Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Polemica tra Israele ed Egitto sulla riapertura del valico di Rafah

Polemica tra Israele ed Egitto sulla riapertura del valico di Rafah

  • Scritto da Natasha Brisky
  • notizie della BBC

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto, I palestinesi impacchettano le loro cose mentre si preparano a fuggire da Rafah, a sud della Striscia di Gaza

Ci sono controversie tra Israele ed Egitto sul valico di frontiera di Rafah, e ciascuno di loro incolpa l’altro per la sua continua chiusura mentre la crisi umanitaria a Gaza peggiora.

Le forze israeliane hanno preso il controllo del lato del valico della Striscia di Gaza.

Il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz ha dichiarato martedì di aver informato il Regno Unito e la Germania “della necessità di convincere l’Egitto a riaprire” il valico.

Ma l’Egitto afferma che le operazioni militari israeliane nella regione stanno impedendo il passaggio degli aiuti.

Il Cairo ha detto che Israele sta cercando di scaricare la colpa per aver bloccato gli aiuti.

Katz ha affermato che il movimento armato palestinese Hamas, che ha attaccato il sud di Israele il 7 ottobre dello scorso anno, scatenando l’attuale guerra, non è più in grado di “controllare il valico di Rafah”, citando le preoccupazioni per la sicurezza secondo cui “Israele non si arrenderà”.

“Il mondo sta affidando la responsabilità della situazione umanitaria a Israele, ma la chiave per prevenire una crisi umanitaria a Gaza è ora nelle mani dei nostri amici egiziani”, ha scritto Katz su X.

Shukri ha sottolineato che Israele è “l’unico responsabile della catastrofe umanitaria che i palestinesi stanno attualmente soffrendo a Gaza”, che secondo lui è “un risultato diretto delle atrocità israeliane casuali commesse contro i palestinesi per più di sette mesi”.

Ha invitato Israele ad “assumersi la responsabilità legale come potenza occupante consentendo l’arrivo degli aiuti attraverso i valichi di terra sotto il suo controllo”.

L’Egitto è stato uno dei mediatori nello stallo dei colloqui per il cessate il fuoco, ma i suoi rapporti con Israele sono diventati tesi da quando Israele ha occupato il lato di Gaza del valico di Rafah il 7 maggio.

António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato in una dichiarazione di essere “sconcertato dall’escalation dell’attività militare a Rafah e dintorni da parte delle forze di difesa israeliane”.

Ha ribadito le richieste per un cessate il fuoco e l’apertura del valico di Rafah, e ha continuato: “Questi sviluppi ostacolano ulteriormente l’arrivo degli aiuti umanitari ed esacerbano la situazione già deteriorata.

“Allo stesso tempo, Hamas continua a lanciare razzi indiscriminatamente. I civili devono essere rispettati e protetti in ogni momento, a Rafah e in altre parti di Gaza. Per la popolazione di Gaza, ora non esiste un posto sicuro”.

Le Nazioni Unite e le agenzie di soccorso internazionali hanno affermato che la chiusura del valico di Rafah e del valico di Kerem Shalom tra Israele e il sud di Gaza ha effettivamente tagliato la Striscia di Gaza dagli aiuti stranieri.

All’inizio di maggio, Cindy McCain, capo dell’agenzia alimentare delle Nazioni Unite, ha affermato di ritenere che ci fosse una “carestia di massa” nel nord di Gaza “che si sta spostando verso sud”.

Nel suo ultimo aggiornamento, l’Unità di Coordinamento delle Attività Governative (COGAT), l’agenzia militare israeliana incaricata di coordinare l’arrivo degli aiuti a Gaza, ha affermato che 64 camion umanitari sono entrati a Gaza domenica, il che rappresenta una diminuzione significativa rispetto al numero giornaliero di camion entrato in aprile.

Domenica l’Egitto ha anche dichiarato che sarebbe intervenuto per sostenere la causa del Sudafrica contro Israele presso la Corte internazionale di giustizia sulla base dell’espansione dell’attività militare israeliana a Gaza e del suo impatto sui civili.

Venerdì, il Sudafrica ha chiesto alla Corte internazionale di giustizia di ordinare a Israele di ritirarsi da Rafah come ulteriore misura di emergenza nel caso che accusa Israele di aver commesso un genocidio.

Israele ha detto che andrà avanti con le operazioni militari pianificate a Rafah nonostante gli avvertimenti degli Stati Uniti e di altri alleati che un’offensiva di terra potrebbe causare un gran numero di vittime civili.

L’esercito israeliano ha chiesto ai residenti di Rafah di trasferirsi ad Al-Mawasi – una stretta area costiera che Israele descrive come una “zona umanitaria estesa” – e a Khan Yunis, che era in gran parte in rovina dopo una precedente incursione militare israeliana lì.

Da allora, secondo il Ministero della Sanità nella Striscia, più di 34.900 persone sono state uccise a Gaza.