Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Primi piani accattivanti mostrano dettagli sorprendenti nascosti nel bagliore del sole: ScienceAlert

Primi piani accattivanti mostrano dettagli sorprendenti nascosti nel bagliore del sole: ScienceAlert

Il più grande e potente telescopio solare della Terra ci ha regalato nuove viste mozzafiato della superficie del sole.

In una serie di nuove immagini, le osservazioni del telescopio solare Daniel K. Inouye rivelano gli intricati dettagli delle regioni delle macchie solari, delle celle convettive e del movimento del plasma nell’atmosfera solare fino a una risoluzione di circa 20 chilometri (circa 12 miglia).

A queste scale, le strutture del plasma sembrano pennellate e trame su un dipinto. Per le distanze nel contesto, una singola cella di carico solare è in media leggermente più piccola dello stato americano del Texas.

Tuttavia, queste nuove immagini di Inouye non sono progettate solo per farti sentire piccolo e insignificante, sono un’anteprima della scienza a venire, poiché i ricercatori analizzano la superficie solare con dettagli squisiti per comprendere i processi che si svolgono lì.

Un’area di circa 30.000 km di diametro, mostra una macchia solare ben formata: ombre, punte umbellate e semifilamenti sono tutti chiaramente visibili. (NSF/AURA/NSO)

Spesso più grandi del nostro intero pianeta, le macchie solari sono solitamente difetti di breve durata in cui i campi magnetici sono insolitamente forti e appaiono più scuri delle aree circostanti grazie alle temperature relativamente basse. Sono anche associati alle eruzioni più violente del nostro Sole: mentre le linee del campo magnetico si intrecciano, si spezzano e si ricollegano, rilasciano spettacolari esplosioni di energia sotto forma di espulsioni ed eruzioni di massa coronale.

L’attività delle macchie solari non è costante. È associato a cicli della durata di circa 11 anni, durante i quali l’attività delle macchie solari e dei bagliori sale a un picco al massimo solare e diminuisce quasi a zero durante il minimo solare. Al massimo solare, i poli del sole si scambiano di posto; Attualmente siamo sulla via del massimo solare Dovrebbe svolgersi nel 2025dopodiché l’attività solare ricomincerà a diminuire.

READ  Gli astronomi hanno scoperto che l'universo pulsa di onde gravitazionali
Un’altra macchia solare che mostra il fenomeno del ponte di luce. (NSF/AURA/NSO)

Non si sa cosa guida questi cicli solari, o Cosa crea le macchie solari?. Ma questa informazione è di grande importanza per noi qui sulla Terra, poiché le espulsioni di massa coronale spesso associate alle macchie solari possono inviare enormi nubi di particelle cariche che entrano in collisione con il campo magnetico terrestre e lo mettono a rischio. Il numero di interruzioni al nostro stile di vita basato sulla tecnologia.

Le nuove immagini di Inouye mostrano molte delle delicate strutture associate alle macchie solari.

Ad esempio, c’è l’oscurità (quelle sono le macchie scure nel mezzo). I punti luminosi visti all’interno delle ombre sono noti come punti di baldacchino. La penombra è l’area più luminosa intorno all’ombra. Questo è caratterizzato da filamenti lucidi noti come filamenti penombrali.

Pori simili a macchie solari sulla superficie del Sole, con fibre filiformi nell’atmosfera sopra di essi. (NSF/AURA/NSO)

Occasionalmente, una regione simile a una macchia solare di un campo magnetico focalizzato può essere vista con una chioma ma senza ombra circonferenziale. Questi sono noti come pori solari; Si formano quando non sono soddisfatte le condizioni per la formazione delle ombre.

E quando le macchie solari iniziano a dissolversi e scomparire, i ponti di luce possono attraversarle. Un ulteriore decadimento vede le macchie solari perdere la loro ombra. È molto raro che venga registrato un processo di perdita.

Quando il sole è calmo, può apparire completamente anonimo nelle immagini scattate nella parte visibile dello spettro.

Tuttavia, anche il sole tranquillo ha molto da fare. Le celle termiche, mostrate sotto, danno alla superficie del sole, o fotosfera, la sua consistenza “popcorn”. Il plasma caldo sale dall’interno del centro della cellula, quindi viaggia verso l’esterno verso la periferia e scende di nuovo mentre si raffredda. Le celle di convezione, o granuli, sono incredibilmente enormi, fino a 1.600 chilometri (994 miglia) di diametro.

READ  Come guardare il lancio del satellite Artemis 1 della NASA nella realtà virtuale a 360 gradi
L’aspetto simile a un popcorn dei grani di convezione sull’eliosfera. L’immagine mostra un’area di circa 30.000 km di larghezza. (NSF/AURA/NSO)

Sopra la fotosfera c’è l’atmosfera solare, o cromosfera. A volte sono abitati da filamenti di plasma sottili, scuri, simili a pennellate, noti come fibrille o spicole. Sembrano capelli, ma i diametri delle fibre sono generalmente nella gamma 200 e 450 chilometri (da 125 a 280 miglia). Esplode dalla fotosfera e dura pochi minuti. Gli scienziati non sanno come vengono generate le fibre, ma ce ne sono sicuramente molte, e lo sono Indicatori molto affidabili delle tendenze Il campo magnetico solare è caotico.

Gli scienziati sperano che i dati di Inouye aiutino a svelare alcuni dei misteri persistenti di questi straordinari fenomeni solari. A sua volta, questo può aiutare a comprendere fenomeni più ampi; Le dinamiche interne del Sole, ad esempio, e ciò che guida i cicli solari.

Fibre solari simili a capelli nella cromosfera solare. (NSF/AURA/NSO)

Il telescopio sta già ottenendo risultati. All’inizio di quest’anno, gli scienziati hanno descritto le prime osservazioni in assoluto di Onde atmosferiche solari in una macchia solare.

“Non esiste altra struttura come l’Inouye Solar Telescope”, ha detto l’astronomo Thomas Rimmele, direttore dell’Inouye Solar Telescope. Ha detto l’anno scorso. “Ora è una pietra miliare della nostra missione far progredire la nostra conoscenza del Sole fornendo opportunità di osservazione rivoluzionarie per la comunità di ricerca. È un punto di svolta”.

È possibile visualizzare e scaricare le versioni a piena risoluzione delle nuove immagini Sul sito della National Science Foundation.