Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Questa immagine del James Webb Telescope mostra una struttura a forma di punto interrogativo nello spazio profondo: NPR

Questa immagine del James Webb Telescope mostra una struttura a forma di punto interrogativo nello spazio profondo: NPR

Gli scienziati affermano che la struttura a punto interrogativo in una nuova immagine del James Webb Space Telescope è probabilmente la fusione di due o più galassie.

NASA, Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Canadese, J. Dipasquale


Nascondi didascalia

Cambia didascalia

NASA, Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Canadese, J. Dipasquale

Gli scienziati affermano che la struttura a punto interrogativo in una nuova immagine del James Webb Space Telescope è probabilmente la fusione di due o più galassie.

NASA, Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Canadese, J. Dipasquale

Il James Webb Space Telescope ha recentemente catturato una nuova straordinaria immagine di ciò che gli scienziati chiamano una coppia di stelle attive.

Ma gli spettatori con gli occhi d’aquila si sono affrettati a cogliere un dettaglio più piccolo – e per alcuni più interessante – nella parte inferiore dell’inquadratura: una formazione arancione dall’inconfondibile forma di un punto interrogativo, coda e tutto il resto.

Immagine – che in realtà è un composto di una mezza dozzina di immagini a infrarossi – diffuse sui social media come X (precedentemente Twitter) E reddit Dopo che l’Agenzia spaziale europea (una delle tre agenzie dietro il telescopio) lo ha condiviso alla fine del mese scorso, suggerendo ESA per chiarire Settimane dopo, “Questa non è una bufala”.

“Gli alieni sanno che li abbiamo trovati e ora ci stanno prendendo in giro”, ha scritto un utente di Reddit.

L’immagine mostra una coppia di giovani stelle fitte conosciute come Herbig-Haro 46/47, circondate da un disco di gas e polvere, e punteggiate da lontane galassie e stelle sullo sfondo.

NASA, ESA, Agenzia spaziale canadese, J. DiPascual (STScI)

Una nuova immagine del James Webb Space Telescope mostra una coppia compatta di stelle in formazione attiva (al centro delle increspature rosse). Ma molte persone sono più curiose della struttura sotto forma di punto interrogativo, che è ombreggiato nella parte inferiore centrale dell’inquadratura.

NASA, ESA, Agenzia spaziale canadese, J. DiPascual (STScI)

L’Agenzia spaziale europea afferma che Herbig-Haro 46/47 è importante da studiare perché ha “solo poche migliaia di anni” e poiché le stelle impiegano milioni di anni per formarsi, la sua giovane età offre ai ricercatori l’opportunità di osservare come le stelle accumulano massa nel tempo (e modellare la formazione).Una delle stelle più famose, il Sole).

Tuttavia, gli scienziati riconoscono che non è l’unica formazione osservata nell’immagine.

Macarena Garcia-Marín, scienziata del progetto di Webb presso lo Space Telescope Science Institute di Baltimora (che gestisce le operazioni scientifiche del telescopio), ha dichiarato a NPR in una e-mail che Question Mark è “un ottimo esempio di come usare Webb, indipendentemente da chi stai guardando, puoi avere sorprese sullo sfondo.” “.

E ha almeno una teoria sul motivo per cui è così popolare.

Garcia Marin scrive: “Penso che a tutti noi piaccia trovare forme familiari nel cielo; questo crea una profonda connessione tra la nostra esperienza umana, il nostro linguaggio in questo caso (punto interrogativo!), e la bellezza dell’universo che ci circonda”. “Penso che questo rappresenti il ​​bisogno umano di esplorare e meravigliarsi, e per me pone la domanda su quante altre cose interessanti aspettano di essere esplorate con Webb!”

Quindi cos’è esattamente?

Qualcosa che assomiglia a segni di punteggiatura, dicono gli scienziati, sembra due o più Le galassie si fondono – IL processo intensivo Attraverso il quale le galassie si scontrano (la stessa Via Lattea è un sottoprodotto di una delle fusioni).

READ  Il radar planetario della NASA riprende l'asteroide mentre si avvicina alla Terra

“Sembra un ammasso o un allineamento di opportunità di due o tre galassie”, ha detto via e-mail Kai Noeske, responsabile del programma di comunicazione dell’ESA. “La parte superiore del punto interrogativo sembra una galassia a spirale distorta, forse in fusione con una seconda galassia.”

Anche se è tutt’altro che certo, afferma Nora Lutzgendorf, scienziata dello studio dell’ESA, l’arco del punto interrogativo probabilmente deriva dall’interazione mareale tra le galassie, “e il blob potrebbe anche essere solo una galassia sferica più piccola”.

Aggiunge che le fusioni di galassie sono in realtà un fenomeno astrofisico molto comune, persino la nostra stessa galassia che interagisce con la sua vicina, la galassia di Andromeda. Allo stesso modo Garcia Marin la chiama “una fase naturale nella vita e nell’evoluzione delle galassie”.

Ma questo non significa che li vediamo spesso.

“È tutta una questione di proiezione”, spiega Garcia Marin. Il motivo per cui vediamo le galassie come un punto interrogativo, dice, è il risultato dell’angolazione con cui si fronteggiavano e del nostro punto di vista.

“Questa forma a punto interrogativo cattura perfettamente gli effetti della proiezione quando si guarda il cielo”, aggiunge. “Ciò che misuriamo è un’immagine bidimensionale di un universo pieno di oggetti che attraversano lo spazio e il tempo. Vediamo la loro proiezione; questo oggetto formato è molto più lontano da noi di quanto HH 46/47 non abbia alcuna influenza diretta”.

Ma ha notato un’interessante relazione tra i due fenomeni.

Più in generale, dice, il processo di interazione delle galassie tra loro può portare alla formazione di stelle – “e può dare vita a cose come HH 46/47, il soggetto principale della foto”.

Cosa puoi insegnarci?

Le fusioni di galassie generano “tutti i tipi di bellissime forme e strutture”, afferma Garcia Marin, in particolare a seconda dell’angolazione da cui vengono osservate.

Un esempio è Stefano QuintettoUn gruppo visibile di cinque galassie ravvicinate situate nella costellazione di Pegaso. Lei è stata una delle prime Le immagini sono state rilasciate dal telescopio Webb L’estate scorsa sono visibili un gruppo vorticoso di stelle e ampie code.

Luetzgendorf afferma che le immagini di alcune delle galassie interagenti (relativamente) più vicine, come la galassia Whirlpool e le antenne, hanno una certa somiglianza con la struttura di cui si parla ora.

Questa immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA mostra le galassie Antenna, precedentemente galassie separate che hanno trascorso le ultime centinaia di milioni di anni intrappolandosi l’una nell’altra.

AP


Nascondi didascalia

Cambia didascalia

AP

Questa immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA mostra le galassie Antenna, precedentemente galassie separate che hanno trascorso le ultime centinaia di milioni di anni intrappolandosi l’una nell’altra.

AP

“Puoi vedere le somiglianze e come da una prospettiva diversa e da lontano, questo potrebbe sembrare un punto interrogativo”, aggiunge.

Dato che le fusioni sono relativamente comuni e le nuove immagini si concentrano davvero sulle stelle in crescita, c’è qualcosa di nuovo che possiamo imparare dal punto interrogativo nascosto all’interno? Garcia Marin la pensa così.

“Se si tratta di una fusione di galassie”, dice, “sarebbe importante vedere come si adatta a ciò che sappiamo sulle fusioni e al suo significato per l’evoluzione delle galassie”.