Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Netflix respinge l’affermazione della “vera Martha” con la difesa di Baby Reindeer

Netflix respinge l’affermazione della “vera Martha” con la difesa di Baby Reindeer

Netflix ha fatto un raro commento su Cucciolo di renna scandalo dopo essere stata citata in giudizio dalla “vera Martha” – e lei ha sottilmente criticato la controversia che circonda la sua presunta interpretazione nello show.

È stato rivelato giovedì (6 giugno) che la laureata in giurisprudenza scozzese Fiona Harvey, che si ritiene abbia ispirato il personaggio interpretato da Jessica Gunning nella serie di successo Richard Gadd, aveva citato in giudizio Netflix per 50 milioni di dollari (39 milioni di sterline).

Questo sviluppo arriva dopo che Harvey ha parlato delle sue presunte riprese durante una controversa intervista con Piers Morgan il mese scorso.

Netflix è stato messo sotto accusa dopo l’uscita della serie di film biografici di successo, scritta e interpretata dal comico Gad, l’11 aprile, con molti che mettono in dubbio l’efficacia dei protocolli di sicurezza del servizio di streaming.

Mentre sempre più investigatori cercano di trovare i personaggi della vita reale che hanno ispirato la serie, questa è stata acclamata dalla critica Cucciolo di renna Ha ricevuto una reazione negativa, e molti si sono chiesti se si sarebbero potute adottare misure più protettive per impedire agli spettatori di identificarli.

La serie segue il comico in difficoltà Donnie Dunn (Gad) che è stato incessantemente molestato e perseguitato da Martha Scott (Jessica Gunning) per oltre quattro anni e, sin dalla premiere della serie, è diventato una sensazione virale.

READ  Katie Holmes e Bobby Wooten III si sarebbero separati

Mentre lo spettacolo scalava le classifiche più viste del servizio, gli spettatori cercavano di scoprire l’ispirazione nella vita reale dietro i personaggi controversi dello spettacolo, inclusa Martha, in una mossa che Gad stesso ha criticato.

Gad è stato anche costretto a chiudere le speculazioni sulla vera identità del personaggio che lo ha adescato e aggredito sessualmente – un evento traumatico della vita di Gad – poiché ha portato a false accuse da parte di spettatori curiosi.

Netflix è rimasta in silenzio sulla questione, ma dopo che Harvey ha intentato una causa contro il servizio, un portavoce ha detto: “Intendiamo difendere vigorosamente questa questione e sostenere il diritto di Richard Judd di raccontare la sua storia”.

Logo dell'Apple TV Plus

Guarda Apple TV+ gratis per 7 giorni

Solo nuovi abbonati. £ 8,99/mese. Dopo la prova gratuita. Pianifica il rinnovo automatico fino all’annullamento

Prova gratis

Logo dell'Apple TV Plus

Guarda Apple TV+ gratis per 7 giorni

Solo nuovi abbonati. £ 8,99/mese. Dopo la prova gratuita. Pianifica il rinnovo automatico fino all’annullamento

Prova gratis

In un’altra apparente risposta, Netflix sembrava aver criticato sottilmente la causa di Harvey raddoppiando il suo sostegno allo spettacolo rilasciando il nastro dell’audizione di Gunning per Martha.

Jessica Gunning nel ruolo di Martha in Baby Reindeer
Jessica Gunning nel ruolo di Martha in Baby Reindeer (Netflix)

Harvey, che a maggio aveva avvertito di voler intraprendere un’azione legale contro Netflix, avrebbe affermato nella causa appena intentata di essere stata molestata da persone in tutto il mondo a causa della serie e dell’incapacità di Netflix di proteggere adeguatamente la sua identità.

La 58enne accusa il colosso dello streaming di aver rovinato la sua reputazione con la sua interpretazione di Martha, sostenendo nei documenti legali che non ha mai perseguitato o aggredito sessualmente Gadd, e non è mai stata condannata penalmente per stalking.

READ  L'attrice di 'Supernatural' Nikki Aycox è morta all'età di 47 anni

Gli avvocati di Harvey chiedono un processo con giuria presso la corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto centrale della California, nel tentativo di recuperare i “danni effettivi” di 50 milioni di dollari (39 milioni di sterline), più i costi delle spese legali e degli interessi.