un’occhiata più da vicino a tutto in questa bellissima immagine del nostro universo elettrificato.

Agenzia spaziale europea / Hubble e NASA, Dark Energy Survey / Energy Division / Fermilab Center for Cosmic Physics / Dark Energy Camera / Osservatorio Panamericano Cerro Tololo / NOIRLab / National Science Foundation / AURA Astronomy; Dalcantone

In questa immagine impeccabile, due galassie su tre possono essere viste nella parte anteriore del vuoto dello spazio, trasudando l’una nell’altra come se fossero fatte di un rivestimento acquoso d’acqua più che d’acqua e formando quello che posso solo descrivere come un ponte intergalattico. Un terzo mondo non connesso si trova nella terra lontana, circondato da un piccolo bagliore ingannevole che rappresenta un’era cosmica fino a Di più Le galassie sono sparse in tutto l’universo.

La cosa particolarmente sorprendente di questa immagine è che dal punto di vista di Hubble – nell’orbita terrestre, a circa 200 milioni di anni luce di distanza – le tre galassie sono abbastanza compatte da adattarsi agli schermi dei nostri computer.

In effetti, questi mondi sono larghi molti (molti) anni luce e contengono una quantità incomprensibile di colpi come il nostro sole, esopianeti come gli otto del nostro sistema solare e lune come il nostro luminoso compagno lunare.

Sono universi in miniatura a pieno titolo, esistenti su una scala insondabile della mente umana ma disponibili per il download come sfondo del desktop.

In effetti, a causa di quei contenuti massicci, le enormi lumache al centro di questa immagine erano in primo luogo attaccate a un ponte luminoso. Entrambi imbrigliano forze gravitazionali estremamente forti e quindi si tirano a vicenda come se stessero giocando un delicato tiro alla fune, creando erroneamente quella che è nota come coda di marea, o Un flusso allungato di stelle e polvere interstellare iridescente.

Le code di marea sono solitamente il prodotto di galassie che corrono vicine l’una all’altra mentre stanno per fondersi in una galassia enorme. Abbiamo già visto questo incredibile fenomeno molte volte: le code di marea sono anche responsabili di alcuni dei nomi di alcuni dei più notevoli sistemi galattici.

topi“o NGC 4676, vanta galassie che si fondono a 300 milioni di anni luce dalla Terra” egirino”, o UGC 10214, contiene una grande galassia in procinto di fare a pezzi una galassia più piccola, un altro tipo di evento che ha provocato una notevole coda di marea.

Immagine del telescopio spaziale Hubble di NGC 4676, noto anche come “ratti”.

NASA, H. Ford (JHU), G. Illingworth (UCSC/LO), M.Clampin (STScI), G. Hartig (STScI), ACS e ESA Science Team

Anche la nostra galassia, la Via Lattea, si trova attualmente al livello di Ciclo di collisione con Andromedail che significa che alla fine potrebbe nascere Una specie di ponte intergalattico Inoltre, ma non preoccuparti.

Lo spazio tra stelle e pianeti all’interno delle galassie Molto più grande di quanto potresti pensare.

Quando le galassie si fondono, molto probabilmente sono solo alcune effettivo Si verificano collisioni. Pensa a due grandi folle che entrano nello stadio, fondendosi in un’unica folla enorme. Il più delle volte, gli individui non si scontrano letteralmente. Si sistemano semplicemente uno vicino all’altro. Ora immagina la stessa situazione, fatta eccezione per circa un anno luce di spazio tra ogni persona.

Sorprendentemente, il titolo “Arp” in Arp 248 deriva dal titolo del compianto astronomo Halton ArpCreato con l’astronomo Barry Mador Atlante di galassie aliene nel 1966.

“Ogni gruppo contiene una collezione sorprendentemente strana di galassie, comprese galassie interagenti come Arp 248, nonché galassie a spirale a uno o tre bracci, galassie con strutture a forma di conchiglia e una varietà di altre anomalie spaziali”, ha affermato la NASA. Atlante.

È un’opera monumentale piena di altri esempi del nostro universo meravigliosamente disparato, uno spazio costruito dalla mente di un poeta e condensato con l’abilità di una macchina.

READ  I fisici del MIT sfruttano l'"inversione temporale" quantistica per rilevare le onde gravitazionali e la materia oscura