Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ora i fanatici ambientalisti stanno prendendo di mira il capolavoro di Monet di protesta ambientale, spruzzando zuppa sul ristorante Le Printemps

Ora i fanatici ambientalisti stanno prendendo di mira il capolavoro di Monet di protesta ambientale, spruzzando zuppa sul ristorante Le Printemps

Scritto da Miriam Cooper

20:07 dell'11 febbraio 2024, aggiornato alle 20:21 dell'11 febbraio 2024

Ieri gli attivisti per il clima hanno gettato della zuppa su un dipinto di Monet in un museo francese dopo aver fatto un gesto simile sulla Gioconda il mese scorso.

Il Museo delle Belle Arti di Lione, la terza città più grande della Francia, ha dichiarato in un comunicato che l'attacco al dipinto “Primavera” di Claude Monet è avvenuto sabato alle 15:30 ora locale.

Il museo ha precisato che il dipinto, che risale al 1872, era protetto dal vetro, ma sarà sottoposto ad un attento esame e restauro. Il museo ha detto che presenterà una denuncia con l'accusa di vandalismo, aggiungendo che due attivisti sono stati arrestati.

Riposte Alimentaire (“Anti-Food Attack”) ha rivendicato l'attacco in un post su X, con una donna che si identifica come Ilona, ​​20 anni, dicendo “dobbiamo agire ora prima che sia troppo tardi”.

Lo stesso gruppo, che sostiene un approvvigionamento sostenibile di cibo sano per tutti, ha anche rivendicato la responsabilità dell'attacco con la zuppa di gennaio alla Gioconda del Louvre, anch'esso nascosto dietro un vetro.

Le attiviste Ilona (a sinistra) e Sophie (a destra) del gruppo climatico Riposte Alimentaire si sono assunte la responsabilità dell'attacco a “Le Printemps” di Claude Monet.
Il dipinto “Le Printemps” del 1872 è stato protetto da vetro, ma sarà sottoposto ad un attento esame e restauro, ha affermato il museo.
Riposte Alimentaire (“Anti-Food Attack”) ha rivendicato la responsabilità dell'attacco in un post su X, con una donna che si identifica come Ilona, ​​20 anni (nella foto) che dice “dobbiamo agire ora prima che sia troppo tardi”.

“Questa primavera sarà l’unica primavera che ci resterà se non reagiamo”, hanno chiesto le attiviste Ilona e Sophie ai passanti del museo dopo l’attacco alla zuppa di ieri. Cosa disegneranno i nostri futuri artisti? Cosa sogneremo se non ci sarà più la primavera?

Il movimento su X dice: “Amiamo l’arte, ma gli artisti del futuro non avranno nulla da dipingere su un pianeta in fiamme”.

In un post sulla caduta di un dipinto di Monet sul Risponderemo con un’azione ferma.

Gli attivisti di Riposte Alimentaire Sasha, 24 anni, e Marie-Juliet, 63 anni, hanno rivendicato l'attacco alla Gioconda del 28 gennaio, chiedendo alla folla scioccata dopo aver lanciato la zuppa: “Cosa è più importante?” Arte o diritto al cibo sano e sostenibile?

Il gruppo ha poi affermato che lo scarico della zuppa ha segnato “l'inizio di una campagna di resistenza civile con una chiara richiesta… di sicurezza sociale con cibo sostenibile”.

Riposte Alimentaire si definisce “un movimento di resistenza civile francese che mira a stimolare un cambiamento sociale radicale per l’ambiente e la società”.

Imbecilli ambientalisti hanno versato della zuppa sul vetro antiproiettile che protegge la Gioconda di Leonardo da Vinci al Museo del Louvre a Parigi il 28 gennaio (nella foto)
La coppia si trova di fronte a poche opere d'arte, una delle quali rivela una maglietta bianca con la scritta “Riposte Alimentaire” (“Anti-Attacco Alimentare”).
Questo è il momento in cui i fanatici ambientalisti lanciano la zuppa di pomodoro alla Gioconda
Questo è il momento in cui i fanatici ambientalisti lanciano la zuppa di pomodoro alla Gioconda

Secondo il suo sito web, Riposte Alimentaire chiede al governo francese di garantire la sicurezza alimentare nel paese, compresa la distribuzione di “carte alimentari” del valore di 150 euro “al mese a persona per l’acquisto di prodotti alimentari approvati”.

READ  La famiglia Ann Heishi combatte nella propria terra

Il sito web spiega anche che il gruppo è una propaggine di un più ampio gruppo di attivisti per il clima chiamato “Last Renovation” – parte di una campagna che ha visto i manifestanti prendere di mira monumenti storici, opere d’arte e pendolari in tutta Europa.

Il sito Riposte Alimentaire afferma che il gruppo è stato “creato a seguito della campagna Last Renovation, che nel 2022 e nel 2023 ha portato ad azioni in tutta la Francia per chiedere un piano di rinnovamento energetico per gli edifici”.

Per saperne di più: Ecco come fermare i manifestanti ambientalisti! L’Italia impone multe di 50.000 sterline ai sabotatori del clima

“Grazie alla comunità di resistenza civile che ha ottenuto la prima vittoria, la recente campagna di rinnovamento si è spostata verso un tema più ambizioso e sistemico: la sicurezza sociale per un’alimentazione sostenibile”, aggiunge.

Ma la pagina spiega anche che Riposte Alimentaire e Last Generation fanno parte di un gruppo più ampio di attivisti, che rientrano nella rete “A22”.

“La Francia e altri 11 paesi in tutto il mondo stanno coordinando i loro sforzi per compiere il primo passo urgente ed essenziale, a livello nazionale, per attuare veramente la trasformazione necessaria delle nostre società”, afferma il sito, prima di elencare gli altri gruppi.

Gli attivisti sotto l'egida della A22 hanno versato tintura nera sulla famosa Fontana di Trevi di Roma chiedendo la fine dei combustibili fossili. Altri hanno dipinto di verde i famosi canali di Venezia.

I manifestanti di ultima generazione hanno anche bloccato le strade trafficate nelle ore di punta in alcune delle città più trafficate d'Europa, costringendo la gente del posto a trascinarli fuori strada.

A22 comprende anche Just Stop Oil, un gruppo britannico che ha effettuato azioni simili nel Regno Unito, con grande sgomento dei politici e del pubblico.

Nell'ottobre 2022, due attivisti del gruppo Just Stop Oil hanno fatto notizia quando hanno spruzzato zuppa di pomodoro sul vetro che proteggeva il dipinto “Girasoli” dell'artista olandese Vincent van Gogh alla National Gallery di Londra.

All’epoca si lamentavano del fatto che gli amanti dell’arte si preoccupavano più dei dipinti che del pianeta.

READ  Kanye West ha messo in vendita la sua casa sulla spiaggia di Malibu per 53 milioni di dollari
L'anno scorso, gli attivisti climatici si sono tuffati nelle acque della famosa Fontana di Trevi di Roma e hanno versato un liquido nero che simboleggia il petrolio.
Gli attivisti di Extinction Rebellion hanno colorato di verde i canali di Venezia a dicembre per protestare contro ciò che il gruppo all'epoca definì la mancanza di progressi nei negoziati sul clima durante la conferenza Cop-28 a Dubai.
Tre attivisti ambientali si attaccano alla copertura in vetro del famoso dipinto rinascimentale nella Sala di Botticelli alla Galleria degli Uffizi in Italia nel luglio 2022.
Attivisti di ultima generazione lanciano farina contro un'auto dipinta dall'icona della pop art ed esposta al Fabrica del Vapor Art Center di Milano, nel novembre 2022.

Il sito elenca anche gruppi in Svezia, Stati Uniti, Germania, Svizzera, Norvegia, Italia, Nuova Zelanda, Danimarca, Canada e Austria.

Nella sua difesa dell'acrobazia della Gioconda, Riposte Alimentaire ha citato un sondaggio condotto lo scorso anno su 996 persone dal gruppo di sondaggi Ipsos, da cui è emerso che un francese su tre non sempre è in grado di permettersi abbastanza cibo sano per tre pasti al giorno.

Per saperne di più: I fanatici ambientalisti del film “Last Generation” vengono ritirati dal percorso della maratona di Berlino dalla polizia tedesca dopo che gli attivisti hanno lanciato vernice arancione e hanno cercato di fermare i corridori

Il membro Till van Elst ha affermato che il gruppo vuole che lo Stato permetta alle persone di acquistare prodotti alimentari selezionati a prezzi scontati attraverso una tessera di previdenza sociale specializzata. Secondo questo schema, i consigli democratici sceglieranno quali prodotti alimentari saranno sovvenzionati.

“Vogliamo che i cittadini siano davvero in grado di decidere cosa c'è nei loro piatti”, ha detto all'AFP.

Il ministro della Cultura Rachida Dati ha criticato l'attacco alla zuppa.

“La Gioconda, come nostra eredità, appartiene alle generazioni future. Non c'è motivo che possa giustificare il suo targeting”, ha scritto su X, in precedenza su Twitter.

L'Italia, in particolare, è stata testimone di numerosi atti clamorosi, che hanno spinto il Paese a emanare una legge che impone agli attivisti multe fino a 50.000 euro per forme di protesta.

L'anno scorso, gli attivisti climatici si sono tuffati nelle acque della famosa Fontana di Trevi di Roma e hanno versato un liquido nero che simboleggia il petrolio.

“Il nostro Paese sta morendo”, hanno cantato dopo aver spiegato uno striscione mentre i turisti in visita al memoriale scattavano foto, applaudivano e fischiavano.

Mentre il gruppo ha affermato che il liquido è fatto di carbonio e non danneggerebbe la fontana, il sindaco di Roma ha affermato che in ogni caso la città dovrà smaltire e sostituire 300.000 litri d'acqua che circolano nella Fontana di Trevi.

Il gruppo ha anche gettato vernice sul famoso teatro dell'opera La Scala di Milano, cibo sul vetro che proteggeva dipinti famosi e ha spruzzato vernice arancione sul Senato italiano.

Nell'ottobre 2022, due attivisti (nella foto) del gruppo Just Stop Oil hanno fatto notizia quando hanno spruzzato zuppa di pomodoro sul vetro che proteggeva il dipinto “Girasoli” dell'artista olandese Vincent van Gogh alla National Gallery di Londra.
Gli attivisti ambientali di Just Stop Oil camminano lentamente da Trafalgar Square, nel centro di Londra, mentre continuano la loro ultima tornata di proteste contro i combustibili fossili a Londra, nel Regno Unito, il 20 novembre 2023.

I suoi membri hanno anche bloccato il traffico, facendo arrabbiare gli automobilisti.

READ  Jan Smart riceve una stella sulla Hollywood Walk of Fame

Molti video mostravano attivisti seduti in mezzo a strade trafficate, causando lunghi ingorghi nelle ore di punta del mattino e del pomeriggio.

Ciò ha invariabilmente portato membri del pubblico a prendere in mano la situazione, strappando cartelli dalle mani degli attivisti e trascinandoli fuori strada.

Leggi di più: Lo yacht da 241 milioni di sterline dell'ereditiera Walmart Nancy Walton Lowry vandalizzato da un'eco-mob: attivisti vegani spruzzano vernice rossa e nera sulla nave a Ibiza prima di srotolare lo striscione “Consumi la sofferenza degli altri” nell'ultima protesta sul clima Vegetarian Futuro

A ottobre, automobilisti infuriati hanno preso a calci e trascinato i manifestanti per il clima che bloccavano il traffico a Milano.

Una ventina di attivisti di “Ultima Generazione” – ovvero l'ultima generazione – hanno bloccato la strada, facendo arrabbiare molti automobilisti rimasti imbottigliati nel traffico.

Il filmato mostrava un certo numero di attivisti seduti a un punto di passaggio sopra la strada a più corsie in un incrocio trafficato, che causavano caos agli automobilisti nelle ore di punta unendo le mani e alzando un segnale arancione di emergenza climatica.

Diversi automobilisti, arrabbiati per i manifestanti che bloccavano loro la strada, sono scesi dalle auto e si sono accalcati insieme per portarli fuori strada in scene scioccanti catturate in video.

In Italia sono attivi anche altri gruppi di attivisti per il clima.

A dicembre, i manifestanti di Extinction Rebellion hanno usato della tintura per tingere di verde il famoso Canal Grande di Venezia, per protestare contro ciò che all'epoca definivano la mancanza di progressi al vertice sul clima COP28 a Dubai.

Gli attivisti del gruppo sono stati visti penzolare dal Ponte di Rialto sul canale con l'aiuto di elmetti di protezione e corde da arrampicata, mentre reggevano uno striscione con la scritta: “COP28: Mentre il governo parla, noi siamo appesi a un filo”.

E nel 2022, i fanatici ambientalisti italiani hanno messo le mani sul capolavoro di Botticelli Primavera alla Galleria degli Uffizi di Firenze.

Nello stesso anno, 11 attivisti gettarono farina su un'auto dipinta da Andy Warhol che era esposta al Centro d'Arte Fabbrica del Vapor di Milano.