Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Morte di Arno A.  Penzias, 90 anni;  Il fisico vincitore del Premio Nobel ha confermato la teoria del Big Bang

Morte di Arno A. Penzias, 90 anni; Il fisico vincitore del Premio Nobel ha confermato la teoria del Big Bang

Arno A., è morto lunedì a San Francisco. Penzias, le cui indagini astronomiche hanno fornito prove indiscutibili dell'esistenza di un universo dinamico in evoluzione con un chiaro punto di origine, confermando quella che divenne nota come la teoria del Big Bang. Aveva 90 anni.

Suo figlio, David, ha detto che la sua morte in una casa di cura è stata dovuta a complicazioni del morbo di Alzheimer.

Il Dr. Penzias (pronunciato PEN-zee-as) partecipò al semestre del 1978 Premio Nobel per la fisica con Robert Woodrow Wilson Per la loro scoperta nel 1964 della radiazione cosmica di fondo a microonde, residuo di un'esplosione che diede vita all'universo circa 14 miliardi di anni fa. Questa esplosione, conosciuta come Big Bang, è oggi la spiegazione ampiamente accettata per l’origine e l’evoluzione dell’universo. (Un terzo fisico, Pyotr Kapitsa dalla Russia, ha ricevuto l'altra metà del premio, per i suoi progressi nello sviluppo dell'elio liquido.)

Fino a quando il dottor Penzias e il dottor Wilson pubblicarono le loro osservazioni, la teoria del Big Bang era in concorrenza con la teoria dello stato stazionario, che prevedeva una distesa più stabile e senza tempo che cresceva nello spazio infinito, con la formazione di nuova materia per colmare le lacune.

Alla fine, la scoperta del dottor Penzias e del dottor Wilson risolse la controversia. Tuttavia, questo è stato il risultato fortuito di un’indagine completamente diversa.

Nel 1961, il dottor Penzias si unì ai Bell Laboratories di AT&T a Holmdel, nel New Jersey, con l'obiettivo di utilizzare un'antenna radio, che era stata sviluppata per le comunicazioni satellitari, come radiotelescopio per effettuare misurazioni cosmologiche.

“La prima cosa a cui ho pensato è stato di studiare la galassia in un modo che nessun altro era stato in grado di fare”, ha detto in una delle conversazioni. Intervista del 2004 Con la Fondazione Nobel.

Nel 1964, mentre preparavano un'antenna per misurare le proprietà della Via Lattea, il dottor Penzias e il dottor Wilson, un altro giovane radioastronomo che era nuovo ai Bell Labs, incontrarono un sibilo persistente e inspiegabile di onde radio che sembravano provenire dall'essere rilevato ovunque nel cielo, indipendentemente dalla direzione in cui è puntata l'antenna. Confusi, pensavano a diverse fonti di rumore. Pensavano che avrebbero potuto captare il radar, il rumore di New York City o le radiazioni di un'esplosione nucleare. Oppure il colpevole potrebbero essere gli escrementi dei piccioni?

Mentre esaminavano l'antenna, il dottor Penzias e il dottor Wilson “sottoposero i suoi circuiti elettrici a un esame simile a quello utilizzato nella preparazione di un veicolo spaziale con equipaggio”, scrisse Walter Sullivan nel suo libro. Il New York Times nel 1965. Tuttavia, il misterioso sibilo rimaneva.

READ  L'immagine della Stazione Spaziale Internazionale ripresa dalla Terra è così nitida che si possono vedere gli astronauti

Le basi cosmologiche del rumore sono state finalmente spiegate con l'aiuto dei fisici dell'Università di Princeton, che hanno ipotizzato che potrebbero esserci radiazioni provenienti da tutte le direzioni lasciate dal Big Bang. Si scopre che questo ronzio era solo un'eco cosmica. Ha confermato che l’universo non era infinitamente vecchio e statico, ma piuttosto iniziò come una palla di fuoco primordiale che lasciò l’universo immerso nella radiazione di fondo.

Il dottor Penzias disse anni dopo che questa scoperta intensificò il suo interesse per l'astronomia. Lui e il dottor Wilson hanno continuato a scoprire dozzine di tipi di molecole nelle nubi interstellari dove si stanno formando nuove stelle.

“La loro scoperta rappresenta una transizione tra un periodo in cui la cosmologia era più filosofica, con pochissime osservazioni, e l’età d’oro della cosmologia osservativa”, ha affermato Paul Halpern, fisico della St. Joseph’s University di Filadelfia e autore di Flashes of Creation. : George Gamow, Fred Hoyle e il dibattito sul Grande Big Bang“,” ha detto in un'intervista telefonica.

Questa scoperta non solo ha contribuito a consolidare la grande narrativa dell’universo; Ha anche aperto una finestra attraverso la quale è stato possibile esplorare la natura della realtà, tutto come risultato di quel fastidioso sibilo sentito per la prima volta 60 anni fa da due fisici alle prime armi alla ricerca di qualcos'altro.

Arno Alain Penzias è nato il 26 aprile 1933 a Monaco da genitori ebrei, Karl e Justine (Eisenreich) Penzias. Il dottor Penzias fece poi notare, a quasi chiunque incontrasse, che la sua nascita coincideva con il giorno e il luogo in cui fu creata la Gestapo, la polizia segreta tedesca.

Suo padre era un commerciante di pelletteria all'ingrosso. Sua madre, che gestiva la casa, si era convertita al giudaismo dal cattolicesimo romano nel 1932.

Nell'autunno del 1938 i Penzia furono arrestati e caricati su un treno per la deportazione in Polonia.

“Per nostra fortuna, i polacchi hanno smesso di accettare gli ebrei poco prima che il nostro treno raggiungesse il confine”, ha detto il dottor Penzias in un elogio funebre durante il funerale di sua madre nel 1991. Il treno è tornato a Monaco. Nella tarda primavera del 1939, Arno, 6 anni, e suo fratello Gunther, 5, furono caricati su un treno come parte del Child Transport, l'operazione di salvataggio britannica che portò circa 10.000 bambini in Inghilterra.

READ  Prove: l'ultimo test del razzo lunare della NASA prima del lancio

Sua madre ha chiesto ad Arno di prendersi cura di suo fratello. “Mi sono reso conto solo molto più tardi che non sapeva se avrebbe mai più rivisto qualcuno di noi”, ha detto nel suo elogio funebre.

“A ciascuno di noi è stata regalata una grande scatola di cioccolatini”, ricorda al telefono Günter Penzias. Mi sono addormentato sul treno e mi hanno rubato la borsa. Quindi Arno lo ha condiviso con me.

I genitori dei ragazzi riuscirono a lasciare la Germania per l'Inghilterra e la famiglia arrivò a New York City nel 1940. Karl e Justine trovarono lavoro come supervisori in una serie di condomini nel Bronx, che diedero alla famiglia un posto dove vivere.

Il dottor Penzias ha detto al New Yorker di aver frequentato la Brooklyn Technical High School e di “essersi avvicinato alla chimica”. nel 1984. Si iscrisse al City College di New York nel 1951 con l'intenzione di studiare chimica, ma scoprì di aver già imparato troppo della materia. Dopo che uno dei suoi professori gli assicurò che avrebbe potuto guadagnarsi da vivere come fisico, cambiò specializzazione, laureandosi nel 1954. Quell'anno sposò Anne Barras, una studentessa dell'Hunter College. Hanno divorziato nel 1995.

Dopo due anni come ufficiale radar nell'Esercito Signal Corps, entrò nella scuola di specializzazione della Columbia University, dove conseguì un master e un dottorato in fisica, quest'ultimo nel 1962.

Ma il percorso del dottor Penzias per trovare la risposta a una delle domande più importanti dell'umanità è iniziato un anno fa, quando è entrato a far parte del gruppo di ricerca radiofonica dei Bell Labs a Holmdel.

Lì, vide il potenziale della nuova antenna per comunicazioni spaziali di AT&T, un gigantesco radiotelescopio noto come Holmdel Horn, come strumento per l'osservazione cosmica. Collaborando con il Dr. Wilson nel 1964 per utilizzare l'antenna, uno dei loro obiettivi era quello di far avanzare il campo emergente della radioastronomia misurando accuratamente molte sorgenti celesti luminose, ha affermato il Dr. Wilson in una recente intervista.

Ma poco dopo aver iniziato le misurazioni, hanno sentito un sibilo. Hanno trascorso mesi escludendo possibili cause, compresi i piccioni.

“I piccioni andavano ad appollaiarsi sulla piccola estremità del corno, depositando quella che Arno chiamava una sostanza isolante bianca”, ha detto il dottor Wilson. “E non sapevamo se le feci dei piccioni producessero radiazioni.” Allora gli uomini salirono e lo ripulirono. Il rumore continuava.

READ  Guarda 4 lanci di missili nel webcast gratuito giovedì 4 agosto

Alla fine, è stata la propensione del dottor Penzias a chiacchierare al telefono a portare a una svolta fortuita. (“È stata una buona cosa che abbia lavorato per la compagnia telefonica”, ha detto il dottor Wilson, “perché gli piaceva usare le loro macchine. Ha parlato con molte persone.”)

Nel gennaio 1965, il dottor Penzias chiamò Bernard Burke, un collega radioastronomo, e durante la loro conversazione menzionò lo sconcertante sibilo. Il dottor Burke suggerì al dottor Penzias di contattare un fisico dell'Università di Princeton che stava cercando di dimostrare che il Big Bang aveva lasciato tracce di radiazione cosmica. egli fece.

Incuriositi, gli scienziati di Princeton visitarono il dottor Penzias e il dottor Wilson e insieme stabilirono il collegamento tra il Big Bang. La teoria e l'osservazione furono poi riunite in due articoli pubblicati nel 1965.

Il dottor Penzias è rimasto ai Bell Labs per quasi quattro decenni, trascorrendo 14 anni come vicepresidente della ricerca. I suoi interessi andavano oltre la scienza, negli affari, nell'arte, nella tecnologia e nella politica. Dopo il suo discorso di accettazione del Premio Nobel nel 1978 a Stoccolma, si recò direttamente a Mosca per tenere una conferenza sulle sue scoperte a un gruppo di scienziati che disapprovavano. In seguito aiutò molti di loro a lasciare l'Unione Sovietica.

Nel 1992 il Dr. Penzias fece donare il ricevitore e l'attrezzatura di calibrazione dell'Holmdel Horn al Deutsches Museum di Monaco, dove fa parte dell'esposizione permanente.

Sua figlia, il rabbino L., ha detto. Shifra Weiss-Penzias, in un'intervista: “È stato molto importante per i miei genitori ricordare loro ciò che avevano perso”. “Voleva che il suo lavoro fosse un ricordo vivente dei rifugiati che se ne sono andati e delle persone che sono morte.”

Il dottor Penzias ha sposato Sherri Levitt, una dirigente della Silicon Valley, nel 1996. Oltre a sua figlia; Suo figlio Davide. Suo fratello, Gunther Dr. Penzias, lascia la moglie. un'altra figlia, Mindy Dirks; figliastro Carson Leavitt. la figliastra Victoria Zaroff; 12 nipoti; e tre nipoti.

Poco dopo l'annuncio del Premio Nobel, il presidente Jimmy Carter ha inviato un telegramma di congratulazioni al dottor Penzias. “Sono arrivato negli Stati Uniti 39 anni fa come rifugiato senza un soldo dalla Germania nazista”, ha risposto, aggiungendo che per lui e la sua famiglia “l’America significava un rifugio di sicurezza così come una terra di libertà e opportunità”.