Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Perché i democratici al Senato sono disposti ad accettare un compromesso sulla politica di frontiera

Perché i democratici al Senato sono disposti ad accettare un compromesso sulla politica di frontiera

Tester ha detto di essere ansioso di vedere se un gruppo bipartisan di negoziatori riuscirà a raggiungere un accordo su una questione politica sfuggente come l’immigrazione. Anche se ha rifiutato di impegnarsi a sostenere l’accordo finché non ne avrà visti i dettagli, non ha escluso di sostenere requisiti di frontiera più forti. E non è solo.

“Mi sta decisamente bene [border policy] “Fare parte dell’Annesso per la sicurezza nazionale”, ha affermato la senatrice Tammy Baldwin (D-Wis.), un’altra democratica che rischia la rielezione l’anno prossimo. Per quanto riguarda i cambiamenti alla politica di asilo, ha detto: “Vorrei vederci fare qualche progresso bipartisan, che ci è sfuggito per anni. “Il sistema è rotto.”

Gli sforzi per riscrivere le leggi nazionali sull’immigrazione sono stati a lungo segnati dal fallimento, compreso un grave buco cinque anni fa sulla sicurezza delle frontiere e la legalizzazione delle persone protette dal programma Deferred Action for Childhood Arrivals. Mentre tra alcuni democratici al Senato c’è movimento verso il soddisfacimento della richiesta chiave del GOP che qualsiasi aiuto all’Ucraina e a Israele sia accompagnato da politiche di confine più severe, altri nel partito si oppongono.

I democratici forse non ci avrebbero pensato se i repubblicani non avessero tracciato una linea rossa all’inizio di questo autunno sul collegamento del confine con l’Ucraina. Finora, i colloqui tra democratici e repubblicani si sono concentrati su standard di asilo più severi, con molti democratici che affermano che potrebbero sostenere l’eliminazione delle restrizioni sugli immigrati in modo che possano chiedere asilo con successo negli Stati Uniti.

Ma i negoziatori senior hanno indicato separatamente martedì che non erano più vicini al raggiungimento di un accordo. La Casa Bianca e i Democratici si oppongono alle modifiche al sistema di libertà condizionale per motivi umanitari, inclusa la forzatura dei migranti a rimanere in Messico o in altri paesi mentre aspettano di entrare negli Stati Uniti, secondo una persona che ha familiarità con i colloqui. I repubblicani non permetteranno che le priorità dei democratici sugli immigrati illegali conosciuti come “Dreamers” facciano parte delle discussioni.

READ  Tensioni Usa-Cina, l'improvviso ritiro di Kiribati getta un'ombra sull'incontro dei leader del Pacifico

L’amministrazione Biden – che ha richiesto quasi 106 miliardi di dollari in finanziamenti per Ucraina, Israele, Taiwan e il confine – ha mantenuto un approccio passivo ai negoziati bipartisan del Senato. Ma i funzionari hanno espresso sostegno ai colloqui. Esiste un riconoscimento più ampio del fatto che il sostegno del partito potrebbe limitare i democratici tra gli attivisti per la riforma dell’immigrazione e gli elettori indipendenti.

Alla fine, i repubblicani sostengono che il presidente Joe Biden dovrà intervenire per finalizzare i negoziati, soprattutto se la cabala del Senato composta da sei membri attualmente impegnata nei colloqui vacilla.

“Non intendo denigrare le persone che parlano apertamente. Ma alla fine, questo sarà un accordo che verrà concluso tra il presidente Biden, il leader della maggioranza al Senato [Chuck] Schumer, relatore [Mike] Johnson e il leader [Mitch] “McConnell”, ha detto il senatore John Cornyn (R-Texas).

I democratici esitano a inasprire il sistema di libertà condizionale perché l’amministrazione Biden ha utilizzato la flessibilità esecutiva del programma per accettare immigrati dall’Afghanistan, dall’Ucraina, dal Venezuela, da Cuba e da altri paesi. Più in generale, i progressisti e i gruppi per i diritti degli immigrati affermano che i democratici stanno già assecondando le richieste repubblicane senza fare alcun progresso sulle proprie priorità in materia di immigrazione, come la protezione dei beneficiari del DACA o di altri portati nel paese come bambini privi di documenti.

“Ora è il momento che i democratici si alzino e chiariscano quali priorità stanno lottando per le comunità di immigrati”, ha affermato Andrea Flores, vicepresidente per le politiche e le campagne di immigrazione. FWD.us. “Oppure accetteranno semplicemente cambiamenti radicali e distruttivi?”

Il senatore Alex Padilla (D-California) ha detto che sta lavorando per aggiungere un percorso relativo alla cittadinanza ai negoziati, anche se i repubblicani hanno affermato che non si tratta di un punto di partenza. Tuttavia, ha rifiutato di escludere il sostegno a modifiche agli standard di asilo. Ha aggiunto: “Il diavolo è nei dettagli”.

READ  Rapporto israeliano: Hamas non aveva intenzione di attaccare un festival musicale Notizie sul conflitto israelo-palestinese

Come altri democratici vulnerabili nella sessione del prossimo anno, anche il senatore Sherrod Brown (D-Ohio) ha affermato di essere aperto a includere politiche di sicurezza delle frontiere se questo è ciò che serve per fornire denaro all’Ucraina e combattere l’epidemia di fentanil.

Ma i progressisti potrebbero essere meno aperti alle restrizioni alle frontiere.

Il senatore Dick Durbin (D-Ill.) ha affermato che la politica “sarà positiva per alcuni e non per altri”.

Finora non c’è molto di cui la sinistra possa essere contenta. Il rifiuto da parte del Partito Repubblicano delle priorità democratiche in materia di immigrazione e la sua insistenza affinché i democratici vadano oltre il semplice innalzamento degli standard di asilo hanno reso alcuni democratici pessimisti riguardo alle prospettive.

“Temo certamente che i repubblicani avranno difficoltà ad accettare il sì come risposta. “Ma continueremo a lavorare”, ha detto il senatore Chris Murphy (D-Conn.), il capo negoziatore dei Democratici.

Tuttavia, la ristretta maggioranza democratica composta da 51 membri non può fare una mossa senza almeno nove repubblicani, dato il requisito di 60 voti richiesto dal Senato. Molti repubblicani al Senato sostengono maggiori finanziamenti per l’Ucraina, ma sembrano intenzionati a usare la loro influenza, in parte per cercare di creare un disegno di legge che il presidente Johnson potrebbe approvare alla Camera.

McConnell, amico di lunga data di Biden, ha detto di aver chiamato il presidente la settimana scorsa “per assicurarsi che capisse che non ci sarà alcun disegno di legge senza uno sforzo credibile” per limitare il flusso di migranti verso il confine meridionale.

Ma questa posizione mette i democratici in una posizione difficile: per ottenere aiuti all’Ucraina, devono raggiungere un accordo sulla questione altamente delicata dell’immigrazione.

READ  Almeno sei persone sono state uccise in un incendio in un motel in Nuova Zelanda, dicono i funzionari

“Ci sono alcune persone che hanno detto che non ci possono essere progressi sull’Ucraina senza un accordo sui confini”, ha detto il senatore Michael Bennet (D-Colorado), uno dei sei negoziatori.

Quando a Schumer è stato chiesto se avrebbe aumentato gli standard in materia di asilo, si è rifiutato di rispondere direttamente e ha semplicemente detto: “Abbiamo bisogno di un disegno di legge bipartisan”. Ha intenzione di forzare un voto già la prossima settimana sulla richiesta di spesa aggiuntiva di 106 miliardi di dollari da parte dell’amministrazione Biden, che i repubblicani affermano che bloccheranno senza includere nuove dure restrizioni alla politica di frontiera.

“Forse dovremmo farlo per mostrare ai democratici che potrebbero mettere in dubbio la risoluzione repubblicana su questo tema”, ha detto il senatore Thom Tillis (R-R).

Se il voto fallisse, si allungherebbe il tempo trascorso dall’ultima volta che il Congresso ha approvato gli aiuti all’Ucraina alla fine dell’anno scorso. Senza una scadenza per i finanziamenti governativi fino a gennaio, il Senato dovrà preparare molto rapidamente una pausa a sorpresa per segnalare a Kiev che stanno arrivando ulteriori aiuti dagli Stati Uniti.

Mia Ward e Anthony Adragna hanno contribuito a questo rapporto.