Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Questa funzionalità di Android 13 potrebbe essere l’inizio della fine per le schede SIM

Questa funzionalità di Android 13 potrebbe essere l’inizio della fine per le schede SIM

Le carte SIM sono il cuore della nostra vita mobile e connessa. Queste piccole unità consentono agli utenti di ricevere chiamate, inviare messaggi e connettersi a tutti i tipi di servizi Internet. È una parte così integrante dei telefoni – feature phone e smartphone allo stesso modo – che i produttori devono trovare un modo per inserirlo, indipendentemente dai vincoli di spazio. Di conseguenza, abbiamo visto il fattore di forma ridursi da schede SIM complete, a schede mini, micro e infine nano SIM. In questi giorni, alcuni telefoni hanno persino Schede SIM integrate (eSIM) Può sostituire le carte tradizionali. Sfortunatamente, l’eSIM ha alcuni problemi che potrebbero impedirle di prendere il controllo del tutto, ma sembra che Google possa avere alcune soluzioni pronte in cantiere. Android 13.

IL VIDEO DI ANDROIDPOLICE DI OGGI

Il problema principale qui è come offrire qualcosa di simile per supportare la doppia SIM con eSIM che funzionano solo con una linea di abbonato alla volta. La soluzione di Google utilizza qualcosa che chiama Multiple Enabled Profiles (MEP) per consentire a più profili SIM di essere attivi su una singola eSIM, come dettagliato in Mishaal Rahman Esber. In altre parole, una eSIM sarà in grado di connettersi a due vettori diversi contemporaneamente.

Ciò che rende interessante il metodo Google MEP è che tutto avviene a livello di programma. Molteplici interfacce logiche fungono da canali di comunicazione indipendenti tra il profilo SIM e il modem telefonico, mantenendo un’unica vera connessione fisica tra i componenti. Google ha aggiunto classi API ad AOSP che consentiranno alle app dell’operatore di ottenere informazioni sulle interfacce logiche e fisiche insieme ai profili SIM memorizzati su di esse.

READ  Come il Samsung Galaxy S24 Ultra cambierà per sempre gli smartphone


Sebbene le eSIM possano attualmente memorizzare più profili su una singola SIM e supportare il passaggio da uno all’altro, è possibile attivare un solo profilo alla volta. In altre parole, l’unico modo per ottenere il supporto della doppia SIM con le soluzioni attuali è acquistare un dispositivo con più eSIM, più SIM fisiche o una eSIM e una SIM fisica.

Allora perché non usare solo due eSIM, dici? Questo tipo di indebolisce l’intera tecnologia, poiché avere due eSIM limiterebbe comunque lo spazio disponibile, sebbene su scala inferiore rispetto alle schede fisiche.

Tutto indica che Google sta offrendo un supporto eSIM potenziato su Android 13. Rahman riferisce che AOSP punta alla tecnologia, mentre il sito degli sviluppatori Android rileva che Android 13 potrebbe integrarlo. Alcune delle nuove API MEP sono già disponibili Android 13 DP2. Per ora, stiamo solo aspettando di vedere alcuni dei suoi effetti finalmente rilasciati – buona cosa A13 beta dietro l’angolo.


deluxe_teardown-gloss

C’è una gag del pesce d’aprile che potrebbe valere i tuoi soldi quest’anno

leggi quanto segue


Circa l’autore