Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Popular Science sta chiudendo una rivista online in un altro segno di declino

Popular Science sta chiudendo una rivista online in un altro segno di declino

In un altro segno del suo declino, Popular Science smise di pubblicare la sua rivista online, tre anni dopo aver chiuso l’edizione cartacea, iniziata nel 1872.

Popular Science continuerà a pubblicare articoli e video sul proprio sito Web e continuerà a produrre il proprio podcast, “La cosa più strana che ho imparato questa settimana”.

Ma da allora la sua rivista digitale è stata pubblicata trimestralmente Iniziato nel 2021ha cessato la pubblicazione e non addebiterà più gli abbonamenti, secondo Recurrent Ventures, la società madre della rivista.

Il suo ultimo numero è onlineIntitolato “Falso” È stato pubblicato a settembre e comprendeva articoli su tassidermia, intelligenza artificiale e cristalli falsi.

“Come la maggior parte delle società di media, Recurrent si sta adattando al panorama in evoluzione del suo pubblico”, ha detto martedì in una dichiarazione Cathy Hebert, portavoce della società. “Che si tratti del cambiamento dei modelli nei social media, dell’aumento della domanda di video da parte dei consumatori o della modifica dei budget pubblicitari – che si sono spostati sempre più verso i video – è chiaro che il cambiamento è un tema costante.”

La decisione è arrivata circa due settimane dopo Lo ha riferito Axios, citando una fonte anonima Recurrent Ventures ha tagliato 13 posti di lavoro presso Popular Science. Axios ha riferito che alla pubblicazione sono rimasti solo cinque membri del comitato editoriale.

La signora Hibbert ha rifiutato di confermare quanti lavoratori se ne sono andati, ma ha riconosciuto “una riduzione dell’organico all’interno di molti marchi e team operativi”.

Recurrent Ventures sta attraversando un periodo di cambiamento, come ha recentemente annunciato Terzo amministratore delegato in tre anni. Era l’azienda Creato nel 2021 Da North Equity, una società di private equity, per gestire Popular Science, The Drive, Domino, Field & Stream e altri media acquisiti da North Equity.

READ  WhatsApp descrive in dettaglio la funzione Community in arrivo e altri grandi aggiornamenti

La chiusura della rivista digitale ha rattristato e fatto arrabbiare alcuni ex membri dello staff di Popular Science che sottolineano che la ricca tradizione di giornalismo scientifico della rivista è iniziata 151 anni fa e comprendeva articoli di Charles Darwin, Louis Pasteur e Isaac Asimov.

Nel corso dei decenni, Popular Science ha esplorato la fotografia, gli hovercraft, i girocotteri, i voli spaziali e la lotta per avere più spazio per le gambe sugli aerei commerciali, il tutto con un occhio agli interessi generali dei lettori. Anche negli ultimi anni ha vinto i National Magazine Awards per “The Tiny Issue” su tutte le cose piccole, nel 2019, e “The Tiny Issue”. Problema di calore“, sui cambiamenti climatici, nel 2022.

La rivista era nota anche per fare e fare previsioni fantasiose sul futuro Strani progetti fai da te Come un “trattore da cantiere” motorizzato che potrebbe essere realizzato con un kit di attrezzi e un “rilevatore di aerei” fatto in casa in grado di rilevare gli aerei nemici, introdotto dopo il bombardamento di Pearl Harbor.

“Sono frustrato, arrabbiato e sgomento che i proprietari abbiano chiuso una pubblicazione pionieristica che si era adattata a 151 anni di cambiamenti in una chiamata Zoom di cinque minuti”, ha scritto su LinkedIn l’ex vicedirettore Purbita Saha. . È stata dimessa il 13 novembre, ha detto.

“Ho alcuni colleghi di talento che continueranno a produrre notizie, recensioni e podcast per popsci.com, ma PopSci cesserà di esistere”, ha scritto.

I tagli sono arrivati ​​dopo che National Geographic, un’altra rispettata rivista scientifica, ha licenziato scrittori e altro personale in una serie di licenziamenti annunciati ad aprile, mesi dopo che diversi redattori senior erano stati licenziati l’anno scorso. Anche altri media, tra cui Buzzfeed, The Los Angeles Times, Vox Media e The Washington Post, hanno tagliato il personale.

READ  Il chiosco Project Starline di Google mi ha offerto un'esperienza di riunione 3D

Rick Edmonds, analista del settore dei media al Poynter Institute, una scuola per giornalisti, ha detto che la fine della rivista online di Popular Science è stato un altro passo “lungo la strada per cercare di trovare qualche forma che fosse meno costosa e potesse coinvolgere un certo numero di persone. ” Lettori.”

Ha detto che sarebbe presuntuoso definirlo “l’ultimo passo prima del cimitero”, ma ha aggiunto che potrebbe essere “difficile ricostruire e costruire una base pubblicitaria”.

Jacob Ward, ex redattore capo di Popular Science, ha detto che la scomparsa della rivista online “mi spezza il cuore”. Notò che le prime edizioni stampate avevano dipinti ad olio sulle copertine, come quello che tiene a casa di un uomo in indumenti protettivi raffigurato sul bordo di un vulcano incandescente.

Ha detto che Popular Science era “così bella, così storica” ​​e “un vero tesoro dell’editoria intellettuale popolare americana”. video Pubblicato su LinkedIn. Ma ha detto che è “proprio il genere di cose che vengono buttate fuori nella mente delle persone che guadagnano soldi per vivere”.

Joe Brown, che è stato redattore capo dal 2016 al 2020, ha affermato che liberarsi della rivista renderebbe più difficile unificare le storie attorno a un tema comune, fornendo un contesto che, secondo lui, manca in gran parte del giornalismo quotidiano. Ha detto di essere preoccupato che i dipendenti rimanenti debbano “dare da mangiare alla bestia” per mantenere il sito aggiornato.

Considerati i recenti licenziamenti, “non vedo come possano mantenere tutto uguale”, ha detto.